Salute & Benessere Malattie

Tumore al rene: due molecole combinate migliorano sopravvivenza

Pazienti trattati con nivolumab assieme a cabozantinib continuano a riportare miglioramenti

Print Friendly and PDF

Bristol Myers Squibb e Ipsen annunciano i risultati del follow-up a due anni (minimo 25,4 mesi; mediana di 32,9 mesi) dalle analisi dello studio di fase 3 CheckMate -9ER, dimostrando benefici duraturi di sopravvivenza e tassi di risposta, oltre a miglioramenti della qualità di vita correlata allo stato di salute, con l’associazione di nivolumab e cabozantinib rispetto a sunitinib nel trattamento di prima linea del carcinoma a cellule renali avanzato (RCC). Questi risultati aggiornati saranno presentati in due poster al Genitourinary Cancers Symposium dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) 2022, dal 17 al 19 febbraio 2022.1

 “I nuovi dati dallo studio CheckMate -9ER, che valutano nivolumab e cabozantinib, sono significativi per i pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato di prima linea perché forniscono ulteriore prova dei benefici di efficacia oltre a risultati favorevoli sulla qualità di vita riferita dai pazienti trattati con questa associazione,” afferma Toni Choueiri, M.D., Direttore del Lank Center for Genitourinary Oncology al Dana-Farber Cancer Institute e Jerome e Nancy Kohlberg Professor of Medicine alla Harvard Medical School. “Come medici, siamo continuamente alla ricerca di terapie che possano aiutare sempre più pazienti a gestire la malattia senza riportare un peggioramento nella loro qualità di vita.”

Abstract #350: Final overall survival analysis and organ-specific target lesion assessments with 2-year follow-up in CheckMate -9ER: nivolumab plus cabozantinib vs sunitinib for patients with advanced renal cell carcinoma (Powles, et. al.)2

  Con un follow-up mediano di 32,9 mesi (minimo 25,4 mesi), nivolumab in associazione a cabozantinib (n=323) continua a mostrare una superiorità in sopravvivenza globale (OS), sopravvivenza libera da progressione (PFS), tasso di risposta obiettiva (ORR), durata della risposta (DoR) e risposta completa (CR) rispetto a sunitinib (n=328). Non sono emersi nuovi segnali di sicurezza con l’estensione del follow-up.

Nella popolazione globale dello studio:

  • OS: All’analisi finale della OS, nivolumab in associazione a cabozantinib ha continuato a mostrare miglioramenti clinicamente significativi nella OS mediana (37,7 mesi vs. 34,3 mesi), e ha dimostrato una riduzione del 30% del rischio di morte (Hazard Ratio [HR] 0,70; 95% Intervallo di Confidenza [IC]: 0,55 – 0,90) rispetto a sunitinib.
  • PFS: i benefici della PFS sono stati mantenuti, con l’associazione che continua a raddoppiare la PFS mediana rispetto a sunitinib (16,6 mesi vs. 8,3 mesi, rispettivamente; HR 0,56; IC 95%: 0,46 – 0,68).
  • ORR e DoR: I benefici di ORR sono stati sostenuti, con quasi il doppio dei pazienti che risponde a nivolumab in associazione a cabozantinib vs sunitinib (55,7% vs 28,4%). Le risposte erano anche più durature con la combinazione, con una DoR mediana di 23,1 mesi, rispetto a 15,1 mesi con sunitinib.
  • CR: i tassi di CR sono più che raddoppiati tra i pazienti trattati con l’associazione, con il 12,4% che hanno raggiunto una CR rispetto al 5,2% di quelli trattati con sunitinib.
  • DCR: i vantaggi in termini di DCR con la combinazione rispetto a sunitinib si sono conservati con l’aumentare del follow-up (88,2% vs 69,3%).
  • Sicurezza: il 97,2% dei pazienti trattati con nivolumab più cabozantinib (n=320) ha sviluppato eventi avversi correlati al trattamento (TRAE) di qualsiasi grado, rispetto al 93,1% dei pazienti trattati con sunitinib (n=320); il 65,0% vs. 54,1% ha presentato rispettivamente un TRAE di grado ≥3.

