Notizie Locali Cronaca

Processo per la morte di Martina Rossi: anticipato a dicembre per evitare la prescizione

Enrico D’Antonio e Federico Basetti sono accusati di false dichiarazioni

Print Friendly and PDF

Il babbo di Martina Rossi, la ragazza morta dieci anni fa, ha chiesto e ottenuto di anticipare l’inizio del processo agli altri due giovani coinvolti nella vicenda: sono accusati di false dichiarazioni. Anziché il 30 giugno 2022, la data d’inizio è stata spostata al 9 dicembre 2021, con un calendario che prevede la sentenza il 10 febbraio. Il reato di cui devono rispondere Enrico D’Antonio e Federico Basetti si prescrive nella seconda metà del 2023. Così Bruno Rossi, parte civile, e il pm Valentina Grosso, hanno presentato un’istanza al giudice Paolo Lepri che l’ha accolta accorciando i tempi.
D’Antonio e Basetti in quell’agosto 2011 erano a Palma di Maiorca con gli amici Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi, condannati nell’appello bis a tre anni di reclusione per tentato stupro di gruppo della ragazza. Secondo la ricostruzione dell’accusa, Martina per sfuggire alla violenza voleva scavalcare il balconcino della camera 609 per andare in quello accanto ma perse la presa e precipitò dal sesto piano dell’hotel Santa Ana. Era l’alba del 3 agosto e la ventenne studentessa di Genova, conosciuta dalla comitiva di Castiglion Fibocchi nella vacanza appena iniziata, spirò per gravissime lesioni interne. Era in slip, aveva graffiato nella lotta Albertoni e secondo l’ultima sentenza dei giudici di Firenze, nella camera ci fu un tentativo di abuso sessuale. Reato che si prescriverà ai primi di ottobre. L’altra imputazione - morte in conseguenza di altro reato - in primo grado era sfociata in ulteriori tre anni di condanna per Albertoni e Vanneschi, ma è evaporata proprio per il decorso del tempo. 
Enrico D’Antonio e Federico Basetti sono imputati nel processo collaterale. Secondo l’accusa quando sono stati sentiti dalla procura di Genova come persone informate sui fatti, su cosa videro e sentirono, hanno raccontato bugie e sono stati reticenti con lo scopo di coprire e agevolare gli altri due ragazzi, in base ad un depistaggio iniziato fin da subito. Enrico e Federico quella sera dopo la discoteca, si erano appartati con le amiche di Martina nella camera delle ragazze. Martina Rossi, rimasta sola, aveva chiesto ospitalità ad Alessandro e Luca nella loro camera per non fare il terzo incomodo. Lì avvenne il fattaccio che, secondo la recente sentenza, non fu né un suicidio né un raptus di follia ma un tragico tentativo di fuga. Albertoni e Vanneschi hanno sempre negato con decisione. Le loro strade potrebbero dividersi con linee difensive diverse: Vanneschi di sicuro orientato a giocare l’ultima carta in Cassazione, Albertoni - pur proclamandosi innocente - potrebbe fermarsi qui, come ha lasciato intendere l’avvocato Tiberio Baroni, oppure no. In caso di sentenza definitiva la pena sarà scontata con l’affidamento in prova ai servizi sociali. Entro sabato la decisione. 
Ad agosto saranno dieci anni dalla tragedia nella vacanza delle Baleari. L’ordinamento giudiziario prevede che certi reati si estinguano nel tempo. Bruno Rossi e la moglie Franca, che si sono battuti per riaprire il caso in Italia dopo le frettolose indagini chiuse in Spagna, sfidano la clessidra della giustizia. A difendere D’Antonio e Basetti sono gli avvocati Alessandro Serafini e Massimo Scaioli. I due giovani si dichiarano innocenti. In caso di condanna rischiano fino a quattro anni di reclusione.

Notizia tratta dal Corriere di Arezzo
© Riproduzione riservata
10/06/2021 07:12:25


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Atri due decessi per Covid in Umbria nell'ultimo giorno >>>

Si é spento Natale Bracci storico dirigente della Cgil >>>

Covid-19: i nuovi casi nell'Aretino sono 14, uno dei quali a Sansepolcro >>>

Truffatori sotto la lente dei Carabinieri del Valdarno: 4 persone denunciate >>>

Incidente in moto: muore centauro 60enne e la moglie é in gravi condizioni >>>

Scomparsa del vescovo Monsignor Ivo Baldi Gaburri in Perù >>>

Furto nella notte alla Top Gold di Capolona >>>

Cortona: auto si ribalta nella notte, grave un 36enne >>>

Pieve Santo Stefano: scoperta dai carabinieri una discarica abusiva a pochi passi del centro >>>

Covid-19: nell'Aretino 10 nuovi casi e nessun decesso >>>