Notizie Nazionali Attualità

Meloni dal Papa con la famiglia. La prima visita da premier in Vaticano

l faccia a faccia dura 35 minuti: “Si è parlato di migranti, famiglia, natalità, povertà e Ucraina”

Print Friendly and PDF

Oggi è il giorno tanto atteso dell’incontro tra Francesco e la premier italiana. Il Papa stamani riceve in Vaticano il presidente del Consiglio dei Ministri Giorgia Meloni. Si tratta del suo esordio Oltretevere da Capo del Governo. La prima premier donna della storia italiana arriva dentro le sacre mura con la famiglia, la figlia Ginevra e il compagno Andrea Giambruno. L'incontro con il Pontefice è in programma alle 10, e durerà 35 minuti. Gli presenta i suoi collaboratori, a cominciare da Mantovano, «grande cattolico». Tra gli omaggi che il Presidente del Consiglio consegnerà a Jorge Mario Bergoglio, un libro di Maria Montessori e un angelo. L’udienza proseguirà con il cardinale segretario di Stato Parolin e con il «ministro degli Esteri» monsignor Gallagher. Nella mattina dentro i Sacri Palazzi si parla in particolare di migranti, famiglia, natalità, povertà e guerra in Ucraina. 

Nella recente intervista a La Stampa il Vescovo di Roma, alla domanda su che cosa avrebbe detto nel colloquio con Giorgia Meloni, ha risposto: «Non voglio interferire nelle questioni politiche specifiche italiane. C’è un governo legittimo, votato dal popolo, è all’inizio del suo percorso, e auguro il meglio a chi lo guida e ai suoi collaboratori, e anche all’opposizione affinché sia collaborativa, perché il governo è di tutti, e ha come compito e obiettivo il bene comune, e come unico orizzonte a cui puntare un futuro migliore per l’Italia. Domenica abbiamo celebrato la Giornata Mondiale dei Poveri: come a tutti i governanti di ogni Paese, chiedo per favore di non dimenticare gli ultimi».

Mentre qualche settimana prima, sul volo di ritorno dal viaggio in Bahrein, interrogato sull’impressione che aveva del nuovo governo italiano, per la prima volta guidato da una donna, disse: «È una sfida. Il nuovo governo incomincia adesso, io gli auguro il meglio perché possa portare l’Italia avanti. E tutti gli altri che sono contrari al partito vincitore, collaborino, con spirito critico, con l’aiuto, ma serve un governo di collaborazione, non un governo dove “ti muovono il viso” (espressione spagnolo-argentina, ndr), ossia “ti fanno cadere” se non piace una cosa o l’altra. Per favore io su questo chiamo alla responsabilità. È giusto che dall’inizio del secolo fino a ora l’Italia abbia avuto 20 governi? Finiamola con questi scherzi…». 

Ad accogliere Meloni nel «Cortile di San Damaso», dove le guardie svizzere sono schierate nel picchetto d'onore, è il reggente della Casa pontificia, monsignor Leonardo Sapienza. Giorgia Meloni è vestita con un completo con i pantaloni nero; scuro l'abito del compagno e il cappottino della piccola Ginevra. Ad attendere la premier a San Damaso, prima del previsto incontro con Francesco, anche l'ambasciatore italiano presso la Santa Sede Francesco Di Nitto.

La Santa Sede informa che la Meloni «si è successivamente incontrata con il Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato di Sua Santità, accompagnato da Mons. Paul Richard Gallagher, Segretario per i Rapporti con gli Stati e le Organizzazioni Internazionali». Durante i «cordiali colloqui in Segreteria di Stato sono state sottolineate le buone relazioni bilaterali e si è fatto cenno ad alcune questioni relative alla situazione sociale italiana, con particolare riferimento ai problemi legati alla lotta alla povertà, alla famiglia, al fenomeno demografico e all’educazione dei giovani». Nel corso della conversazione «sono state prese in esame tematiche di carattere internazionale, con speciale riferimento all’Europa, al conflitto in Ucraina e alle migrazioni».

Il Presidente del Consiglio regala al Vescovo di Roma una copia de «La Santa Messa spiegata ai bambini» di Maria Montessori, del 1955, un volumetto contenente «Il Cantico delle creature» e «I Fioretti» di san Francesco d'Assisi, del 1920 e un angelo dalla sua collezione privata. Il Pontefice le dona invece un'opera in bronzo dal titolo «Amore sociale», raffigurante un bimbo che aiuta un altro a rialzarsi, con la scritta «Amare Aiutare». Il Papa dà al premier anche alcuni documenti: il «Messaggio per la Pace» di quest'anno, il «Documento sulla Fratellanza Umana. Per la Pace mondiale e la Convivenza comune», il libro sulla Statio Orbis del 27 marzo 2020, il volume sull'appartamento pontificio e il libro «Un'Enciclica sulla Pace in Ucraina».

Un clima cordiale quello ha caratterizza il vertide dunque. La premier appare impressionata dagli ambienti: «Qui davvero c'è un'infinità da raccontare», esclama. Presenta poi al Vescovo di Roma i suoi più stretti collaboratori: il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Alfredo Mantovano, «una persona con la quale io lavoro da tanti anni, un grande giurista e un grande cattolico»; Carlo Deodato, segretario generale di Palazzo Chigi, «Da lui dipende tutti il funzionamento della macchina». Dice Deodato al Papa: «Preghi per la macchina di Palazzo Chigi, ne ha bisogno. Noi preghiamo per lei». Gaetano Caputi, capo di gabinetto del Presidente del Consiglio, che Meloni definisce «persona molto onesta e molto capace». Presenti anche Francesco Talò, consigliere diplomatico, «viene dalla Nato, lunga esperienza. Si occupa dei rapporti internazionali»; e il generale Franco Federici, «il mio consigliere militare, una persona con una lunga esperienza».

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
10/01/2023 14:12:48


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Cos'è il "rotudone", la molecola scoperta di recente in un vino rarissimo: la vernaccia nera >>>

Obbligo di assicurazione contro alluvioni e terremoti: tutto quello da sapere >>>

Garrone e Cortellesi trionfano ai David di Donatello. Standing ovation per Vincenzo Mollica >>>

La zanzara della malaria è tornata in Italia: dopo oltre 50 anni è stata scoperta in Puglia >>>

Quattro italiane al top nella nuova classifica sulle migliori università al mondo >>>

Meteo, è arrivata l'aria fredda: temporali, neve e 15°C in meno >>>

Scafo d'argento e ali gialle, ecco la nuova Luna Rossa >>>

Nuove regole per i passaporti: come averlo in poco tempo (e senza code) >>>

Ma tradire è ancora illegale? Ecco cosa è cambiato negli Usa e cosa dice la legge in Italia >>>

Il Papa torna a parlare in pubblico, ma resta l'affaticamento >>>