Economia L'Esperto

Perché convengono i Buoni postali: tutto quello che c'è da sapere

Stanno per compiere 100 anni e sono tra gli strumenti di investimento più apprezzati dagli italiani

Print Friendly and PDF

I Buoni fruttiferi postali sono prodotti di investimento e, insieme ai libretti postali, sono tra le forme di risparmio più apprezzate in Italia. Varati nel 1924, si stanno accingendo a compiere il loro primo secolo di vita.

Hanno un rendimento stabilito da decreti del ministero dell’Economia e delle Finanze l’ultimo dei quali, emesso lo scorso 6 luglio, ne ha fissato la remunerazione al 2%, in netto rialzo rispetto allo 0,5% dell’emissione precedente. Una volta fissati, i tassi valgono per tutta la durata del titolo e questo evita sgradite sorprese a chi li sottoscrive.

Cosa li rende attraenti

Nella provincia di Padova, fa notare il Corriere della Sera, ogni cittadino possiede in media almeno un Buono fruttifero o un libretto postale. A Ravenna, sempre in media, un cittadino su tre ne ha almeno uno. A livello nazionale se ne contano più di 46 milioni e questo testimonia un tasso di gradimento elevato.

Sono la semplicità, l’affidabilità e la trasparenza a renderli attraenti. Valgono meno dei Buoni del tesoro poliennali (Btp) ma sottostanno a logiche diverse. Chi dovesse ritirare l’investimento prima della scadenza non ha perdite sul capitale ma soltanto sugli interessi non maturati e non hanno un mercato secondario che incide sulla loro remunerazione.

Non hanno costi di sottoscrizione o di rimborso, sottostanno a un regime di tassazione agevolata al 12,5% e sono esenti dall’imposta di successione.

Come scritto, le nuove emissioni dei Buoni fruttiferi hanno un rendimento del 2% (contro lo 0,5% delle emissioni precedenti) mentre i Buoni riservati ai minori hanno un rendimento del 3,5% (rispetto al 2,5% precedente).

Come sottoscriverli

I Buoni fruttiferi postali sono emessi da Cassa depositi e prestiti, sono collocati da Poste Italiane e sono garantiti dallo Stato italiano. Possono essere sottoscritti nella loro forma cartacea oppure – così come definiti da Poste Italiane – nella forma dematerializzata. Entrambi i tipi possono essere acquistati presso gli uffici postali mentre quelli dematerializzati possono essere acquistati anche online (sul sito poste.it o mediante l’app BancoPosta per dispositivi mobili).

Chi sottoscrive la forma tradizionale riceve un titolo cartaceo che dovrà essere esibito al momento del rimborso (sia questo anticipato o a scadenza) mentre, nella forma dematerializzata, il Buono è rappresentato da una scrittura contabile sul libretto di risparmio postale o sul conto corrente Bancoposta dell’intestatario.

Esistono Buoni fruttiferi di diversa durata e il simulatore online di Poste Italiane permette di avere una panoramica del rendimento in base al capitale investito.

Il taglio minimo di acquisto è di 50 euro, la sottoscrizione è limitata a un milione di euro al giorno per singolo soggetto.

Oltre ai prodotti finanziari già esistenti ne sono stati introdotti di nuovi, tra i quali:

  • Buoni 4x4, della durata massima di 16 anni con interessi che sono riconosciuti al momento in cui il sottoscrittore vuole il rimborso del buono e comunque a partire dal quarto anno
  • Buoni 3x4, della durata massima di 12 anni con interessi che vengono riconosciuti al termine del terzo, del sesto, del nono e del dodicesimo anno dalla data di sottoscrizione
  • Buoni 3x2, della durata massima di 6 anni con interessi riconosciuti al terzo e al sesto anno dalla data di sottoscrizione.

Btp o Buoni postali?

Il tasso di rendimento dei Btp cambia sul mercato secondario ma non subisce variazioni per chi li acquista e li detiene fino alla scadenza. Si tratta di un’arma a doppio taglio per chi volesse comprarli o venderli potendosi trovare in condizioni di realizzare perdite. I Buoni postali rendono meno ma, non avendo un mercato secondario, mantengono sempre il medesimo valore nominale senza quindi la possibilità di realizzare perdite sul capitale investito.

Notizia tratta da ilgiornale.it
© Riproduzione riservata
25/08/2022 15:44:25


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio L'Esperto

Otto cose da sapere prima di aprire una partita Iva nel 2023 >>>

La direttiva Ue sulla casa sarà un salasso per gli italiani >>>

Postepay costerà di più: per chi scattano gli aumenti >>>

Euro, la Croazia da oggi ha la moneta unica: cosa cambia >>>

Pensioni, arrivano le sei fasce: ecco i calcoli >>>

L'Inps batte cassa: ecco cosa succederà ai professionisti >>>

Pensioni, ecco chi potrà lasciare il lavoro nel 2023 >>>

La Bce suona le campane a morto del bitcoin: è all'ultimo sussulto, diventerà irrilevante >>>

Eredità, cosa sapere per affrontare un momento complicato >>>

Guida all'F24: cos'è, quando lo si usa e come rimediare agli errori >>>