Notizie Nazionali Cronaca

Covid, nella scuola oltre 200mila non vaccinati

In Sicilia il 43% del personale non ha ricevuto nemmeno una dose

Print Friendly and PDF

Il commissario straordinario per l'emergenza Covid-19 Francesco Figliuolo lo va ripetendo tipo mantra: «Per tornare alla scuola in presenza bisogna portare a vaccinare tutti gli insegnanti, il personale docente, tutti i ragazzi dai 12 ai 18 anni». In vista dell’avvio del nuovo anno ha anche chiesto alle Regioni di inviare, entro il 20 agosto, la lista del personale scolastico che non si è ancora vaccinato. Lo ha fatto inviando una lettera, ribadendo la necessità di perseguire «la massima copertura vaccinale del personale scolastico attraverso un coinvolgimento attivo». 

La situazione nelle regioni: oltre 200 mila senza vaccino

Qual è oggi la situazione? Il personale scolastico completamente vaccinato, in base all’ultimo report settimanale del governo aggiornato al 21 luglio, raggiunge quota 79%. Ciò significa che ci sono ancora 222 mila persone del mondo della scuola senza aver fatto nemmeno una dose. In regioni come Lazio, Friuli e Campania la situazione è sotto controllo: quasi tutti ne hanno ricevute almeno una. Altrove il quadro cambia. In Sicilia, per esempio, il 43% del personale scolastico non ha ricevuto nemmeno una dose. Seguono Liguria (34,8%), Sardegna (33,3%) e Calabria (31,6%). Male anche la provincia autonoma di Bolzano col 37,9%.  L’obiettivo del commissario Figliuolo è dichiarato: «Avere entro la prima decade di settembre il 60 per cento dei ragazzi vaccinati per poter tornare in presenza o con pochissime limitazioni. È importante perché così blocchiamo la pandemia». 

I sindacati: per la scuola in presenza i vaccini non bastano

«Raggiungere la massima copertura vaccinale possibile per il personale scolastico è fondamentale. Riteniamo che vaccinarsi sia un dovere civico per chi lavora nella scuola. Sull'obbligo, laddove non si raggiungano i risultati sperati, deciderà giustamente lo Stato con una legge che andrà rispettata, ma ritenere che ciò possa risolvere tutti i problemi di settembre è una grave sottovalutazione» ha affermato in una nota il sindacato Flc Cgil. «Ci sono oltre 8 milioni di studenti - ricorda il segretario generale, Francesco Sinopoli, - che non sarà materialmente possibile vaccinare in massa in un mese. Oltre al fatto che il vaccino non è previsto al di sotto dei 12 anni».  

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
25/07/2021 19:05:10


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

“Droga da stupro” pronta per il figlio a Londra: arrestata la sorella di Ornella Muti >>>

Nubifragio su Malpensa, scalo inagibile per due ore >>>

Ruby ter, Berlusconi scrive ai giudici: “La perizia psichiatrica lede il mio onore” >>>

Donna 21enne uccisa a colpi di pistola nel Vicentino >>>

Scandalo procure: sospesi 5 ex togati >>>

Manifestazione No Vax a Milano, 29 indagati dopo le denunce della Digos >>>

Pizzicati al bar o a fare la spesa in orario di lavoro: licenziati >>>

"Nel sesso orale non può esserci costrizione", carabiniere assolto dalla giudice: la sentenza shock >>>

Vaccino, la terza dose per immunodepressi a partire dal 20 settembre >>>

Trovato dopo 18 giorni il corpo dell’escursionista scomparso in Val di Zoldo, nel Bellunese >>>