Notizie Locali Comunicati

Il Movimento 5 Stelle Arezzo risponde al Comitato Emergenza Lupo

"Ci dispiacerebbe se il comitato si facesse cavalcare da qualche esponente politico locale"

Print Friendly and PDF

Se, come dite, non è vostra intenzione aprire la caccia al lupo, se non condividete le nostre proposte - recinzioni, rimborsi predazioni, cani da guardiania - quale sarebbe la soluzione che proponete?

Viste le numerose imprecisioni nella risposta del comitato, sentiamo l’esigenza di rimettere in ordine gli argomenti e fare le dovute precisazioni.

La risposta stessa del Comitato conferma la disinformazione dilagante sul tema “lupo”.

Un ringraziamento al Prefetto con cui siamo assolutamente d’accordo: il lupo è specie protetta e nessuno deve intraprendere iniziative private.

Innanzitutto saremmo curiosi di sapere da chi è formato questo comitato per valutare eventuali loro interpretazioni dell’argomento. Ci dispiacerebbe se un neonato comitato di liberi cittadini si facesse cavalcare da qualche esponente politico locale.

Prima precisazione: nessuno ci ha invitato in Prefettura altrimenti avremmo partecipato più che volentieri. Forse perché gli altri partiti citati dal comitato sono attualmente al governo del comune o della provincia? Ci pare una logica deduzione, tra l’altro facilmente intuibile.

Altro punto: i quattro o cinque personaggi citati nell’articolo dal comitato, si sono essi stessi identificati come Movimento 5 Stelle? Altrimenti si potrebbe configurare la diffamazione, specialmente poi affermando che essi avrebbero “disturbato”, “provocato”, e che “qualche facinoroso” avrebbe causato “disordine pubblico”, tanto da indurre “qualcuno” a far intervenire la Polizia Municipale.

Questi descritti sono comportamenti lontani anni luce dal nostro modo di fare politica e di vita quotidiana e non è corretto assegnare tali comportamenti ai “5 stelle”, tanto più che il consigliere comunale Menchetti, unico rappresentante, non era nemmeno presente e non aveva delegato nessuno a rappresentare il Movimento aretino.

Un solo attivista era presente e ha solo ascoltato senza intervenire, informando il gruppo aretino degli attivisti che ha deciso collegialmente di diramare un comunicato stampa.

Dispiace inoltre ascoltare dei riferimenti offensivi detti da chi dovrebbe mantenere una certa lucidità nell’affrontare un argomento ostico come quello dei lupi. Nel parlare di campagna di disinformazione sul tema dei lupi, ci siamo riferiti ai mesi scorsi e a ciò che abbiamo letto e ascoltato, non certo al neonato comitato, a cui noi portiamo comunque rispetto in quanto rappresentante di una parte dei cittadini. Certo, non temiamo di criticare, anche aspramente, se lo reputiamo opportuno.

L’allusione agli allevamenti intensivi è altresì incomprensibile, noi abbiamo parlato di ricovero notturno, non di recintare enormi porzioni di terreno.

I cani da guardiania restano però una soluzione suggerita dalla stessa UE e dalla Regione, così come i rimborsi peraltro portati dall’80% al 100%, previa certificazione del veterinario ASL che attesti la predazione avvenuta nonostante gli allevatori abbiano messo in atto almeno uno di quegli interventi tra cani da guardiania o ricovero corretto. Inoltre, per essere più precisi,  il rimborso copre il costo iniziale dell’animale predato e non il valore affettivo o la resa di produzione che avrebbe potuto avere. E infine i tempi per ottenerlo dalla Regione si sono drasticamente ridotti: da 18 a 2 mesi.Quindi non si può parlare di menzogna ed anzi siamo stupiti che certe dinamiche reali siano ignorate da chi potrebbe potenzialmente beneficiarne, ossia gli allevatori.

Per le recinzioni siamo da sempre a favore di aiuti economici anche da parte dei comuni, e di qualsiasi ente che possa contribuire, come peraltro ci risulta già avvenire, almeno in parte.

Concludiamo che il confronto, se pacato e costruttivo, ben venga. Quindi ci chiediamo perché al Convegno del WWF di giugno 2017 nessun allevatore né associazione venatoria si siano fatti vivi? Decisamente un’occasione persa.

A corredo di quanto da noi affermato, siamo sicuri di fare una buona cosa suggerendo giusto un paio di link al neonato comitato, dove potranno trovare le informazioni necessarie, che nel precedente comunicato avevano etichettato come “menzogne”.

https://www.toscana-notizie.it/web/toscana-notizie/-/arrivano-gli-indennizzi-a-sportello-per-gli-allevatori-danneggiati-dai-predatori

https://www.regione.toscana.it/-/aiuti-per-i-danni-da-predazione-provocati-dal-lupo-nell-anno-2022

Movimento 5 Stelle Arezzo

Redazione
© Riproduzione riservata
06/02/2023 07:18:01


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

Delegazione di Arezzo al congresso nazionale di Forza Italia >>>

Lupo a Faltona attratto dalle crocchette del gatto: il sindaco firma l'ordinanza >>>

“A Scuola di Soccorso” della Confraternita di Misericordia di Castiglion Fiorentino >>>

Fratelli d'Italia Arezzo, Palazzini replica al consigliere Romizi >>>

Bibbiena, il sindaco Vagnoli fa il punto sulla sanità in Casentino >>>

Ricostituita la sezione di Arezzo di Italia Nostra >>>

Petizione per la chiusura al transito e alla sosta selvaggia dell'area Pionta ad Arezzo >>>

Anghiari, potenziare i servizi postali: interviene anche l'assessore regionale >>>

Parcheggi “rosa” e marciapiedi danneggiati a Promano di Città di Castello >>>

Coronavirus in Toscana: 100 nuovi casi e nessun decesso negli ultimi sette giorni >>>