Sport Locale Calcio (Locale)

L’AIA Castello in festa e torna tra i professionisti con Andrea Cravotta

Un grande percorso per l'assistente dell'arbitro: il professionismo in appena 6 stagioni

Print Friendly and PDF

E’ festa grande alla sezione AIA tifernate: le risultanze di fine stagione, pubblicate nella giornata di oggi dal Comitato Nazionale dell’Associazione Italiana Arbitri, hanno portato meravigliose notizie a coronamento del lavoro di un’intera stagione sportiva.

Innanzitutto la promozione di Andrea Cravotta alla CAN PRO: un percorso straordinario quello dell’assistente dell’arbitro tifernate, classe 1988, che ha iniziato l’attività arbitrale a 25 anni ed in sole 6 stagioni è riuscito a raggiungere i professionisti. Nelle quattro stagioni in CAN D ben 103 gare disputate con 85 presenze in serie D, 1 finale di Coppa Italia Dilettanti ed 1 finale scudetto Under 17. Un crescendo impressionante che lo ha portato ad un passo dall’agognata promozione già alla fine della scorsa stagione. Nel 2018/19  un giro d’Italia che lo ha portato a scendere in campo con le squadre più prestigiose come Bari, Taranto, Modena, Cesena e Avellino e la fiducia della Commissione ripagata con prestazioni talmente convincenti da meritare il salto di categoria.

Ma altre buone notizie hanno allietato il pomeriggio della sezione tifernate: Matteo Dini, classe 1996, è stato promosso alla CAI, la Commissione Arbitri Interregionale e la prossima stagione affronterà gare di Eccellenza in ambito nazionale. Dini, arbitro dal 2013 ed in forza al CRA Umbria dal 2014, ha meritato il passaggio di categoria con una stagione che lo ha visto protagonista nelle gare più importanti del massimo campionato dilettantistico della regione.

A subentrare a Cravotta alla CAN D ci sarà Simone Piomboni, classe 1993 ed arbitro dal 2013, che è stato promosso come assistente dell’arbitro dal CRA Umbria, dopo una stagione di altissimo profilo nel campionato di Eccellenza.

Si festeggia anche nel futsal con Michele Bomboletti, classe 1989 arbitro dal 2005, che è stato promosso alla CAN 5 dopo una stagione che lo ha visto ai vertici nel campionato regionale di serie C1.

Ed anche tra gli osservatori si festeggia una promozione importante: Gabrio Bini, classe 1967, arbitro benemerito con un passato da presidente di sezione e vice presidente del CRA Umbria, è stato inserito nell’organico della CAN PRO e dal prossimo anno visionerà i fischietti nelle categorie professionistiche.

Per il capitolo dismissioni lascia la CAI a domanda Angelo Moretti dopo 2 stagioni sportive, mentre viene confermato Nicola Lacriminialla CAN 5.

Grande quindi la soddisfazione del Presidente della Sezione AIA tifernate Michele Ceccagnoli e di tutti gli arbitri tifernati che si complimentano con i neopromossi, augurando loro un futuro ancor più ricco di successi e che stanno già organizzando una grande festa per celebrare questa giornata storica.

Redazione
© Riproduzione riservata
03/07/2019 15:02:26


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Calcio (Locale)

Pari (1-1) tra il Cervia e la Sampierana >>>

Serie C: pari al veleno per l'Arezzo (1-1) sul campo della Pergolettese >>>

Eccellenza toscana: la Baldaccio Bruni sconfitta (1-2) a Poggibonsi >>>

Eccellenza umbra: clamoroso tonfo del Sansepolcro, dal 3-0 al 3-4 per la Ducato >>>

Eccellenza umbra: "prima" stagionale al Buitoni per il Sansepolcro contro la Ducato >>>

Festeggiati gli artefici della promozione in C2 Sansepolcro 40 anni fa >>>

La Baldaccio Bruni Anghiari ribalta il risultato e va avanti in Coppa Italia >>>

Sansepolcro: l'omaggio ai protagonisti della promozione in C2 a distanza di 40 anni dall'impresa >>>

Due nuove pedine nei sottoquota dell’Fc Castello Calcio >>>

La Sampierana vince subito all'esordio: 1-0 contro il Bagnacavallo >>>