Rubrica Lettere alla Redazione

Rosso, Arancione e Giallo: ma in che Paese viviamo?

A dieci mesi dall’inizio della pandemia ci ritroviamo ancora reclusi nelle nostre abitazioni

Print Friendly and PDF

Siamo entrati nel 2021 e mi chiedo a cosa sono serviti i tanti sacrifici a cui il Governo ci ha costretto quando le statistiche ci dicono che abbiamo un tasso di mortalità tra i più alti del mondo a causa del Covid, accompagnato da una crisi economica e sociale senza precedenti. A dieci mesi dall’inizio della pandemia, ci ritroviamo ancora reclusi nelle nostre abitazioni, con un conteggio giornaliero di morti e contagiati che non accenna a diminuire, con un tessuto sociale provato da mesi di restrizioni, lavoro perso, istruzione negata, aziende in crisi e un quadro politico sconfortante. Ci hanno ubriacato con i tanti colori delle varie zone, rossa, arancione, gialla e ora con le new entry “giallo rafforzato” e “bianca”, cose da matti. Sono arrivati i vaccini e ancora polemiche, Renzi che minaccia Conte di mandarlo a casa se non ottiene le sue “poltrone”, ma in che Paese viviamo?

Paolo M.

Redazione
© Riproduzione riservata
06/01/2021 21:02:10


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Lettere alla Redazione

Chiedo scusa ai vigili urbani di Sansepolcro >>>

Cornioli sei un sindaco o uno sceriffo? >>>

Politici impreparati: tanto fumo e niente arrosto >>>

Arezzo merita di più: dimostrateci che siete uomini >>>

L'avvocato Stefano Cirignoni scrive al dirigente scolastico di Sansepolcro >>>

Lettera aperta ai giocatori dell'Arezzo >>>

Nubi sul futuro dell'ex Cementir >>>

Lettera aperta al sindaco di Cortona >>>

Rosso, Arancione e Giallo: ma in che Paese viviamo? >>>

Perché trattare così male le tabacchine? >>>