Notizie dal Mondo Cronaca

Iran: salgono a 31 i morti nelle proteste per la morte di Amini

Ci sono anche un ragazzo di 16 anni e 3 poliziotti

Print Friendly and PDF

Sono saliti a 31 i morti in Iran nelle proteste scoppiate a seguito della morte a Teheran della 22enne Mahsa Amini, deceduta dopo essere stata arrestata dalla polizia morale perché non indossava il velo in modo corretto. Lo riporta la Bbc, precisando che fra le nove persone rimaste uccise c'è anche un ragazzo di 16 anni, raggiunto da uno sparo quando le forze di sicurezza hanno aperto il fuoco sui manifestanti. Fonti ufficiali precisano che tre delle vittime sono agenti della sicurezza. Secondo le agenzie di stampa iraniane, un agente è stato ucciso a coltellate a Tabriz, nel Nord-Ovest del Paese e uno a Mashhad, nel Nord-Est, mentre un altro è stato ucciso martedì durante le proteste a Shiraz. 

Video pubblicati online e relativi alle proteste di mercoledì mostrano donne che sventolano i loro veli in aria o che li bruciano. In Iran indossare il velo, l’hijab, è obbligatorio per le donne dalla rivoluzione islamica del 1979. La morte di Mahsa Amini ha scatenato un'enorme rabbia nella popolazione e le peggiori proteste nella Repubblica islamica dal 2019. La maggior parte di esse si è concentrata nel nord-ovest dell'Iran, popolato da curdi, ma si sono diffuse nella capitale e in almeno 50 città e paesi in tutto il Paese, con la polizia che ha usato la forza per disperdere i manifestanti.

I manifestanti di Teheran e di altre città iraniane hanno incendiato stazioni di polizia e veicoli. Nel nord-est, invece, i manifestanti hanno gridato «Moriremo, moriremo ma riavremo l'Iran» vicino a una stazione di polizia che è stata data alle fiamme, come mostra un video postato dall'account Twitter 1500tasvir, che si occupa delle proteste in Iran e ha circa 100.000 follower. 

Un'altra stazione di polizia è stata data alle fiamme a Teheran mentre i disordini si diffondevano dal Kurdistan, la provincia natale di Amini. La sua morte ha riacceso la furia in tutta la Repubblica islamica su questioni come le restrizioni alle libertà personali – tra cui i rigidi codici di abbigliamento per le donne – e un'economia che risente delle sanzioni. I governanti clericali iraniani temono una ripresa delle proteste del 2019, scoppiate per l'aumento del prezzo della benzina, le più sanguinose nella storia della Repubblica islamica. La Reuters ha riportato 1.500 morti. Questa settimana i manifestanti hanno anche espresso rabbia nei confronti della Guida Suprema Ayatollah Ali Khamenei. «Mojtaba, che tu possa morire e non diventare la Guida Suprema», si è visto un gruppo di persone cantare a Teheran, riferendosi al figlio di Khamenei, che secondo alcuni potrebbe succedere al padre al vertice dell'establishment politico iraniano.

Secondo quanto riportato dal gruppo curdo per i diritti umani Hengaw, il bilancio delle vittime nelle aree curde era salito a 12 mercoledì. I funzionari iraniani hanno negato che le forze di sicurezza abbiano ucciso i manifestanti, suggerendo che potrebbero essere stati colpiti da dissidenti armati. Senza alcun segno di attenuazione delle proteste, le autorità hanno limitato l'accesso a Internet, secondo le testimonianze dei residenti di Hengaw e dell'osservatorio NetBlocks. Le donne hanno svolto un ruolo di primo piano nelle proteste, sventolando e bruciando i loro veli e alcune tagliandosi i capelli in pubblico. In un video girato nel nord dell'Iran, la folla armata di manganelli e sassi ha attaccato due membri delle forze di sicurezza su una moto mentre la folla applaudiva.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
22/09/2022 20:24:09


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Tentativo di furto finisce nel sangue: tre persone accoltellate vicino alla Liverpool Station >>>

Serial killer spaventa la California, taglia da 125mila dollari >>>

Corea del Nord: lancio di missili e portaerei, così gli Usa vogliono tenere a bada Kim >>>

Miss Crimea multata perché ha cantato sui social una canzone patriottica ucraina >>>

India, arrestati a Ahmedabad quattro writer italiani >>>

Il direttore della Cia Bill Burns: “Putin con le spalle al muro è molto pericoloso” >>>

Usa: donna accusata di aver ucciso un uomo per salvare un gatto >>>

Indonesia, scontri dopo una partita di calcio: almeno 129 morti >>>

Afghanistan: donne in marcia a Kabul contro genocidio hazara >>>

Cuba, industria dei sigari in ginocchio dopo il passaggio dell'uragano Ian >>>