Notizie Locali Eventi

"Addio Patria matrigna" vince il 38° Premio Pieve Saverio Tutino

La cerimonia di premiazione sarà trasmessa lunedì alle 20.30 da Rai Radio3

Print Friendly and PDF

La Giuria nazionale del 38° Premio Pieve Saverio Tutino ha premiato Ado Clocchiatti autore della memoria Addio Patria matrigna.

La cerimonia di premiazione, condotta da Guido Barbieri, sarà trasmessa lunedì 19 settembre alle 20:30 da Rai Radio3.

Nato a Udine nel 1883 in una famiglia di conciapelli, Ado dovrà abbandonare gli studi nonostante la “distinzione” con cui ottiene la licenza elementare. Scrive la sua memoria nel 1916, poco prima della chiamata alle armi per difendere la stessa “maledetta patria” che lo ha costretto a una vita di migrazioni, povertà, lavori durissimi in condizioni al limite della sopravvivenza, e che gli sta chiedendo di combattere il “nemico” dal quale ha dovuto elemosinare il lavoro per sopravvivere. Ado ha lavorato in Baviera, Austria, Slovenia e Italia. Arruolato il 27 luglio 1916, muore di febbre spagnola a Legnano il 7 ottobre 1918.

«In questa memoria di una vita breve e struggente» si legge nella motivazione della Giuria, «scritta con una intensità che coinvolge e commuove, emergono la saggezza e la rassegnazione di un vinto che sa di non poter cambiare il proprio destino. Durante la Prima Guerra mondiale, Ado, da pochi anni sposo e padre, forse presagendo che non riuscirà a tornare a casa (morirà di spagnola nel 1918) decide di raccontare la sua storia. Friulano, nato in una famiglia poverissima nel 1883 a Pasian di Prato, nonostante sia uno dei migliori allievi della scuola elementare deve iniziare a lavorare ad appena 10 anni per contribuire al sostentamento della famiglia. Ma il lavoro non c’è e inizia così una lunga storia di migrazione stagionale in Germania e nel vicino Impero austro ungarico. Ado ci racconta dall’interno la tragedia dello sfruttamento minorile, perché i bambini vengono messi a lavorare in condizioni terribili. Maltrattamenti, fame e violenze fisiche erano quotidiane. Un povero per vivere deve soffocare l’amore e viene condannato a vivere come la bestia, lavorare, mangiare, se un povero avesse i sentimenti di divenire un uomo, per mancanza di mezzi deve rimanere ignorante, così va il mondo.

Ma Ado diventerà un uomo, fin troppo presto. Lavorerà sempre, perché i genitori malati non riescono a provvedere alla famiglia. C’è un movimento continuo di partenze e ritorni. Più si rende conto della fragilità dei genitori, più il giovanissimo Ado si assume quasi il compito di tenere insieme i suoi cari. Ma la speranza di restare uniti viene continuamente frustrata dalla mancanza di lavoro. Il legame con il padre diventa inscindibile. Emigrano e cercano di trovare lavoro negli stessi cantieri, passando per Vienna e Abbazia dove scoprono le bellezze dell’archittettura, delle città e del mare che gli era sempre stata negata. Il rapporto di protezione reciproca via via si rovescia perché diventa il più giovane a prendersi cura dell’altro: per il padre sfinito nel corpo e nella mente si aprono le porte del manicomio. 

Io facevo quei muri, proprio quella casa, che in compagnia di quei poveri dementi che dovevano entrarvi era pure destinato il mio buon padre!. Il destino non vuole dare tregua ad Ado: anche se non gli rimangono molte “pagine di vita” da scrivere, la sua testimonianza brilla per profondità e umanità e riscatta la brutalità dell’esistenza a cui è stato condannato».  

L’opera è premiata con 1.000€ e la pubblicazione del testo, entro il 2023, a cura della casa editrice Terre di Mezzo nella collana dedicata ai testi dell’Archivio Diaristico Nazionale.

Redazione
© Riproduzione riservata
18/09/2022 19:45:17


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Eventi

Giornata del Merito 2022: premiata la scrittrice Anna Maria Vignali >>>

Il biturgense Stefano Farinelli vince il contest digitale “L’Italia che non sapevi” >>>

A Città di Castello sarà un Natale tutto da vivere con 50 eventi in un mese >>>

Sansepolcro, successo per il Concerto di Santa Cecilia >>>

Dal progetto Erasmus Plus alle panchine rosse contro la violenza sulle donne >>>

Arezzo, nuovo look per la Casa di Babbo Natale a Palazzo di Fraternita >>>

L'umbertidese Michael Zurino presenterà il suo libro a Casa Sanremo 2023 >>>

“Libro Sospeso” è un’iniziativa promossa dall’Associazione Pronto Donna >>>

Il Concerto di Santa Cecilia della Filarmonica “Ermanno Brazzini” di Pieve Santo Stefano >>>

A Bibbiena la finale di Portfolio Italia con la proclamazione del vincitore >>>