Notizie Locali Comunicati

Insieme Possiamo: “Acqua, dieci anni dal referendum e a livello nazionale nulla si è mosso”

“Passi avanti solo grazie ad alcuni amministratori locali"

Print Friendly and PDF

Sono passati dieci anni dal referendum sulla ripubblicizzazione dell'acqua e a livello nazionale in questo lungo lasso di tempo nulla si è mosso. Neppure la vittoria delle elezioni del Movimento 5 Stelle è riuscita ad imprimere una svolta e ad oggi questo tema continua a non comparire tra le priorità dell'ennesimo "nuovo" governo.


Dieci anni di omertoso lassismo che dimostrano quanto nel Paese gli interessi di pochi continuino a prevaricare una precisa e inequivocabile volontà popolare. E questo purtroppo non può che mortificare la democrazia, acuendo quel distacco che già si avverte tra i cittadini e le istituzioni che dovrebbero rappresentarli.


Il fatto è che se ce ne fosse stata la volontà, tutte le forze politiche nazionali avrebbero potuto attuare l'esito referendario di dieci anni fa. Tutte tranne, ovviamente, quelle che da tempo sono state disinnescate dalle soglie di sbarramento. Meno male che qualcuno che in questi anni ha saputo sollevare una voce critica su questo tema c'è stato: partiti più piccoli immuni ai giochi di potere, comitati, associazioni di categoria, movimenti di cittadini.


Scendendo al livello regionale, in Toscana rimangono grosse criticità legate alle Legge Regionale 69 del 2011, ma al di là di ciò qualche passo in avanti è stato compiuto, soprattutto grazie ad alcuni amministratori locali che si sono sempre distinti con prese di posizione nette e coerenti. Tra queste non possiamo non ricordare quelle più volte espresse dal nostro Comune per voce dell'assessore Marconcini.


Del resto sul fronte dei beni comuni nei territori qualcosa in questi anni è cambiato veramente. Una riprova di ciò sì è avuta di recente anche nell'ambito dei rifiuti: durante l'ultima assemblea dell'ATO i voti contrari di molti amministratori hanno impedito di approvare il PEF da cui si costruisce la TARI. Pur di dare questo segnale forte e sottrarsi a logiche di bieco accentramento, i rappresentanti dei comuni hanno accettato di andare incontro a conseguenze piuttosto imprevedibili. Soltanto questa azione ha dunque richiesto una dose di coraggio che in dieci anni a Roma nessuno ha dimostrato di avere.

Redazione
© Riproduzione riservata
12/06/2021 18:12:45


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

Da Coingas 1,3 milioni ai Comuni per fronteggiare la crisi economica generata dal Covid >>>

Il Maresciallo Biagio Della Bella nuovo comandante dei carabinieri di Chiusi della Verna >>>

La Cisl, quale futuro per la sanità Aretina? >>>

“Ferrovia Arezzo–Sansepolcro: ok la Provincia sul Piano, male Ghinelli sul Piano strutturale” >>>

Arezzo ammessa al cofinanziamento previsto dal bando “Sport nei parchi” >>>

Valentino Shoes Lab, le sigle sindacali: "Insoddisfatti ma un passo in avanti" >>>

Anghiari, taglio del nastro per il nuovo Centro Diurno >>>

Forza Italia: sulla riforma della sanità saremo in battaglia al fianco di Ghinelli >>>

Campagna elettorale offensiva a Montevarchi nei confronti del candidato sindaco Chiassai >>>

"Un caos inaccettabile in E45, l’esodo verso il mare è diventato un percorso ad ostacoli" >>>