Notizie dal Mondo Cronaca

Ucraina: "Serviranno operazioni sul terreno". Macron insiste sulle truppe Nato in Ucraina

Il presidente francese: possibilità di mandare soldati nel Paese invaso dalla Russia

Print Friendly and PDF

Il presidente francese Emmanuel Macron è tornato a parlare dell’invio di truppe Nato in Ucraina. In un’intervista a Le Parisien, l’inquilino dell’Eliseo ha dichiarato che “forse ad un certo punto, non lo voglio e non prenderò io l'iniziativa, sarà necessario effettuare operazioni sul terreno, qualunque esse siano, per contrastare le forze russe”.

"Il nostro dovere è prepararci a tutti gli scenari, confida. Sarebbe un errore, una colpa, non farlo. Sono anche convinto che in alcuni di questi scenari, ognuno, chi può, con il proprio modello, si assumerebbe le proprie responsabilità", ha aggiunto. “La forza della Francia è che possiamo farlo”. Macron ha per la prima volta la possibilità della presenza di truppe occidentali sul suolo del Paese invaso a fine febbraio, sottolineando il fatto che gli alleati del blocco Nato-Ue dovrebbero “fare di più” a sostegno di Kiev. Le sue dichiarazioni, però, hanno generato confusione e contrasti tra gli alleati di Parigi, uniti in un’opposizione quasi unanime a questa possibilità.

In particolare, la Germania è la nazione che ha dimostrato più cautela a qualunque ipotesi di intervento. “Non c'è mai stato alcun disaccordo tra me e il cancelliere. Abbiamo opinioni molto simili sugli obiettivi e sulla situazione. È il modo in cui li traduciamo che è diverso”, ha specificato Macron. “La Germania ha una cultura strategica di grande cautela, di non intervento, e si tiene lontana dall'energia nucleare. Questo è un modello molto diverso da quello della Francia, che ha armi nucleari e ha mantenuto e rafforzato un esercito professionale”. L’inquilino dell’Eliseo ha anche sottolineato come Parigi spenda molto più di Berlino per la difesa, il che le permette uno spazio di manovra più ampio. "Non dobbiamo lasciarci intimidire, non siamo di fronte a una grande potenza”, ha poi dichiarato Macron. “La Russia è una media potenza con armi nucleari, ma il suo Pil è molto inferiore a quello degli europei, inferiore a quello della Germania o della Francia".

Tra gli alleati del Patto atlantico, l’unica ad aver aperto alla possibilità di invio di truppe in Ucraina è stata la Polonia, rimandandola ad un momento imprecisato del futuro. Personale della Nato è comunque già presente nel Paese invaso in ruoli non combattenti, nelle vesti di consulenti militari, supporto per le forze di Kiev nell’utilizzo di equipaggiamenti occidentali e agenti dell’intelligence incaricati di aiutare i servizi dell’Sbu a raccogliere e analizzare documenti segreti di Mosca.

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
17/03/2024 07:34:12


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Israele ha attaccato l’Iran: colpita base militare ma siti nucleari intatti >>>

Il patto fra Israele e Stati Uniti per l’attacco all’Iran e le probabili date >>>

Gli Usa spostano il sistema Typhon vicino alla Cina: cosa vuol dire e cosa può succedere >>>

Israele: "Reagiremo all'Iran". Teheran avverte: "Pronti ad usare un'arma mai utilizzata" >>>

Il Pianeta è sempre più inquinato: ma di chi è la vera colpa? Ecco le 57 aziende più "cattive" >>>

Fiumi di "ice" e "yaba": ecco l'epicentro mondiale delle metanfetamine >>>

L'Iran attacca Israele con droni e missili. Teheran all'Onu: "Missione conclusa" >>>

Attacco in un centro commerciale di Sydney: 7 morti. Polizia: "Non è terrorismo" >>>

Nuovo missile "Mako" per i caccia Usa: cosa può fare il muovo sistema ipersonico >>>

Il trucco "ucraino" di Kim: cosa succede alle armi nordcoreane >>>