Notizie dal Mondo Cronaca

Scoperti su Venere possibili segnali di vita

Le condizioni sulla superficie di Venere sono però ostili alla vita

Print Friendly and PDF

Un particolare gas, la fosfina, che sulla Terra è legato a forme di vita anaerobiche è stato rilevato sulle nubi che compongono l'atmosfera di Venere. Se confermato sarebbe la prima prova indiretta della vita su un altro pianeta. Per il momento non c'è la prova che anche su Venere questa molecola sia stata prodotta da fenomeni di origini microbica, ma i ricercatori dell'Università di Cardiff hanno condotto una serie di simulazioni per cercare di comprendere in che modo si fosse potuto spiegare la presenza del gas, sia dal punto di vista geologico che atmosferico, senza riuscire a trovare una ragionevole alternativa all'ipotesi dell'origine prova biologica. A darne annuncio in un articolo pubblicato su Nature Astronomy il gruppo di ricerca guidato da Jane Graves.

Questa scoperta suggerisce che Venere potrebbe ospitare processi fotochimici o geochimici sconosciuti se non addirittura la vita sotto forma di batteri che vivono in quota a circa 80 chilometri dalla superficie. Le condizioni sulla superficie di Venere sono ostili alla vita, ma l'ambiente dove è stata osservata è costituita dalla parte superiore delle nubi - circa 53-62 km sopra la superficie - dove le condizioni sarebbero più temperate. Tuttavia, la composizione delle nuvole è altamente acida e in tali condizioni la fosfina verrebbe distrutta molto rapidamente. «Jane Greaves e colleghi - si legge nella nosta stampa che accompagna la ricerca - hanno osservato Venere con il James Clerk Maxwell Telescope e l'Atacama Large Millimeter / submillimeter Array rispettivamente nel 2017 e nel 2019. Hanno rilevato una firma spettrale unica della fosfina e hanno stimato un'abbondanza di 20 parti per miliardo di fosfina nelle nuvole di Venere».

Gli autori hanno studiato diversi modi in cui la fosfina potrebbe essere stata prodotta, includendo anche eventuali fonti sulla superficie del pianeta, micrometeoriti, fulmini o processi chimici che avvengono all'interno delle nuvole. Alla fine, non sono stati in grado di determinare la fonte delle tracce di fosfina. Gli autori sostengono che il rilevamento della fosfina «non è una prova solida per la vita microbica e indica solo processi geologici o chimici potenzialmente sconosciuti che si verificano su Venere. Sono necessarie ulteriori osservazioni e modelli per esplorare l'origine della fosfina nell'atmosfera di Venere».

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
14/09/2020 19:58:24


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Boom di contagi: “Chiudete Madrid”. Il mondo rischia 2 milioni di morti >>>

Massima onorificenza britannica a Magawa >>>

Parigi, attacco vicino alla vecchia sede di Charlie Hebdo: quattro persone accoltellate >>>

Usa, muore per aver mangiato più di un sacchetto di liquirizia al giorno >>>

Helsinki, i cani annusano chi ha il coronavirus >>>

Coronavirus, Kyriakides: “Situazione peggiore di marzo in alcuni Stati dell’Ue” >>>

Navalny dimesso dall'ospedale. I medici: “Possibile un completo recupero” >>>

Francia, si è spenta a 93 anni la cantante Juliette Greco >>>

Coronavirus, incubo Spagna: 241 morti in un giorno. In Francia oltre diecimila positivi >>>

Coronavirus, la grande corsa in Svizzera per comprare l'idrossiclorochina >>>