Sport Locale Altri Sport (Locale)

Mario Scarzella è pronto a riconfermarsi Presidente

Le votazioni della Federazione italiana Tiro con l’arco

Print Friendly and PDF

Dopo il rinvio della sessione di novembre, è deciso: l’Assemblea elettiva da cui uscirà  il Presidente della Fitarco, Federazione itraliana Tiro con l’arco, per rivestire la carica nel prossimo mandato è convocata per domenica 24 gennaio presso il capiente scenario del Palabocce in zona Eur-Torrino a Roma.

La pandemia continua a galoppare, il suo incedere è sempre, purtroppo, spedito ma il mondo dello sport non può fermarsi e non può più aspettare specie quando si tratta di prendere importanti decisioni, a maggior ragione, poi,  nell’anno olimpico.

Due i candidati: Scarzella, l’attuale Presidente, e Poddighe.

Mario Scarzella è il tiro con l’arco, quello che ha fatto in questi 20 anni al timone di questo sport ha superato tutte le  più rosee previsioni. Da quando c’è lui i nostri arcieri sono arrivati ad assumere stabilmente un ruolo di assoluta preminenza mondiale e sono fioccate a tutti i livelli medaglie prestigiose. Lui stesso, Scarzella, ha grande considerazione nel panorama del Pianeta se è vero, come leggerete nella scheda, che riveste anche i ruoli di Presidente europeo e vice Presidente mondiale; considerazione che naturalmente, e come già scritto, si ripercuote pure sul movimento agonistico dei Robin Hood nostrani. Anche al settore giovanile il dirigente piemontese ha rivolto sempre un grande interesse e ha dato massima importanza. Due gli effetti: gli allori conquistati dai nostri virgulti in giro per il mondo ed il grande ricambio garantito.  Risultano moltissimi i giovani che lo considerano un secondo padre e lui non fa mai mancare la sua presenza alle gare, dai più piccoli fino a quelli che si presentano sulla linea di tiro in rappresentanza della  nazionale maggiore italiana.

Mostrando eccelsa capacità manageriale di recente ha fatto introitare, tramite i maggiori organismi sportivi, alla Federazione una importante         quantità di denaro, utile, sì, per il lavoro di preparazione all’appuntamento nipponico ma buona parte distribuita alle società arcieristiche sul territorio nazionale. E in questo periodo assolutamente difficile non è poca cosa e tutti hanno apprezzato.

Ecco perché, pur tenendo presenti le qualità del suo “avversario” elettorale, riteniamo Mario Scarzella nettamente favorito per la riconferma del ruolo, se si vorranno continuare a ottenere grandi risultati e se si vorrà mantenere alta considerazione ed importanza a livello planetario.

Ad maiora, Presidente.

 

BREVE SCHEDA DI QUESTO GRANDE PERSONAGGIO

Dopo una onorevole pratica sportiva come atleta in altre discipline agonistiche, alla fine degli anni ‘80 ha cominciato ad occuparsi di Tiro con l’arco, ricoprendo varie cariche.
Nel 2001 è stato eletto Presidente della FITARCO e riconfermato nell’incarico all’unanimita’ per i quadrienni 2005-2008, 2009-2012, 2013-2016 e, nell’Assemblea Elettiva svoltasi il 6 novembre 2016, rieletto con l’88,93% dei voti per il quadriennio 2017-2020.
E’ membro del Consiglio Nazionale del CONI dal 2001 e del Consiglio Nazionale del Comitato Italiano Paralimpico (CIP) dal 2009.
 Dal 2010 e’ membro della Giunta CIP.
Dal 2006 e’ Presidente dell’EMAU che, nel 2012, ha cambiato denominazione in World Archery Europe. E’ stato rieletto Presidente dell’organismo europeo nei quadriennio 2010-2014, 2015-2018 e, nel Congresso di Legnica (Pol) del 26 agosto 2018, e’ stato confermato alla presidenza per il quarto quadriennio consecutivo con 41 voti su 42.
Nel 2011 e’ stato eletto Vicepresidente Vicario della Federazione Internazionale che ha cambiato la sua denominazione da FITA in World Archery.
Nel corso del suo mandato l’Italia ha acquisito un ruolo di prestigio nel panorama mondiale dell’arcieria, vincendo per la prima volta una medaglia d’oro individuale alle Olimpiadi (Marco Galiazzo ad Atene 2004). Spiccano l’argento a squadre (Di Buo’, Nespoli, Galiazzo) ai Giochi Olimpici di Pechino 2008, la medaglia d’oro di Gloria Filippi alla prima edizione dei Giochi Olimpici Giovanili di Singapore nel 2010 e la medaglia d’oro conquistata a Londra 2012 dal trio azzurro maschile (Nespoli, Galiazzo, Frangilli), cui si aggiungono l’oro e l’argento di Oscar De Pellegrin ed Elisabetta Mijno alle Paralimpiadi in Gran Bretagna. E tantissimi altri trionfi. In più grandi manifestazioni (mondiali ed europei) organizzate in Italia.
Nel 2001 ha ricevuto dal CONI la Stella d’Oro al Merito Sportivo e nel 2004 e’ stato insignito del titolo di Commendatore per meriti sportivi dal Presidente della Repubblica.

Ugo Russo

Redazione
© Riproduzione riservata
18/01/2021 15:34:57


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Altri Sport (Locale)

Luna Rossa vince la Prada Cup e conquista l'accesso alla finale della Coppa America >>>

Cortona beffata in casa dalla Gialletti all’esordio >>>

Luna Rossa continua a volare sulle acque di Auckland >>>

Un bronzo tricolore nel lancio del peso per Chiara Salvagnoni >>>

Negata la possibilità di competere nei rispettivi ambiti territoriali >>>

Equitazione, in Umbria il ‘franco quondam’ diventa evento internazionale >>>

“Uniti per un altro quadriennio di grandi soddisfazioni” >>>

Tre ori e due argenti per i Master della Chimera Nuoto >>>

Mario Scarzella è pronto a riconfermarsi Presidente >>>

Il Meeting Nazionale di Ancona apre il 2021 dell’Alga Atletica Arezzo >>>