Notizie dal Mondo Politica

Boris Johnson trema, oggi i Tory votano la fiducia e decidono il suo destino

I ribelli conservatori hanno raggiunto quota 54 necessaria per innescarlo

Print Friendly and PDF

Voto di fiducia su Boris Johnson in casa Tory nel tardo pomeriggio di oggi, alle 18. Il partito di governo britannico ha annunciato stamane che è stato superato il quorum di lettere di sfiducia nei suoi confronti da parte del 15% dei deputati di maggioranza, vale a dire 54, e che lo scrutinio ci sarà stasera fra le 18 e le 20 ora britannica. Tecnicamente il voto sarà sul ruolo di Johnson quale leader di partito, ma in caso di sfiducia di oltre la metà dei suoi (180 deputati) egli si dovrà dimettere anche come premier. Downing Street da parte sua ha fatto sapere che BoJo accoglie con favore questa svolta che permetterà di mettere un punto sullo scandalo Partygate. 

Il voto su Johnson arriva dopo settimane di anticipazioni e di congetture, sulla scia dei crescenti malumori in seno al suo partito legati ai contraccolpi del coinvolgimento del primo ministro nella vicenda dei ritrovi organizzati a Downinig Street fra il 2020 e il 2021 in violazione del lockdown o di altre forme di restrizioni anti Covid imposte all'epoca dallo stesso governo a milioni di britannici.

Uno scandalo sfociato anche in una multa inflitta dalla polizia direttamente al premier - primo capo di governo in carica colpito da un provvedimento simile nella storia britannica - e che si abbattuto in modo pesantemente negativo sui sondaggi dei Tories negli ultimi mesi. Il numero delle lettere di sfiducia inviate da deputati ribelli al Comitato 1922 è salito a 54 nel corso del week-end, ha annunciato oggi Graham Brady, il presidente di questo organismo interno al gruppo Tory incaricato di raccogliere iniziative del genere e d'indire nel caso le votazioni sul leader di turno.

Brady ha precisato che diversi contestatori hanno fatto in modo che la loro adesione fosse formalizzata non prima di domenica pomeriggio, in modo da far scattare l'annuncio dopo la fine dei quattro giorni di celebrazioni pubbliche del Giubileo di Platino senza turbare la grande festa per i 70 anni di regno della regina Elisabetta chiusasi proprio ieri. E ha ribadito che se la Johnson supererà indenne il voto di stasera (con meno di 180 voti ostili tra i suoi) sarà al riparo da un altro voto di sfiducia interno al partito almeno per un anno, a meno di cambiamenti di regole.

BoJo da parte sua ha fatto buon viso a cattiva sorte, affidando a un portavoce di Downing Street una dichiarazione stando alla quale si dichiara «contento» di poter accettare la sfida e di sostenere le sue ragioni dinanzi ai colleghi di partito nell'ambito di un voto secco già stasera. È un voto che «offre l'occasione di porre fine a mesi di congetture e che permetterà al governo di mettere un punto (sul Partygate) e di passare a occuparsi di altre cose che riflettono la priorità della popolazione», ha detto il portavoce, subito echeggiato da alcuni ministri.

Sulla carta Johnson sembra poter contare ancora sulla fiducia di più della metà dei deputati Tory, ma lo scrutinio sarà segreto e presenta margini d'incognita visti gli imbarazzi recenti montanti nei suoi riguardi. Del resto anche una vittoria più risicata del previsto potrebbe indebolirlo, lasciando la sua poltrona comunque a rischio: se non subito di qui a qualche mese.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
06/06/2022 14:11:46


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Usa, Liz Cheney attacca Trump >>>

"È la donna più potente di Russia": ecco chi tiene testa allo Zar >>>

Nato, il Senato Usa ratifica l'adesione di Svezia e Finlandia >>>

Nancy Pelosi atterrata a Taiwan >>>

Media cinesi: Nancy Pelosi sarà a Taipei il 4 agosto >>>

Gran Bretagna, "pareggio" per il primo faccia a faccia tv Truss-Sunak per il dopo Johnson >>>

Francia, cresce l'indice di popolarità di Macron >>>

L'ombra di Mosca sullo strappo M5s: "Il nuovo premier? Meglio che non sia asservito agli Usa" >>>

Biden, "storica" visita in Israele: "La soluzione due Stati rimane la migliore" >>>

Boris Johnson si arrende: “D’accordo sulla necessità di un nuovo leader” >>>