Notizie Locali Sanità

“Mamma segreta” si rinnova anche in Asl Tse

Il progetto toscano per i parti in anonimato

Print Friendly and PDF

“Mamma segreta”, il progetto toscano per i parti in anonimato e il sostegno a madri e nascituri, compie ventiquattro anni e si ripropone nel 2023 con alcune novità. La giunta regionale ha aggiornato infatti di recente le linee di indirizzo del percorso rivolto a tutte le donne che abbiano manifestato incertezza rispetto al riconoscimento del proprio bambino o la volontà di non procedere al riconoscimento. Ed ha avviato una campagna di sensibilizzazione ed ascolto dal titolo "Non abbandonarlo, parla con noi" i cui materiali informativi sono disponibili in una apposita pagina web dedicata del sito regionale.

Anche la Asl Tse ha  elaborato una rinnovata procedura sulla base delle indicazioni regionali

"La donna che vive l'esperienza della gravidanza in condizione di forte disagio-commenta il direttore del dipartimento materno infantile Asl Tse Flavio Civitelli- deve poter scegliere consapevolmente il proprio futuro e quello del nascituro e deve essere adeguatamente sostenuta e protetta, sia che voglia sviluppare le proprie competenze genitoriali, sia che voglia avvalersi della possibilità di non risconoscere il bambino. La scelta di non riconoscimento del figlio alla nascita rappresenta un fenomeno che richiede un percorso organizzativo assistenziale solido e condiviso. Per questo come azienda,sulla base delle rinnovate linee guida regionali, abbiamo aggiornato e rafforzato la procedura esistente per individuare azioni di prevenzione e di tutela a carattere aziendale che permettano alla donna di conoscere ed affrontare con consapevolezza il percorso prescelto"

"Nella rinnovata procedura- spiega la dott.ssa Patrizia Petruccioli UO Direzione Ostetrica Aziendale  viene sottolineata l’importanza dei criteri che sono alla base dell’accoglimento e presa in cura della donna che sceglie il percorso mamma segreta, come la formazione degli operatori, l'informazione e la sensibilizzazione delle donne verso questa possibilità, la tutela della scelta di anonimato, l'accompagnamento della donna e del neonato, sono state delineate tre fasi operative :

- Primo contatto 

- Sostegno alla gravidanza e dopo il parto 

- Reinserimento sociale 

Per quantro riguarda la provincia di Arezzo inoltre esite una apposita cartella informatizzata che permette di anonimizzare tutti i dati della donna e, se c'è un ripensamento, di rimettere successivamente in chiaro tutte le informazioni.

Il neonato viene accolto nella neonatologia del Punto Nascita che ne è responsabile fino al momento dell'individuazione della coppia affidataria/adottiva, entro 10 giorni dalla nascita per consentire l'effettuazione della denuncia di nascita entro i termini di legge”

Dati relativi ai parti in anonimato in Asl Tse negli ultimi 6 anni

2017 - 2

2018 - 6

2019 - 10

2020 - 2

2021 - 0

2022 - 2

Redazione
© Riproduzione riservata
21/03/2023 11:14:42


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Sanità

Donazione al Centro Ictus di Città di Castello da parte delle Farmacie Tifernati >>>

Installata la nuova Tac di ultima generazione all’ospedale San Donato di Arezzo >>>

Prevenire il melanoma e i tumori della pelle con la diagnosi precoce e le buone pratiche >>>

Presa in carico della persona con disabilità >>>

Giampaolo Di Piazza confermato Direttore della UOC Psichiatria dell’area provinciale aretina >>>

Asma grave, la Toscana adotta nuove indicazioni per l’assistenza di chi ne è affetto >>>

Patologie respiratorie e riabilitazione, un corso di quattro giorni al San Donato di Arezzo >>>

Ospedale Umbertide, donato un videolaringoscopio per il Pronto Soccorso >>>

Senologia, una giornata di educazione e sensibilizzazione per la prevenzione delle patologie >>>

Ospedale Valdarno, donati aerosol per i bambini della Pediatria >>>