Notizie Locali Interviste locali

Mondo politica: intervista con Claudio Marcelli, sindaco di Pieve Santo Stefano

"Non conta tanto la presidenza di Eaut, quanto lo sviluppo turistico e ambientale di Montedoglio"

Print Friendly and PDF

Diga di Montedoglio, ex 3 bis ed elezioni politiche del 25 settembre. Argomenti che affrontiamo con Claudio Marcelli, dal maggio 2019 sindaco del Comune di Pieve Santo Stefano, che fa chiarezza sui compiti di Ente Acque Umbre Toscane a proposito del clima di scoramento generato dall’assenza – ancora una volta – di un esponente della Valtiberina nel consiglio di amministrazione di Ente Acque Umbre Toscane.

Sindaco Marcelli, Lei ha scritto di recente al presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, a proposito della situazione ambientale della diga di Montedoglio. L’occasione buona per mettervi mano, visto il basso livello di acqua al quale è sceso l’invaso?

“Fin dal primo invasamento, non è mai stata eseguita la manutenzione delle sponde e non è mai stata programmata una sua ripulitura a seguito delle centinaia di migliaia di quintali di detriti trasportati durante le piene. La situazione è sotto gli occhi di tutti, anche perché l’attuale scarsità di acqua l’ha messa a nudo, per cui la prima conseguenza è che i detriti provocano una riduzione corrispondente della potenzialità di invasamento della risorsa acqua. E dopo il crollo del 2010, anche la vegetazione ha ripreso vigore con una quantità di alberi che offrono un’immagine di sciatteria. Ho inviato anche alcune foto significative, nella speranza che in Regione ne prendano atto e facciano qualcosa”.

La Valtiberina è rimasta ancora fuori dal consiglio di amministrazione di Ente Acque Umbre Toscane. L’ennesima occasione persa, oppure?

“La Valtiberina non ha capito una cosa fondamentale: che la presidenza di Eaut gestisce lo sbarramento della diga, non l’area del lago. Qualunque presidente avrebbe di conseguenza passato i cinque anni di mandato a giustificare il fatto che non si faccia nulla per il lago. Dico allora che i Comuni rivieraschi della diga dovrebbero mettersi insieme, creando un consorzio o un’associazione per gestire il bacino di Montedoglio, perché – ripeto – l’Eaut gestisce solo lo sbarramento e la distribuzione dell’acqua. Vi sono altre questioni importanti, vedi lo sviluppo turistico e la tutela ambientale. Chi allora ha fatto osservazione ed è rimasto male perché la Valtiberina non ha avuto nessuno nel consiglio nemmeno stavolta, vuol dire che non conosce lo statuto e i compiti dell’ente e allora la polemica inscenata è solo fine a sé stessa. È chiaro, comunque sia, che un presidente valtiberino di Eaut avrebbe fatto comodo, purchè si trattasse di una persona autorevole. Mi auguro perciò che il nuovo presidente lavori per il completamento dell’adduzione in vallata: questo sì. La lettera che ho inviato al presidente Giani vuole spostare l’interesse sui veri obiettivi della Valtiberina, ossia l’ambiente attorno alla diga e la possibilità di dar vita a una forma di turismo leggero legato al lago”.

Dopo l’accordo con la Provincia di Arezzo per il ripristino della ex statale 3 bis fra Valsavignone e Canili di Verghereto, quale sarà il prossimo step?

“Vi sono al momento la firma del protocollo d’intesa e l’emendamento approvato con specifico decreto; è in programma a breve un incontro fra Comune di Pieve e Province di Arezzo e di Forlì Cesena per rispondere a quanto previsto dalla legge: la realizzazione di un cronoprogramma da presentare al Ministero per tutti e 35 i milioni di euro che sono sul piatto. È chiaro che il nostro Comune abbia già lavorato per far sì che i primi cinque milioni a disposizione vengano investiti per intero sul tratto toscano, poi si procederà con il sopra ricordato cronoprogramma progettuale e, una volta ottenuto l’ok dal Ministero, seguiranno la firma della convenzione e l’avvio dei bandi di gara per i lavori. Sono sincero: i tempi non saranno brevi, ma vi è la certezza che si intravede la soluzione per un problema che persiste da oltre venti anni”.

L’amministrazione di Pieve Santo Stefano, nonostante il Covid-19 che per fortuna sembra stia facendosi da parte, è riuscita a rispettare la tabella di marcia prefissata?

“Ragioniamo in ottica del biennio 2022-23. Abbiamo completato la struttura polivalente a inizio paese, quella di fronte alla chiesa della Madonna dei Lumi e già siamo in fase di pianificazione dei lavori per l’impiantistica sportiva; un pacchetto dal 396mila euro, ma c’è dell’altro: 200mila euro per la sistemazione del tetto del teatro comunale “Giovanni Papini” e la grande sfida del Pnrr, che ha portato a Pieve un milione di euro”.

Al di là della netta affermazione del centrodestra e di Fratelli d’Italia con Giorgia Meloni, quale Italia auspica di vedere dopo le elezioni del 25 settembre?

“A prescindere dalla vittoria del centrodestra, sulla quale non vi è nulla da obiettare, vorrei vedere una maggioranza importante, che dia finalmente al Paese un governo di continuità, prendendo quanto di buono lasciato dall’esperienza Draghi e instaurando un colloquio più proficuo con le autonomie locali, che ai cittadini debbono giustificare come gli aumenti delle imposte siano la conseguenza a cascata di quanto avviene a livello nazionale. I sindaci non si tirano indietro – e lo si è visto a chiare note nel periodo della pandemia – ma pretendono di essere più ascoltati”. 

Redazione
© Riproduzione riservata
27/09/2022 10:12:12


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Interviste locali

Mondo Politica: intervista a Francesco Caroscioli vicesegretario Lega Valtiberina >>>

Mondo Politica: intervista a Catia Giorni esponente del Movimento 5 Stelle a Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista a Giuseppe Carbonaro esponente di Fratelli d'Italia in Valtiberina >>>

Mondo Politica: intervista a Valeria Noferi assessore del Comune di Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista a Mari Franceschini, presidente Anpi della Provincia di Perugia >>>

Mondo Politica: intervista a Giorgio Baglioni, segretario della Lega di Città di Castello >>>

Mondo Politica: intervista a Lucia Vitali capo dell’opposizione a San Giustino >>>

Mondo Politica: intervista a Matteo Del Barba consigliere provinciale ad Arezzo >>>

Mondo Politica: intervista a Gabrio Ganovelli esponente di Italia Viva a San Giustino >>>

Mondo Politica: intervista a Francesca Mercati assessore al Comune di Sansepolcro >>>