Inoltre, in un’analisi esploratoria della profondità delle risposte nelle lesioni target per sito d’organo, una percentuale più elevata di pazienti ha sperimentato vantaggi in termini di riduzione del tumore con nivolumab in associazione a cabozantinib rispetto a sunitinib nelle lesioni target a livello di polmone (90,5% vs. 76,0%), linfonodi (88,4% vs. 7,6%), rene (89,0% vs. 71,6%), fegato (72,7% vs. 53,8%) e osso (85,2% vs. 65,0%).

Abstract #323: Health-related quality of life (HRQoL) in previously untreated patients with advanced renal cell carcinoma (aRCC): CheckMate -9ER updated results. (Cella, et. al.)3

In un’analisi separata dello studio CheckMate -9ER con un follow-up mediano di 32,9 mesi, i pazienti hanno continuato a riportare benefici clinicamente significativi nella qualità di vita correlata allo stato di salute (HRQoL) con nivolumab in associazione a cabozantinib rispetto a sunitinib. I punteggi di HRQoL sono migliorati o mantenuti nel tempo tra i pazienti trattati con l’associazione, mentre una riduzione dei punteggi è stata osservata con sunitinib. Inoltre, coloro che hanno ricevuto nivolumab in associazione a cabozantinib avevano il 48% in meno di probabilità di essere particolarmente disturbati dagli effetti collaterali del trattamento rispetto ai pazienti nel braccio di sunitinib. Questi outcome esplorativi sono stati misurati utilizzando il Functional Assessment of Cancer Therapy Kidney Symptom Index-19 (FKSI-19), uno strumento specifico per misurare la qualità di vita in pazienti con tumore del rene, ed il questionario EQ-5D-3L.

   “I risultati di queste analisi dello studio CheckMate -9ER forniscono ulteriori evidenze cliniche a supporto di nivolumab in associazione a cabozantinib come importante trattamento di prima linea per i pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato che possono beneficiare di un regime di immunoterapia più un inibitore delle tirosin-chinasi,” afferma Dana Walker, M.D., M.S.C.E., vice president, development program lead, genitourinary cancers, Bristol Myers Squibb. “Questi risultati esemplificano la natura collaborativa del nostro approccio alla ricerca e sviluppo, e dimostrano come stiamo lavorando nel panorama sanitario per esplorare come le nostre terapie potrebbero funzionare con meccanismi di azione potenzialmente complementari per aiutare più pazienti a raggiungere risultati migliori e più duraturi.

  Steven Hildemann, M.D. Ph.D., Executive Vice President, Chief Medical Officer, Head of Global Medical Affairs and Global Patient Safety, Ipsen, afferma: “Questi nuovi dati dello studio CheckMate -9ER si basano sui benefici di efficacia sostenuta precedentemente dimostrati con l’associazione di cabozantinib e nivolumab in tutti i gruppi di pazienti a rischio. Siamo felici di vedere che questi benefici di sopravvivenza duraturi sono ulteriormente supportati da un continuo mantenimento della qualità della vita correlata alla salute. La valutazione della prospettiva del paziente è stata elemento integrante delle analisi dello studio CheckMate -9ER, assicurando che i dati siano rappresentativi della popolazione di pazienti e delle loro priorità. Con questo crescente corpo di evidenze per l’associazione di cabozantinib e nivolumab, siamo fiduciosi del potenziale che possono avere questi dati in contesti reali, in tutto il mondo.

Bristol Myers Squibb e Ipsen ringraziano i pazienti e gli sperimentatori coinvolti nello studio clinico CheckMate -9ER.

Notizia e Foto tratte da Tiscali
© Riproduzione riservata
18/02/2022 06:56:01


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Malattie

Il 10% dei casi di cancro in Europa è causato dall’esposizione all’inquinamento >>>

Tumore del rene: ogni anno in Italia scoperti per “caso” 8.100 nuovi casi >>>

Cos'è il pre-diabete e come evitarlo >>>

Tumore al colon, forse trovata una cura con l'anticorpo monoclonale: in 12 sono guariti >>>

Melanoma: L’immunoterapia cronicizza il tumore metastatico >>>

Così il sangue ci dice se abbiamo l'Alzheimer >>>

Tumore epatocellulare: ogni anno 13mila nuovi casi in Italia >>>

Cervello, cos’è la Tia e perché bisogna intervenire subito >>>

HIV, le speranze in un vaccino >>>

Covid, doppio danno sui reni: i problemi possono durare mesi >>>