Notizie Locali Eventi

Investitura ufficiale di Lorenzo Tosi a Organista della Cattedrale di Sansepolcro

Appuntamento per domenica 2 febbraio, Solennità della Candelora

Print Friendly and PDF

Domenica 2 febbraio 2020, Solennità della Candelora, prendono avvio i “Vespri d'Organo” nella Cattedrale a Sansepolcro. Un'iniziativa promossa dall'Arciprete della Cattedrale, Mons. Giancarlo Rapaccini, insieme all'organista Lorenzo Tosi, volta a offrire alla cittadinanza alcuni momenti musicali durante l'arco dell'anno liturgico, con l'obiettivo di cogliere i diversi spunti di riflessione che i tempi dell'anno stesso ci suggeriscono.

 

Non sorprende che ci sia, dietro a questa iniziativa, proprio Tosi che in molti iniziano ad identificare come un talentuoso appassionato della musica che si è recentemente messo in luce anche come ricercatore e scrittore di testi riguardanti le realtà musicali cittadine; è autore, tra l’altro, del volume, del 2017, “Ottant’anni in due – il Borgo e i suoi cori” ricostruzione dell'attività della Corale “Domenico Stella” e del Coro “Città di Piero”. Domenica 2 Febbraio torna alla tastiera dell’Organo della Chiesa più importante di Sansepolcro e tiene a battesimo questa serie di brevi esecuzioni di brani d'organo che in futuro, non escludono interventi di voci o altri strumenti e che saranno presentate ai fedeli al termine della celebrazione eucaristica vespertina; il primo di questi momenti, proprio questa domenica per l'antica festa della Candelora. Al termine della celebrazione liturgica in cui si svolge la tradizionale benedizione di  candele, simbolo di Cristo come "luce per illuminare le genti", sarà dunque proposto il momento musicale; proposto di Johann Sebastian Bach, dall'Orgelbüchlein ( in tedesco: "piccolo libro d'organo"), il Preludio al Corale BWV 616 Mit Fried' und Freud' ich fahr' dahin, composizione espressamente pensata per la Solennità ricorrente della Candelora, giorno in cui la Chiesa ricorda la Presentazione al Tempio di Gesù: il titolo del brano è infatti il primo verso della traduzione di Martin Lutero del cantico “Nunc dimittis” col quale Simeone, un ebreo anziano al quale era stato profetizzato che non sarebbe morto finché non avesse visto il Messia, si profonde in una preghiera di ringraziamento suscitata in lui dal prendere in braccio il bambino Gesù presentato al tempio da Maria e Giuseppe. Un brano di una raccolta dai fini didattici e catechistici che nel progetto originario dell' Orgelbüchlein prevedeva 164 composizioni per tutto l'anno liturgico ma che rimase incompleta; Bach ne compose solo 46 di cui quattro per l' avvento, dieci per  Natale, tre per  capodanno, due per la  candelora, sette per la  quaresima, sei per  Pasqua, tre per  Pentecoste e una miscellanea di dieci pezzi su inni del catechismo e canti vari.

 

L’esecuzione integrale, quella della Suite Gothique op.25 del francese Léon Boëllmann, che ha consacrato il compositore a chiara fama nel mondo organistico, nel 1985, appena pubblicata, raccolse successo immediato. Si compone di quattro movimenti: I. Introduction – Choral, II. Menuet Gothique, III. Prière à Notre-Dame, IV. Toccata. La Prière, brano di estrema dolcezza e capacità meditativa, è dedicato a Maria, Nostra Signora, pertanto particolarmente indicato a essere proposto in questa giornata, dato che anticamente la Candelora era chiamata Festa della Purificazione, riferendosi alla Purificazione della Beata Vergine Maria. L'ultimo, la Toccata, certamente il più celebre sarà il brano conclusivo. Il repertorio sarà interpretato al prestigioso organo a canne Tamburini opus 241 del 1942 della Cattedrale. L’esecuzione di Tosi si offrirà dunque come una piacevole sorpresa a quanti si recheranno in Duomo per seguire la liturgia, ignari del momento musicale. Intanto i curatori del momento musicale sono accorsi a divulgare anche una locandina che potrà servire da invito anche a quanti fossero semplicemente attratti dalla piacevolezza delle note emesse dal celebre organo e del tocco di questo musicista che ha già data prova di grande sensibilità. Il musicista Tosi, nella stessa occasione, riceverà l'investitura di Organista titolare della Concattedrale di San Giovanni Evangelista in Sansepolcro, carica che ricopre già dal dicembre 2012. Sarà proprio Don Giancarlo Rapaccini che consegnerà una pergamena che attesterà tutto questo.

Redazione
© Riproduzione riservata
01/02/2020 09:33:06


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Eventi

Un weekend col botto al Museo Civico di Sansepolcro per la mostra dedicata a Banksy >>>

San Giustino, lunedì, martedì e mercoledì piazza del Municipio tornerà isola pedonale >>>

Città di Castello: l'omaggio dell'amministrazione alla Tela Umbra >>>

Città di Castello, inaugurato il nuovo campo da Padel realizzato da Sogepu >>>

Birra dell’Eremo nella Guida alle Birre d'Italia 2021 targata Slow Food >>>

Bagno di Romagna, torna la Fiera del Martedì >>>

Anghiari, 29 giugno 2020: sarebbe stato il giorno del Palio della Vittoria >>>

Palio della Balestra a Gubbio il 14 agosto nel pomeriggio >>>

Ecco "Apecchiese Tranquilla", il sindaco: "Un bel segnale di ripartenza" >>>

Drive In a Sansepolcro, la nuova proposta del ristorante L’incanto >>>