Notizie Nazionali Cronaca

Due indagati per la morte di Luana: aperta l'inchiesta dalla Procura di Prato

La mamma: “Lavorava in fabbrica per costruirsi un futuro e sognava il cinema”.

Print Friendly and PDF

La procura di Prato ha aperto un'inchiesta sulla morte di Luana D'Orazio ed ha iscritto due persone nel registro degli indagati. Lo apprende l'ANSA da fonti inquirenti. Le iscrizioni sarebbero legate agli accertamenti tecnici che si stanno concentrando sulla valutazione del funzionamento dei dispositivi di sicurezza del macchinario tessile, un orditoio, in cui è rimasta incastrata la giovane operaia di 22 anni, madre di un bambino di 5, in una ditta di Montemurlo il 3 maggio scorso. Grande l'emozione suscitata da questo fatto nel distretto tessile. Incomparabile il dolore della famiglia. «Luana era bella, buona e umile. Era contenta del lavoro che svolgeva anche se poi tutti i lavori possono pesare, anche i più leggeri, ma le piaceva lavorare. Era bella, solare, amava la vita, non litigava. Era solare, si vede dalle foto, anche su Facebook. Aveva tanta voglia di lavorare per costruirsi un futuro perché era fidanzata da due anni». Così, parlando coi cronisti davanti all’abitazione, Emma Marrazzo ha ricordato la figlia Luana D'Orazio, l’operaia 22enne morta in un incidente sul lavoro in una ditta tessile. «Luana aveva studiato all'Einaudi», istituto professionale di Pistoia, «poi al terzo anno ha interrotto, è nato il bimbo. Luana era ragazza madre». Parole anche da nonna: «Ora il nostro primo pensiero è il bambino, al quale non faremo mancare nulla, anche se gli mancherà l'essenziale, l'amore della sua sua mamma. È un bambino di 5 anni e mezzo - prosegue la donna - ma è molto intelligente. Non mi ha chiesto niente, ma qualcosa ha capito. Ha visto purtroppo solo quei poverini che hanno avuto il brutto obbligo di venirmi a dire cos'era successo, i carabinieri di Pistoia. Non sapevano neppure loro come fare a dirmelo, ma gli è toccato farlo». La donna racconta che «era contentissima di aver fatto la comparsa in un film di Pieraccioni, era stata contattata tramite una nostra amica, aveva fatto il casting ed era stata presa». Aveva partecipato come comparsa al film Se son rose, del 2018, diretto e interpretato da Leonardo Pieraccioni. «Credo che le sarebbe piaciuto lavorare in quell'ambiente e, magari diventare famosa. Ma non così».Lo stesso regista la ricordata sui social con un messaggio: «L'ho avuta come comparsa nella scena di una festa. Il ricordo di quella scena, una festa spensierata di ventenni, aggiunge ancora più dolore. Perché la vita a vent'anni dovrebbe essere e continuare così, come una festa. È una notizia terribile, vista la sua età e la modalità dell'incidente. Lascia un bambino di cinque anni, non ci sono parole. Per quanto possa servire, mando un abbraccio fortissimo alla sua famiglia». «Mia figlia non ha detto nulla, i colleghi hanno solo detto che non l'hanno vista più alla macchina» tessile dove lavorava, «la tragedia è grande non solo per me ma anche per i datori di lavoro». La signora Marrazzo ha parole di vicinanza anche per la datrice di lavoro di Luana: «La titolare della ditta mi ha chiamato, poverina, è distrutta. La ditta si chiama come mia figlia e la proprietaria si chiama come mia figlia. È tanto dispiaciuta, ha detto che non sa come ha fatto, com’è successo».

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
05/05/2021 05:48:16


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Covid, focolaio in una palestra Virgin a Milano, 10 casi accertati >>>

Caso Moro, nuova inchiesta a Roma: perquisito l’ex brigatista Persichetti >>>

Brusaferro: “Italia tutta in zona bianca a fine giugno” >>>

Saman, il cugino interrogato: “Nulla da dichiarare ma spiegherò i miei movimenti” >>>

Morta Camilla, la 18enne ligure vaccinata il 25 maggio >>>

Covid, il bollettino delle ultime 24 ore: 2079 nuovi contagi e 88 morti >>>

“Stuprata dal branco”: tre arresti a Siena, tra loro anche un giovane calciatore >>>

Omicidio di Willy, la Corte d’Assise rigetta la richiesta del rito abbreviato per gli imputati >>>

Saman Abbas, l’ultimo messaggio audio al fidanzato >>>

Covid, in terapia intensiva a Genova una donna di 34 anni dopo il vaccino AstraZeneca >>>