Notizie dal Mondo Attualità

L’antica Hatra rivivrà grazie agli archeologi venuti dall’Italia

Prima missione nata con l’aiuto di Aliph, un fondo globale per la protezione del patrimonio

Print Friendly and PDF

Hatra, il più imponente e meglio conservato dei siti archeologici in Iraq, una Petra irachena, si è salvata anche dall’Isis. Nonostante sia rimasta nelle grinfie dei jihadisti dalle bandiere nere per quasi tre anni, assalita con picconi, bulldozer e martelli pneumatici, alla fine nell’antica città carovaniera i “danni sono inferiori e quelli inflitti dalla mancata manutenzione e dagli interventi sciagurati ai tempi di Saddam Hussein”. La testimonianza arriva dagli archeologi italiani impegnati nella prima missione di ricognizione nel sito dopo la caduta del Califfato, nel 2017. E la buona notizia è che quasi tutti gli sfregi inflitti dai terroristi nemici della cultura “sono riparabili”, perché i frammenti sono stati gettati alla rinfusa attorno ai monumenti, possono essere recuperati, e “rimessi al loro posto”. 

La missione, condotta dall’Ismeo, Associazione internazionale di Studi sul Mediterraneo e l’Oriente, ha come primo obiettivo quello di valutare la gravità dei danni inflitti dai jihadisti, che volevano cancellare tutte le testimonianze di civiltà precedenti a quella islamica. E i primi sopralluoghi sono promettenti, racconta l’archeologa Stefania Berlioz: “I danni inflitti dall’Isis sono quasi tutti riparabili, abbiamo già recuperato moltissimi frammenti di statue e architettonici”. Assieme ai suoi colleghi, guidati dall’archeologo Massimo Vidale, Stefania si alza tutte le mattine alle quattro, nella base logistica allestita a Mosul, e percorre oltre 100 chilometri di strade nel deserto, più di due ore in macchina, per arrivare al sito di Hatra “alle prime luci del mattino”. Alle due e mezza del pomeriggio bisogna ripartire, perché viaggiare di notte è pericoloso, in quanto nell’area ci sono ancora cellule dell’Isis attive, braccate dalle forze internazionali e dalle milizie sciite che nel 2017 hanno liberato la città.

Sono le Hashd al-Shaabi, ancora accampate “nel centro del sito archeologico”. Una presenza ingombrante ma indispensabile per garantire la sicurezza. I rischi ci sono, ma l’esperienza è impagabile. “Al mattino, nel silenzio del deserto, Hatra è ancora più magica”, racconta Stefania Berlioz. Il primo impatto è stato duro, con le tende dei miliziani davanti al grande santuario, cumuli di detriti e spazzatura. Ma poi si è capito che Hatra aveva resistito bene. I jihadisti avevano diffuso anche un video dei loro vandalismi ma “non sono paragonabili” a quelli inflitti ai siti di Niniveh e Nimroud, vicino a Mosul, dove avevano usato anche gli esplosivi. “Abbiamo trovato frammenti persino nella spazzatura, abbiamo provato a riattaccarli e funziona”. La prima missione si è conclusa in due settimane, poi bisognerà approntare un “piano di restauro complessivo”.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
07/03/2020 22:58:43


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Olanda, autorità consigliano ai single di trovarsi un "compagno di letto" >>>

Europa, il continente è sempre più caldo >>>

Disneyland Shanghai riapre dopo l’epidemia Covid >>>

Greta Thunberg dona 100 mila dollari all’Unicef per proteggere i bimbi dal Covid >>>

Primo lancio della Dragon di Elon Musk con astronauti >>>

L’idea olandese: da Amsterdam a Parigi in 90 minuti con il treno-aereo superveloce >>>

Ursula von der Leyen: “Italia scusa per i ritardi, ma ora l’Europa c’è” >>>

La primatologa Jane Goodall: “La mancanza di rispetto per gli animali ha causato la pandemia” >>>

Coronavirus, Trump: “Subito in aiuto dell’Italia ma senza dimenticare il popolo americano” >>>

La Commissione Ue sospende Iva e dazi su mascherine >>>