Notizie Locali Eventi

Moni Ovadia in visita all’azienda “Ceramiche Noi”, simbolo resilienza e creatività

“Quello che da anni state facendo con orgoglio e capacità è esemplare e commovente"

Print Friendly and PDF

“Esempio di resilienza, solidarietà, determinazione e grande creatività nel portare avanti insieme un’attività che dà lustro a Città di Castello e al nostro paese. Quello che da anni state facendo con orgoglio e capacità superando mille ostacoli è davvero esemplare, commovente. Siete bellissime persone, lavoratori che credono in quello che fanno e trasmettete a tutti noi, valori ed ideali positivi di cui siamo grati”. E’ quanto dichiarato da Moni Ovadia, regista e attore di fama internazionale nel corso di una visita presso l’azienda Ceramiche Noi alla presenza del sindaco, Luca Secondi, che il poliedrico artista, protagonista dell’applaudita anteprima nazionale al Teatro degli Illuminati de “L’altra Teresa”, messa in scena in forma di concerto del celebre libro “Memorie di una ladra” di Dacia Maraini, ha effettuato assieme al maestro Fabio Battistelli, musicista tifernate e alle “colleghe” di compagnia teatrale, Giovanna Famulari  e Chiara Raggi, musicista e rappresentante della produzione Musica di seta. Una visita che Moni Ovadia aveva in agenda da tempo non avendo potuto partecipare per impegni di lavoro, lo scorso mese di dicembre, al concerto di Natale al “lume di candela” proprio nello stabilimento di ceramiche. Ovadia è stato accolto dai soci-lavoratori della Cooperativa e dal Presidente, Marco Brozzi e amministratore, Lorenzo Giornelli. “Siamo stati davvero onorati della visita di Moni Ovadia, una grandissima persona oltre che illustre professionista, i suoi elogi e congratulazioni non possono che farci riflettere su tutto quello che stiamo facendo dalla rinascita di ormai più di 4 anni”, ha affermato, Marco Brozzi. “Sembrava un’impresa impossibile ed invece siamo ancora qui nonostante le mille difficoltà e questo lo dobbiamo anche e soprattutto al grande supporto della nostra comunità e amministrazione comunale – ha proseguito Lorenzo Giornelli - che ci ha sempre dimostrato la vicinanza anche nei momenti più bui come la crisi energetica che è ancora in atto e che sta attanagliando migliaia di imprese come la nostra; non ci siamo mai dati per vinti e mai lo faremo combattendo sempre con ogni arma, guardiamo ad un futuro Green e Sostenibile oltre che sociale per cui stiamo lavorando ad importanti nuovi progetti che vedranno al centro anche la nostra amata città e comunità, perché ormai siamo in una epoca dove non basta più saper fare impresa ma bisogna farla bene e rispettare le persone senza delle quali non ci sarebbe nulla”, ha concluso Giornelli, “augurando a Moni Ovadia, al caro amico Fabio Battistelli e a tutto il cast di “L’altra Teresa” un grande in bocca al lupo per il tour che li vedrà protagonisti certi del fatto che sarà un grande successo”. Proprio in questi giorni Citta’ di Castello con la sua ceramica d’autore ha brillato, all’esposizione di oltre 100 opere aperta per la prima volta a Expo Casa dalla Strada della Ceramica in Umbria e dall’Associazione Italiana Città della Ceramica, a cui la città ha contribuito con le creazioni dei propri maestri artigiani.” Della “vetrina tifernate”, allestita sotto il coordinamento di Giada Colacicchi, fanno parte Luca Baldelli, che ha portato in mostra i “Dervisci rotanti” dove il colore danza con la forma;  Simona Baldelli, che ha presentato un’opera dalla linea delicata ispirata alla pratica orientale del Kintsugi, che nella ceramica intende ricomporre le fratture della vita; Fanette Cardinali, che ha selezionato dalla propria collezione un pezzo di forte e al contempo aggraziata ondulazione che dalla natura prende le tinte; Francesco Fantini, che ha proposto una ciotola dalla forma semisferica che ha la caratteristica di essere ‘sonante’, grazie ad un particolare innesto di materiali granulati all’interno dell’opera; Ceramiche Noi, realtà produttiva balzata agli onori delle cronache internazionali per l’iniziativa dei dipendenti che si sono messi in società per continuare a lavorare e come simbolo dei sacrifici contro la crisi energetica, che ha reso omaggio all’arte di Alberto Burri con la collezione degli “Ori e i Cretti”. “Una presenza di cui siamo orgogliosi, perché rispecchia bene la produzione attuale del nostro territorio, che mescola la genialità artistica con i moderni processi industriali, e sottolinea l’impegno per la promozione e la crescita del settore che abbiamo preso come amministrazione comunale attraverso le adesioni, a distanza di poco tempo, all’Associazione Italiana Città della Ceramica e all’associazione La Strada della Ceramica in Umbria, con i cui presidenti, Massimo Isola Michele Toniaccini, siamo in piena sintonia”, ha dichiarato il sindaco Luca Secondi.

Redazione
© Riproduzione riservata
13/03/2023 14:18:37


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Eventi

Quattro date a Sansepolcro per le celebrazioni del centenario della morte di Giacomo Puccini >>>

Al via tre iniziative di rilievo siglate Ecomuseo del Casentino >>>

"Concertisti": venerdì terzo appuntamento per Pieve Classica >>>

Attori “speciali” di un progetto “speciale” al Teatro di Città di Castello >>>

Franco Cardini presenta ad Arezzo il libro “La deriva dell’occidente” >>>

Educazione finanziaria, gli incontri di Poste italiane in provincia di Arezzo >>>

Luna Park a Sansepolcro, inaugurazione il 24 febbraio >>>

Anghiari, una tavola rotonda dal titolo "L’impegnativa eredità di don Milani" >>>

Trionfa la Proloco di Santa Fiora al carnevale di Sansepolcro >>>

Iniziative della Fondazione Burri rivolte a celebrare l’anniversario della nascita del Maestro >>>