Notizie Nazionali Cronaca

Strage dei Georgofili, i parenti delle vittime: manca ancora il dieci per cento della verità

Dopo 30 anni restano molte domande senza risposta

Print Friendly and PDF

Nella notte, con la bolgia turistica non ancora cessata, Firenze ha ricordato le cinque vittime di via dei Georgofili, la prima e più eclatante tra le stragi mafiose del 1993. All’1,04, esattamente trent’anni dopo, il corteo silenzioso che si era mosso qualche minuto prima da piazza della Signoria è giunto nel vicolo alle spalle degli Uffizi dove esplose il furgoncino imbottito di 200 chili di esplosivo. In testa i gonfaloni del Comune, poi le autorità, dietro centinaia di fiorentini. Nell’aria solo rumore di passi, il silenzio suonato da un fiato, un applauso finale.

Le parole sono per il giorno: convegni, ricordi, manifestazioni, incontri nelle scuole, inaugurazioni di mostre. I resti accartocciati della QuartoSavona15, l’auto su cui viaggiava Falcone a Capaci, esposti in una teca, con un poliziotto a fare da Cicerone per i turisti stranieri in impeccabile inglese. L’Accademia dei Georgofoli aperta fino a sera. I disegni e i temi dei bambini della scuola intitolata a Nadia Nencioni, la bambina uccisa quella notte e autrice della poesia Tramonto incisa sul luogo della strage. Restano, oltre la memoria, le domande ancora senza risposta. Secondo l’associazione dei parenti delle vittime, il 90 per cento della verità è stato accertato, con 32 mafiosi condannati tra ideatori, organizzatori ed esecutori delle stragi. Quanto al 10 per cento mancante, tre Procure indagano su possibili mandanti esterni a Cosa Nostra. Anche la premier Giorgia Meloni ricorda le vittime: «Nessun fiorentino, nessun italiano, potrà mai dimenticare la strage dei Georgofili. Così come nessuno potrà mai cancellare dalla memoria quegli anni così difficili per la nostra nazione, segnati da altri sanguinosi attentati e stragi».

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
27/05/2023 15:33:17


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Molestie e ricatti sessuali sul lavoro: i dati sono impressionanti >>>

Buitoni e la pizza contaminata: due bimbi morti, 56 con lesioni gravi >>>

Strage di Erba, non ci sarà un nuovo processo: Olindo e Rosa restano all'ergastolo >>>

Allerta rossa per il vulcano Stromboli >>>

Omicidio nella fonderia: Giacomo Bozzoli condannato all'ergastolo >>>

Porta due donne in caserma per fare sesso e segna un’ora di straordinario >>>

Sassari, assalto alla Mondialpol: banditi pronti a uccidere >>>

Brutte notizie per lo Spritz, la Guardia di Finanza mette Campari nel mirino >>>

La distruzione e la morte di Calissano: "Così gli hanno rubato mezzo milione di euro" >>>

Se il “no” arriva dopo 20 secondi non è violenza sessuale. L’assurda sentenza che indigna >>>