Rubrica Lettere alla Redazione

Perché trattare così male le tabacchine?

Un sito assolutamente inadatto per onorare la memoria delle gloriose lavoratrici del tabacco

Print Friendly and PDF

Nell’ormai lontano 1998 inoltrai, in qualità di segretario del partito di cui allora facevo parte, la richiesta d’intitolazione di una via alle “Tabacchine”, le lavoratrici della Fattoria autonoma tabacchi (FAT), le quali hanno innegabilmente rappresentato un fenomeno sociale ed economico di notevoli proporzioni per il territorio alto tiberino: si dice che l’azienda avesse avuto alle sue dipendenze fino a un massimo (anni ’50) di circa millecinquecento operaie…

La Commissione Toponomastica, il sei dicembre 2000, approvò l’intitolazione proprio di “via delle Tabacchine da individuare all’interno dell’area ex FAT”, come, del resto, da me formalmente richiesto.

Dopo molti anni, non avendo l’Amministrazione comunale ancora provveduto alla concreta individuazione della via, la Commissione consiliare competente, in seguito alle sollecitazioni, è ritornata sull’argomento e, il trentuno ottobre 2018, ha stabilito di intitolare alle Tabacchine una piazza ‒ e non una via ‒ nell’area dove un tempo sorgevano la sede e i capannoni dell’opificio. Una via con rilevanza toponomastica è stata, invece, intitolata a Silvio Donadoni. Ho molto riflettuto, ma non sono in grado di comprendere le ragioni di questo “gioco di prestigio” della Commissione. Doveri di partito? Ma una via era stata approvata e una via sarebbe dovuta essere.

Intanto posso tranquillamente affermare che è un arido spiazzo, non una piazza; anzi, per la precisione, non è altro che la piattaforma (solaio) di copertura di un parcheggio interrato in cui, fin d’ora, sono riscontrabili brutti segni di degrado materiale e morale; inoltre, non ha nessuna rilevanza toponomastica poiché, tale area, non include civili abitazioni o negozi con i relativi numeri civici.

Tra l’altro, lo spiazzo è ormai chiamato comunemente dai cittadini “piazza dell’Archeologia” ed è una denominazione assai appropriata a motivo degli, invero modesti, reperti romani emersi qualche decennio fa dagli scavi. Un sito assolutamente inadatto, dunque, per onorare e perpetuare la memoria delle gloriose lavoratrici del tabacco, patrimonio inestimabile della città. Al contrario, e paradossalmente, servirà a sminuirne o dissolverne il romantico ricordo.

Ho scritto inutilmente ulteriori due lettere con l’intento di far modificare, in senso più ragionevole e amministrativamente corretto, la decisione della Commissione consiliare.

Niente. Hanno deciso di intitolare la descritta area alle “Tabacchine” ignorando anche la relazione, e le puntuali indicazioni in essa contenuti ‒ coincidenti peraltro con le mie osservazioni ‒ formulate dal Funzionario comunale responsabile della toponomastica. Debole, molto debole, dunque, è l’amore dei nostri politici per la città.

Il 18 dicembre scorso ho fatto appello in forma scritta, con dovizia di allegati, alla Prefettura di Perugia ‒ competente ai sensi dell’art. 1 della Legge 23 giugno 1927, n° 1188 ‒ per un severo controllo di legittimità e di merito. I cittadini tifernati certamente gradirebbero il meglio (una via significativa) per le loro “Tabacchine”. La soluzione adottata a me pare inappropriata, se non addirittura indecente.

Francesco Grilli

Redazione
© Riproduzione riservata
21/12/2020 20:02:22


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Lettere alla Redazione

Chiedo scusa ai vigili urbani di Sansepolcro >>>

Cornioli sei un sindaco o uno sceriffo? >>>

Politici impreparati: tanto fumo e niente arrosto >>>

Arezzo merita di più: dimostrateci che siete uomini >>>

L'avvocato Stefano Cirignoni scrive al dirigente scolastico di Sansepolcro >>>

Lettera aperta ai giocatori dell'Arezzo >>>

Nubi sul futuro dell'ex Cementir >>>

Lettera aperta al sindaco di Cortona >>>

Rosso, Arancione e Giallo: ma in che Paese viviamo? >>>

Perché trattare così male le tabacchine? >>>