Notizie Nazionali Cronaca

Treni, stop al distanziamento sociale sulle Frecce: scoppia la polemica

Gli esperti del Comitato tecnico scientifico del governo: siamo molto preoccupati

Print Friendly and PDF

Finisce il distanziamento sui treni: tutti i convogli ad alta velocità di Trenitalia e Italo da oggi potranno viaggiare con il cento per cento dei posti occupati. Niente più sedili vuoti, dunque, nonostante la curva dei contagi sia in crescita da qualche giorno e l'indice di contagio (Rt) è ormai prossimo all'1 a livello nazionale. Una decisione che ha fatto saltare sulle sedie gli esperti: «E’ una scelta - dicono dal Comitato tecnico scientifico del governo - che desta molta preoccupazione». E anche la Lombardia dice addio al metro di distanza tra i passeggeri: la nuova ordinanza regionale in vigore da sabato al 10 settembre prevede che su treni, bus, tram e metropolitane locali e regionali è consentita l'occupazione del 100% dei posti a sedere e del 50% dei posti in piedi, sempre con l'obbligo della mascherina. La possibilità di tornare a viaggiare con la massima capienza disponibile sui treni ad alta velocità sarebbe dovuta alla realizzazione di una serie di condizioni che erano previste dal Decreto del presidente del consiglio firmato da Giuseppe Conte il 14 luglio scorso. Il provvedimento stabiliva infatti la la possibilità di far viaggiare i treni a piena capacità purché in presenza di alcune condizioni: tra queste, la misurazione della temperatura prima di salire a bordo dei treni, con termoscanner e termometri che, appunto da oggi, sono presenti in tutte le stazioni dell'alta velocità, l'autodichiarazione da parte dei passeggeri per certificare di non essere stati in contatto con persone contagiate dal Covid 19, una sorta di nuovo modello come quello che milioni di italiani hanno utilizzato durante il lockdown, l'obbligo di indossare la mascherina a bordo dei convogli con la sostituzione ogni 4 ore. Condizioni che però non tranquillizzano esperti e scienziati che, anzi, sono "decisamente contrari" alla fine del distanziamento. Già ieri il Comitato tecnico scientifico aveva lanciato l'allarme – «il trend è in crescita, siamo preoccupati dall'evoluzione della curva dei contagi» - e oggi sono tornati a ribadire la necessità di non abbassare la guardia. La scelta fatta sui treni ad alta velocità, dicono fonti del Cts, «desta molta preoccupazione».

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
01/08/2020 06:28:26


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Coronavirus, il Cts chiese il 3 marzo la zona rossa a Nembro e Alzano. L’appello inascoltato >>>

Covid-19: gli esperti erano per le chiusure differenziate >>>

Taranto, si autoimpone il digiuno: muore a 43 anni >>>

Coronavirus in Italia, il bollettino: 402 nuovi contagi, sei i decessi >>>

Palermo, a cinque anni dall’omicidio di una donna confessa e fa ritrovare il corpo >>>

Scuola, via libera all'aumento degli organici: oltre 50mila posti in più >>>

Coronavirus, 384 nuovi casi e 10 decessi nelle ultime 24 ore >>>

E' morto Sergio Zavoli, storico giornalista televisivo: aveva 96 anni >>>

Coronavirus: a Como i Nas sequestrano 363 cartelle cliniche di pazienti morti in rsa >>>

Possagno, turista austriaco danneggia una statua del Canova per un selfie >>>