Notizie Locali Comunicati

Avviato in provincia di Arezzo il progetto “etichetta la cassetta”

Poste Italiane ha fornito ai cittadini le etichette da esporre sulle cassette e sul citofono

Print Friendly and PDF

E’ stata avviata in provincia di Arezzo la nuova iniziativa di Poste Italiane “Etichetta la cassetta”. 21 i comuni coinvolti nella campagna (Arezzo,  Castiglion Fibocchi, Castel Focognano, Castel san Niccolò, Chitignano, Chiusi della Verna, Montemignaio, Ortignano Raggiolo, Talla, Lucignano, Marciano della Chiana, Badia Tedalda, Caprese Michelangelo, Monterchi, Pieve Santo Stefano, Sestino, Bibbiena, Cortona, Camucia,  Montevarchi, Sansepolcro)       dove i cittadini con cassetta “anonima” stanno ricevendo, in queste settimane, una comunicazione da parte dell’Azienda che li invita ad apporre le etichette con il proprio nome e cognome sulle cassette domiciliari e sul citofono condominiale. Le etichette da utilizzare, a strappo e adesive, sono state incluse gratuitamente nella lettera di avviso.

Può avvenire infatti che, nonostante l’efficienza del servizio di smistamento della corrispondenza, la consegna finale sia resa oggettivamente impossibile da un piccolo elemento, all’apparenza poco significativo, ma determinante: l’assenza del nome e cognome dei cittadini sul citofono o nella cassetta delle lettere, il che non permette la corretta identificazione del destinatario della corrispondenza.

Poste Italiane, da sempre attenta a migliorare la qualità del proprio servizio nei confronti della popolazione su tutto il territorio nazionale e convinta che il miglioramento costante della qualità di prodotti e servizi offerti sia un elemento centrale della propria strategia, ha quindi deciso di intervenire interessando direttamente i cittadini e donando loro le etichette per farsi identificare e rendere così più agevole il lavoro quotidiano del portalettere.

Particolarmente interessati da questa operazione sono i comuni con meno di 5.000 abitanti, un segmento significativo di popolazione a cui Poste Italiane sta dedicando ormai da due anni una particolare attenzione, per accompagnarne la riqualificazione e lo sviluppo sostenibile, come sottolineato dall’Amministratore Delegato Matteo Del Fante durante il recente incontro Sindaci d’Italia che si è svolto il 28 ottobre scorso a Roma.

Attraverso il progetto “Etichetta la cassetta”, i cittadini sono invitati anche a comunicare l’indirizzo aggiornato ai propri mittenti abituali, in particolare i fornitori delle utenze, altro elemento che spesso complica il servizio di recapito. Inoltre l’Azienda ha avviato un percorso di collaborazione con le istituzioni locali in ottica di una reciproca e positiva condivisione per intervenire sulla toponomastica, perché la corretta esposizione delle vie e dei numeri civici contribuisce a rendere efficace il servizio, soprattutto nei territori periferici.

L'iniziativa è coerente con i principi ESG sull'ambiente, il sociale e il governo di impresa, rispettati dalle aziende socialmente responsabili, che contribuiscono allo sviluppo sostenibile del Paese.

Redazione
© Riproduzione riservata
02/12/2019 18:06:18


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

Continua il botta e risposta tra Scapecchi e Tiemme >>>

Ad Arezzo operative tre mense Caritas: oltre 24mila pasti all’anno e 2.393 pass >>>

Provincia di Perugia, inaugurato il presepe realizzato dal maestro Giulio Mariucci >>>

Il gruppo consiliare Viva Monterchi Viva replica all'amministrazione comunale >>>

Sansepolcro, il consiglio comunale ha deliberato le nuove cittadinanze onorarie >>>

Scadenza Imu e Tasi 2018: saldo entro lunedì 16 dicembre >>>

Tiemme: siamo stupiti dalle dichiarazioni del consigliere provinciale Scapecchi >>>

Sansepolcro, 2019 un anno di svolta per la raccolta differenziata >>>

L'associazione Cultura della Pace ricorda la figura della professoressa Anna Bravo >>>

L’ufficio turistico della Valtiberina si trasferisce in Piazza Torre di Berta >>>