Notizie Nazionali Cronaca

Vaccini, la promessa di Figliuolo: “Da fine maggio apriamo a tutte le età"

"Dosi ai giovani nelle scuole"

Print Friendly and PDF

La promessa del commissario Figliuolo suona come una vera speranza di ricevere il vaccino presto, e stavolta interpella anche i più giovani: da fine maggio si faranno le inoculazioni a tutte le classi di età sotto i 65 anni, con la partenza della campagna di massa e di quelle aziendali. L'obiettivo del commissario per l'emergenza - fermo restando l'arrivo delle dosi previste - è di arrivare «al prossimo step, che sarà sulle classi produttive, perché questo sarà un mese di transizione. Dopo pensiamo all'estate».

Nel frattempo si lavora al piano di immunizzazione degli studenti, con allo studio l'ipotesi del vaccino anti-Covid a scuola come tanti anni fa, negli Anni ‘70 – ha detto Figliuolo –, quando però allora si somministravano dosi contro il vaiolo.

In queste ore,  l'effetto delle inoculazioni contro il coronavirus comincia ad emergere visibilmente sul bollettino: per il quarto giorno consecutivo il numero delle vittime giornaliere è sotto il dato delle 300 e nelle ultime 24 ore è stata registrata la cifra più bassa di decessi per Covid degli ultimi sette mesi, 144 vittime. L'ultimo dato simile era stato registrato il 26 ottobre 2020, quando la cifra era di 141 morti a causa della pandemia. E' per questo che il generale, nella visita all'hub di Porta di Roma - insiste nei confronti del Lazio (un po' sotto il target dei 50mila giornalieri negli ultimi giorni) e come regola per tutto il Paese: «Dobbiamo premere sulle classi over 60, per le quali la media di somministrazioni è ancora bassa, e il piano va seguito in maniera ordinata e coerente. Quando avremo messo in sicurezza gli over 65 si può aprire a tutte le classi di età. Si vada a vaccinare poi classi produttive, penso ad esempio al settore alberghiero». Un aiuto al turismo, in vista delle vacanze. 

L’ARRIVO DELLE FIALE

L’Italia è in attesa dell'arrivo di oltre due milioni e 100mila dosi di Pfizer tra il 5 e il 7 maggio. In tutta il Paese è stato raggiunto - e superato - per il secondo giorno consecutivo l'obiettivo delle 500mila inoculazioni quotidiane. L'importante è anche "concentrarsi nel mantenere la quota dell'utilizzo del 90% di dosi a disposizione», spiega il capo della Protezione Civile, Fabrizio Curcio. Il valore della media delle somministrazioni - riflette in un'analisi il matematico Giovanni Sebastiani - comunque al momento è di 395mila dosi: questo significa che «per raggiungere l'obiettivo di almeno 15 milioni di dosi nel mese di maggio è necessario accelerare ancora». Ad aumentare la media, ma solo nei prossimi mesi e probabilmente in seguito all'approvazione di Pfizer o altri sieri per gli under 16, potrebbero essere anche le vaccinazioni nelle scuole ai ragazzi. «Ci stiamo pensando - ammette Figliuolo - funzionerebbe così come si faceva una volta negli anni Settanta». A giugno, poi, si attendono 30 milioni di dosi. 

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
03/05/2021 05:43:20


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Caso Denise: ispezione dei carabinieri nella casa di Mazara del Vallo >>>

Busto Arsizio, operaio 49enne muore schiacciato da una fresa industriale >>>

Due indagati per la morte di Luana: aperta l'inchiesta dalla Procura di Prato >>>

Terremoto in procura a Milano, il pm Storari è indagato >>>

Covid-19: 9.116 nuovi positivi e 305 vittime >>>

“Malato di gioco e di sesso per colpa del farmaco anti-Parkinson” >>>

Caso Denise, l’ex pm: “L’unica pista da seguire era il video girato a Milano” >>>

Incidente in una fabbrica nel Pratese: 22enne viene risucchiata da un rullo >>>

Coronavirus in Italia, il bollettino del 3 maggio: 5.948 nuovi casi, 256 decessi >>>

Processo Vannini, la Cassazione conferma le condanne dei Ciontoli: fu omicidio volontario >>>