Notizie Nazionali Cronaca

Venezia, acqua alta a 173 centimetri bloccata in mare dal Mose

Salvini: la struttura sta salvando Venezia

Print Friendly and PDF

L'acqua alta a Venezia ha raggiunto i 173 centimetri sul medio mare in Adriatico alle ore 9.40 di oggi, ma è stata fermata con successo dalle paratie del Mose, in funzione dalle ore 2.00 di oggi e fino all’una di stanotte sulle tre bocche di porto. In laguna sono stati registrati, alla Punta della Dogana della Salute, solo 62 centimetri di marea. Senza il Mose l'82% della città storica sarebbe stato allagato. Le previsioni davano un picco di 170 centimetri, il terzo per gravità dopo le maree del 4 novembre 1966 (194) e del 12 novembre 2019 (187). Il Centro maree del Comune sta monitorando la situazione. Il cambiamento del vento da sud a nord, dopo la stasi attuale, nelle prossime ore potrebbe portare invece che ad un abbassamento a un ulteriore innalzamento del livello dell'acqua in Adriatico. Per domani, mercoledì 23 novembre, il Centro maree prevede 145 centimetri alle ore 10:30. Lo stesso livello è atteso per le 10:10 di dopodomani, 24 novembre. Anche nei prossimi giorni sarà attivato il sistema di dighe mobili nelle prime ore del mattino. 

"Senza il Mose sarebbe stata un'altra devastazione», ha detto in un incontro il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro. «Mi è venuta in mente la fotografia dello striscione davanti alla Basilica di San Marco durante una protesta dei No Mose. Si vede uno striscione con scritto “Mose serve solo a chi lo fa. Grandi opere grandi bidoni”. Ecco, queste immagini hanno fatto il giro del mondo, denigrare è facilissimo, usiamo la città di Venezia e queste fantastiche scenografie per distruggere il lavoro e la scienza. I dubbi sono per le persone intelligenti – ha concluso il sindaco – ma dopo bisogna avere il coraggio di fare delle scelte".

Salvini: “Il Mose sta salvando Venezia”. Calenda: “Quanti Mose prima di abbandonare la cultura del no?”
«Il Mose – spiega il vicepremier Matteo Salvini, in conferenza stampa sulla manovra – sta fronteggiando la marea più alta da 50 anni, senza quelle barriere Venezia sarebbe sommersa in maniera catastrofica, nonostante i signor no quelle barriere stanno salvando un patrimonio dell'umanità». La marea attuale, ha precisato «è peggio della grande marea di 3 anni fa». 

Risponde alle sue parole Luana Zanella, presidente del Gruppo di Alleanza Verdi Sinistra alla Camera. «Il ministro delle Infrastrutture parla del Mose dimenticando che le nostre proposte alternative includevano barriere alle bocche di porto e altri interventi che avrebbero contrastato l'afflusso violento e sempre più frequente delle acque alte. Salvini, soprattutto, non dice quanto e fino a quando il Mose reggerà, viste le previsioni di un aumento del livello dell'Alto Adriatico dai 41 agli oltre 80 cm entro la fine del secolo e come intende affrontare la salvaguardia complessiva della città e della laguna di Venezia». 

Anche il leader del Terzo Polo, Carlo Calenda, ha espresso la sua posizione su Twitter. «Decenni di polemiche idiote e inutili. Ma quando impareremo a considerare le infrastrutture energetiche, idrauliche, di trasporto uno straordinario mezzo di tutela e valorizzazione del patrimonio artistico e naturale? Quanti Mose e Tap prima di abbandonare la cultura del NO?».

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
22/11/2022 19:53:48


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Vibo Valentia, arrestato un uomo accusato di aver violentato la figlia >>>

Terni: 42 enne straniero investito da una bici e poi ucciso a calci e pugni in strada >>>

Esplosione nel Reggino causata da una fuga di gas: un morto e due feriti >>>

Lega, Umberto Bossi lascia l’ospedale di Varese: “Grazie a tutti” >>>

La frana a Ischia, sale a sette il numero delle vittime: c’è anche un neonato >>>

E' morto Renato Balestra, decano dell'alta moda >>>

Istigazione al suicidio di una 14enne, youtuber denunciato dalla polizia >>>

Frana a Ischia, la prima vittima è una donna straniera sposata con un isolano >>>

Nessun segno di violenza sul cadavere della donna nascosto dal figlio nel congelatore >>>

Frana a Ischia: 13 i dispersi. Si cerca una famiglia con un neonato >>>