Notizie Locali Attualità

Nuova vita per la ex stazione di Anghiari: sarà un ciclo-ostello con tanto di officina

Ieri mattina il taglio del nastro. La Valtiberina punta sempre più sul turismo lento

Print Friendly and PDF

Il turismo lento in Valtiberina parte da Anghiari. Inaugurati ieri mattina i locali della vecchia stazione ferroviaria che verranno trasformati in un ciclo-ostello ed in una ciclo-officina. “Tutto questo grazie all’accordo pubblico-privato – commenta il sindaco Alessandro Polcri – e nel mese di ottobre sarà fatto il bando per individuare il gestore. È un passo in avanti importante, soprattutto in chiave turistica perché Anghiari punta molto sul turismo lento legato sia ai Cammini di Francesco che alla Ciclovia che collegherà Sansepolcro a Monterchi nel segno di Piero della Francesco, toccando anche il nostro territorio. Questo è un luogo della memoria, ma al tempo stesso un luogo anche vincolato dalla Soprintendenza: per decenni è stato un rimessaggio del Comune essendo di nostra proprietà, ma oggi per la ex stazione di Anghiari è arrivata una nuova vita”. Un progetto di riqualificazione importante, investimento di circa 200mila euro frutto anche della rigenerazione urbana e che ha potuto godere di un contributo della Regione Toscana pari a 150mila euro ai quali si aggiunge un ulteriore finanziamento di circa 25mila euro per la partecipazione al bando "spazi attivi" della Fondazione Cassa Risparmio Firenze e altri 50 mila euro di contributi comunali. “Una ciclovia che è stata finanziata quando io ero assessore regionale – aggiunge Vincenzo Ceccarelli, oggi consigliere e capogruppo del Pd in Regione – e mi fa piacere che gli uffici stanno già progettando il secondo lotto che collegherà Monterchi con Arezzo; sarà davvero la ciclovia dei Due Mari. La Toscana sta puntando molto sul turismo lento, l’esempio è in questo tratto nella Terra di Piero”. Insieme a Ceccarelli, erano presenti anche i consiglieri regionali di opposizione Marco Casucci della Lega e Gabriele Veneri di Fratelli d’Italia. Taglio del nastro accompagnato dalle note della Banda. “Lo stabile, che da anni versava in condizioni di abbandono – conclude il sindaco di Anghiari, Alessandro Polcri - è oggi riqualificato e contribuirà a dare un valore aggiunto all’offerta turistica, mettendo a disposizione tutta una serie di servizi e assistenza ai visitatori che avranno inoltre la possibilità di fermarsi nell’ostello realizzato al primo piano”. Bella di giorno, suggestiva di notte poiché è stata dotata di un particolare impianto d’illuminazione. La riqualificazione di questo immobile ha permesso di migliorare le condizioni dell’intera area della ‘stazione’: mancano ancora dei dettagli, soprattutto nella parte esterna. Un luogo di riposo, ma anche ricco di storia: i lavori hanno conservato la scritta originale della fermata di Anghiari, oltre al chilometraggio progressivo e le vecchie porte. Un passo in avanti assolutamente importante: la riqualificazione della vecchia stazione fu disposta dall’amministrazione comunale nel 2019. Il prossimo passaggio è quello d’individuare il gestore di questa struttura con un bando che sarà aperto entro fine estate.

Redazione
© Riproduzione riservata
25/07/2021 12:07:27


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Pensione per l’arcivescovo di Arezzo-Cortona-Sansepolcro Riccardo Fontana? >>>

Calcit Valdarno La Pandemia non ha fermato la solidarietà >>>

Arrivano le nuove barriere brevettate da Anas per uno spostamento ridotto in caso di urto >>>

Cambiano i Comandanti nelle Compagnie carabinieri di Arezzo, Cortona e Sansepolcro >>>

Sansepolcro, due nuovi agenti assegnati al locale commissariato di polizia >>>

Consegnati i diplomi agli studenti che hanno seguito i corsi Its-Eat nel biennio 2017-2019 >>>

Umbria tra le regioni d'Europa più motorizzate >>>

Un ricordo di Alvaro Lucernesi scritto da Giovanna Foa, figlia di Nidia Varadi >>>

A Santa Fiora di Sansepolcro viene attivata la Casina dell’Acqua >>>

Città “cardioprotetta”: Farmacie Tifernati hanno consegnato defibrillatore alla Pro- loco di Lerchi >>>