Notizie dal Mondo Cronaca

Morto Johnny Pacheco, il padre della salsa

A 85 anni, era stato ricoverato per una polmonite nel New Jersey

Print Friendly and PDF

Johnny Pacheco, il musicista di origine dominicana considerato uno dei padri della salsa, è morto all'età di 85 anni nel New Jersey. Lo ha fatto sapere la sua famiglia. Musicista, compositore e produttore, Pacheco ha fondato l'etichetta Fania Records e la storica band Fania All Stars, di cui hanno fatto parte icone della salsa come Celia Cruz, Hector Lavoe e Willie Colon. Nato Juan Azarias Pacheco a Santiago de los Caballeros, nel nord della Repubblica Dominicana, il 25 marzo 1935, emigrò a New York da bambino con la sua famiglia. Ha studiato alla Juilliard Arts School e ha iniziato la sua carriera musicale negli anni '50. È diventato famoso con la sua band Pacheco y Su Charanga. Ha fondato Fania Records nel 1964 con l'avvocato Gerald Masucci. Ha registrato o composto più di 100 canzoni durante la sua carriera, tra cui "El Faisan" e "Quitate tu". 

Redazione
© Riproduzione riservata
16/02/2021 05:06:28


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Vaccini: studio Israele, Pfizer efficace al 94% >>>

Armenia, il premier: "Ho licenziato il capo dello Stato Maggiore" >>>

Congo, l’autopsia: Attanasio e Iacovacci morti in una sparatoria >>>

Il Venezuela espelle l'ambasciatrice Ue >>>

Francia: “Ci sono 6,7 milioni vittime di incesto” >>>

Incidente stradale per Tiger Woods, trasportato in ospedale: “Ha ferite multiple alle gambe” >>>

Gerard Depardieu, sotto inchiesta per stupro e violenze sessuali >>>

Arrestata a Washington la moglie di El Chapo >>>

India: resta in carcere Disha, la Greta indiana pro contadini >>>

Attaccato un convoglio Onu in Congo, uccisi l’ambasciatore italiano e un carabiniere >>>