Economia L'Esperto

Andare in pensione a 55 anni, si può? Le novità e cosa sapere

Ecco come viene calcolato l’assegno e quali sono i vincoli

Print Friendly and PDF

L’ordinamento italiano prevede la possibilità di andare in pensione a 55 anni, restringendo però questa opportunità a categorie limitate di lavoratori. Questo mentre la legge Fornero si avvicina a un bivio e mentre partiti e l’Inps suggeriscono riforme future al sistema pensionistico.

Le vie percorribili sono più d’una e si applicano alla professione, al periodo contributivo e allo stato di salute del contribuente. In ognuno di questi casi vanno rispettati requisiti imprescindibili.

Categorie di lavoratori che possono andare in pensione a 55 anni

Il pensionamento a 55 anni è previsto per i lavoratori precoci che hanno accumulato 41 anni di contributi e hanno iniziato a versarne prima del compimento del 19esimo anno di età. Situazione questa nota con il nome di Quota 41 e appannaggio di precise categorie di persone:

  • Chi ha svolto lavori gravosi, usuranti o notturni
  • Gli invalidi almeno al 74%
  • I caregiver che stanno assistendo da almeno sei mesi coniugi o famigliari fino al secondo grado portatori di gravi handicap

Per contro, uscire dal mondo del lavoro a 55 anni con 30 anni di contributi è possibile soltanto miscelando il diritto alla pensione con una condizione di invalidità.

Requisiti

La pensione Quota 41 precoci è prevista dall’attuale assetto previdenziale ed è stata concepita per chi ha cominciato a lavorare molto giovane e pretende che il lavoratore abbia versato almeno 12 mesi di contributi prima del compimento del 19esimo anno di età. La misura, tuttavia, è estesa a coloro che hanno cominciato a maturare capitale previdenziale a 14 anni e che possono andare in pensione dopo 41 anni di contribuzione.

Capitolo a parte e più complesso è quello relativo agli invalidi, i cui requisiti devono includere un’anzianità contributiva maturata in cinque anni, tre dei quali conseguiti nell’ultimo lustro lavorativo e, inoltre, includono il rilascio di un accertamento sanitario che ne attesti un’oggettiva difficoltà nel proseguire la propria attività professionale.

A 55 anni hanno accesso alla pensione le donne dipendenti non vedenti che hanno accumulato almeno 10 anni di contributi e hanno un’invalidità pensionabile almeno dell’80% (da non confondere con l’invalidità civile).

Come si calcola l’assegno

Viene applicato il sistema misto e retributivo sulla parte contributiva accantonata prima del 1996 e, in seguito, viene applicato il sistema contributivo.

Un esempio: a fronte di un reddito lordo annuo di 30mila euro al mese, l’assegno pensionistico sarà di poco inferiore ai 1.330 euro. A titolo di paragone, la pensione ordinaria anticipata sarebbe di circa 1.400 euro.

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
15/10/2022 17:39:04


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio L'Esperto

Otto cose da sapere prima di aprire una partita Iva nel 2023 >>>

La direttiva Ue sulla casa sarà un salasso per gli italiani >>>

Postepay costerà di più: per chi scattano gli aumenti >>>

Euro, la Croazia da oggi ha la moneta unica: cosa cambia >>>

Pensioni, arrivano le sei fasce: ecco i calcoli >>>

L'Inps batte cassa: ecco cosa succederà ai professionisti >>>

Pensioni, ecco chi potrà lasciare il lavoro nel 2023 >>>

La Bce suona le campane a morto del bitcoin: è all'ultimo sussulto, diventerà irrilevante >>>

Eredità, cosa sapere per affrontare un momento complicato >>>

Guida all'F24: cos'è, quando lo si usa e come rimediare agli errori >>>