Notizie Locali Economia

Preoccupazione per il futuro delle discoteche in Umbria

Il grido di allarme di Enzo Muscinelli in qualità di presidente Silb Confcommercio Umbria

Print Friendly and PDF

Sale la preoccupazione per il futuro di discoteche e locali da ballo in Umbria, ormai chiusi da un anno. Sulla problematica interviene Enzo Muscinelli, presidente Silb Confcommercio Umbria: “Una situazione pesante che rischia di far morire le aziende meno strutturate se non arriveranno ristori congrui e immediati.  Se da qui alla prossima estate non si potrà riaprire per molte aziende sarà la fine. Abbiamo un paio di associati, più fragili perché avevano aperto da un paio di anni indebitandosi per poter ristrutturare il locale, che sono sull’orlo della disperazione. Ma anche per tutti gli altri la situazione è difficilissima e delicatissima. Per questo chiediamo interventi immediati”. In questo settore, in Umbria, lavorano più o meno cinquecento persone tra baristi, buttafuori, Pr e altre figure. Gente che in questo momento è completamente ferma.

Redazione
© Riproduzione riservata
24/02/2021 20:33:38


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Solidarietà, Coldiretti: prosegue l’iniziativa a sostegno di chi ha più bisogno >>>

La provincia di Arezzo ai vertici delle classifiche nazionali per le attività economiche-culturali >>>

Il gruppo Prada perde fatturato ma é fiducioso per il futuro >>>

Fabrizio Bernini designato presidente di Confindustria Toscana Sud >>>

Una targa ricordo per i 60 anni di attività a Graziella Nocentini >>>

Raccolti distrutti dal gelo, la Regione Toscana dichiari stato calamità >>>

E' arrivato il momento della fusione di UBI in Intesa Sanpaolo >>>

Giorgianni: “NO alle nuove regole bancarie europee, che penalizzano i cittadini e le imprese" >>>

Toscana: 644 aziende agricolo in ginocchio, sostegni in ritardo da mesi >>>

A Pasqua niente viaggi all'estero per gli umbri >>>