Sport Locale Automobilismo (Locale)

Lungo drive test e lunga trasferta per Guerrini e Olivoni

L'equipaggio di Team Autotest Motorsport al via dell'Eco Rally del Portogallo

Print Friendly and PDF

Tutti i migliori equipaggi della parte alta della classifica mondiale FIA saranno alla partenza della terza prova del campionato mondiale energie alternative in programma il prossimo fine settimana nella città di Oeiras, sulle rive dell'Atlantico nei pressi di Lisbona. Oltre a Guido Guerrini e Francesca Olivoni, terzi in classifica a 1,5 punti dalla testa del mondiale, unici italiani presenti grazie al sostegno di Team Autotest Motorsport, saranno pronti al via le due coppie leader della classifica, gli spagnoli Conde-Serrano e i cechi Žďárský-Nábělek. Torna in gara anche il campione del mondo in carica Artur Prusak, che farà da copilota al francese Alexandre Stricher, che due anni fa vinse la graduatoria iridata dei consumi. Attenzione anche ai baschi Foronda-Rodas, vecchie volpi del mondo delle energie alternative e al momento quarti alle spalle dei due italiani, e dal non sottovalutare i forti equipaggi lusitani che hanno sempre ben figurato in quella che è la gara più importante del campionato portoghese. Una gara che è stata spesso avara di soddisfazioni per gli equipaggi italiani, andati a podio solo nel 2019 con la coppia Fuzzy Kofler-Franco Gaioni, sempre per il Team Autotest Motorsport.

Il lungo drive test

Nei giorni che hanno preceduto il quarto Oeiras Ecorally del Portogallo, Team Autotest Motorsport ha utilizzato parte della lunga trasferta per effettuare un drive test finalizzato ad ottimizzare i consumi della Volkswagen Id.4 messa a disposizione da Auto Brenner. I risultati si sono rivelati interessanti, in particolar modo quello relativo alle reali percorrenze possibili con gli 82 kWh di batteria, dei quali 77 realmente utilizzabili. I rilevamenti sui consumi negli scorsi giorni hanno ulteriormente migliorato quelli raccolti nelle fredde giornate che hanno accompagnato la gara di Český Krumlov. Il dato sorprendente è che con un'andatura prduente la soglia dei 500 km con una ricarica viene spesso superata, mentre ad andatura veloce si va ben oltre i 400 chilometri, e ci si attesta a circa 300-350 schiacciando al massimo consentito l'acceleratore. L'obiettivo iniziale era riuscire a percorre l'intera distanza di 2.500 chilometri da Bolzano all'oceano Atlantico. In realtà l'equipaggio ha dovuto rinunciare al prestigioso traguardo per difficoltà incorse nell'attivazione di alcuni dei sistemi di ricarica, episodio che ha consigliato per prudenza di interrompere il viaggio a circa metà percorso. Quello che è successo è un classico imprevisto della mobilità elettrica che, ancora, nelle lunghissime percorrenze può evidenziare problemi se non si ha l'attenzione di effettuare tutte le dovute attivazioni. A contribuire alle difficoltà incontrate anche una giornata no per la funzionalità di alcune colonnine fast che hanno rallentato ulteriormente il percorso. Da evidenziare come le concessionarie Volkswagen abbiano sempre puntualmente sopperito al problema con professionalità, permettendo ogni volta alla Id.4 di ripartire carica e con soste di circa un'ora.

Guerrini mai a punti in Portogallo

Il mancato arrivo della Id.4 ad Oeiras va ad aggiungersi ad una serie di sfortunate partecipazioni del pilota vicecampione del mondo. Nel 2018 era navigatore di Artur Prusak quando un guasto agli strumenti di gara fece passare la coppia polacco-italiana dal terzo al nono posto (all'epoca andavano a punti i primi otto piazzati). L'anno successivo Guerrini guidava affiancato da Calchetti. Fino a metà gara guidavano la classifica quando un errore di start del cronometro lì fece scivolare all'undicesimo posto. Ancora più sfortunata la mancata presenza alla gara 2020 a causa della positività al Covid dello stesso Guerrini. "Ho un conto aperto con questa bellissima gara e intendo fare il possibile per invertire la tradizione negativa che ha caratterizzato le precedenti partecipazioni. L'inizio non è stato dei migliori ma resto ottimista nel provare per la prima volta a prendere punti nella gara portoghese", racconta Guerrini appena giunto a Lisbona interrompendo per alcuni giorni il raid automobilistico Milano-Cortina-Tokyo a cui stava partecipando. "Sarà ancora una volta un'occasione di visibilità per i territori e gli sponsor che rappresentiamo lungo le tappe del nostro campionato", dice la campionessa italiana energie alternative 2020 Francesca Olivoni. "Anche se orfani della nostra Volkswagen Id.4 ringraziamo gli organizzatori della gara per averci fatto trovare un veicolo sostitutivo

Redazione
© Riproduzione riservata
18/06/2021 06:29:32


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Automobilismo (Locale)

La pioggia non frena lo spettacolo all'autodromo di Magione >>>

Gare di auto e un evento speciale all'autodromo di Magione >>>

Un altro biturgense vincitore di classe allo Spino: è Francesco Ricciarelli >>>

Camilla Bisceglia terza nella classe 1400 della Racing Start allo Spino >>>

"Lo Spino": Mauro Polcri, sesto assoluto, esalta la Melisciano Corse >>>

Luciano Acquisti ha vinto la classe 1400 della Produzione di Serie allo Spino >>>

"Lo Spino": prima volta di Stefano Di Fulvio, terzo il pievano Michele Gregori >>>

Allo Spino, Lorenzo Mercati ancora primo in gruppo N e 10° assoluto >>>

In Slovenia punti preziosi per Guerrini e Olivoni >>>

Prove ufficiali "Lo Spino": Stefano Di Fulvio "prenota" l'assoluto con l'Osella Pa 30 >>>