Notizie dal Mondo Attualità

Svolta in Usa, emesso il primo passaporto con la “X” per il genere non binario

Il dipartimento di Stato non ha rivelato chi sia la persona destinataria del documento

Print Friendly and PDF

Mentre il Senato italiano stava affossando il Ddl Zan, il disegno di legge che mirava a contrastare la violenza di genere e omotransfobica, gli Stati Uniti emettevano il primo passaporto con indicatore di genere «X»: una svolta nel riconoscimento dei diritti delle persone che non si riconoscono nella categoria binaria di maschio o femmina. 

Il dipartimento di Stato non ha rivelato chi sia la persona destinataria di tale documento, ma in una nota ha assicurato che la nuova opzione sarà disponibile dall'inizio del 2022 per «chiunque richieda normalmente un passaporto».

L’annuncio è arrivato in occasione della Giornata della consapevolezza intersessuale (Intersex Awareness Day) e a giugno era già stato annunciato che ci si stava muovendo per questa modifica, inserendo su passaporti e certificazioni consolari di nascita all'estero (Crba) il nuovo indicatore, diverso da «M» per maschio e «F» per femmina. 

«Voglio ribadire, in occasione dell'emissione di questo passaporto, l'impegno del dipartimento di stato a promuovere la libertà, la dignità e l'eguaglianza di tutte le persone, comprese quelle della comunità Lgbtqi», ha sottolineato il portavoce Ned Price. 

Queste decisioni vanno in netto contrasto con quelle di Mike Pompeo, segretario di stato sotto Trump, che che aveva vietato persino l'esposizione della bandiera arcobaleno nelle ambasciate americane.

Ci sono già almeno undici Paesi che hanno l'opzione «X» o «altre» per i passaporti, secondo l'organizzazione Employers Network for Equality and Inclusion. Tra questi il Canada, la Germania, l'Argentina, ma anche Stati asiatici come l'India, il Nepal e il Pakistan, una eredità del concetto storico sud-asiatico di Hijra per indicare le persone che si considerano come transgender o transessuali. Per gli Stati Uniti si tratta di un ulteriore passo avanti nelle politiche sull'inclusività di genere, dopo che Joe Biden ha promesso di fare dei diritti della comunità Lgbtqi (il 5,6% degli americani adulti, secondo un recente sondaggio Gallup) una delle priorità della sua amministrazione.

Come dimostra anche la riapertura dell'esercito ai transgender che erano stati messi al bando da Donald Trump e l'approvazione alla Camera della Equality act, che vieta discriminazioni contro gli appartenenti a questa comunità. Una legge che rafforza il Civil Rights Act del 1964, estendendo le protezioni dei diritti civili anche contro le discriminazioni basate sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere. Questo significa che chi appartiene alla comunità Lgbtqi non potrà essere discriminato in tutte le aree della vita, dal lavoro alla casa, dal credito ai servizi pubblici. 

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
29/10/2021 05:20:03


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Cina, a Shanghai il magistrato-robot: riconosce otto reati >>>

Tre Boeing per salvare il Giappone dalla crisi delle patatine >>>

Giappone: mancano patatine fritte, McDonald's riduce le porzioni >>>

Scoperto un embrione di dinosauro perfettamente conservato nell'uovo >>>

Il Papa tra i rifugiati di Lesbo. “Vi prego, fermiamo questo naufragio di civiltà!” >>>

Il Pentagono toglie alla Marina le indagini sugli Ufo >>>

"Problemi alla schiena". La Regina rinvia ancora il suo ritorno in pubblico >>>

Nasa, slitta al 2025 il ritorno dell’uomo sulla Luna >>>

Il presidente Abu Mazen da domani a Roma in visita ufficiale >>>

Svolta in Usa, emesso il primo passaporto con la “X” per il genere non binario >>>