Notizie dal Mondo Cronaca

Gravi i due vice sceriffi feriti a Los Angeles

Trump: “Animali, pena di morte se non si salvano”

Print Friendly and PDF

Sono ricoverati in gravi condizioni i due vice sceriffi della contea di Los Angeles, un uomo e una donna, feriti da numerosi colpi di arma da fuoco la notte scorsa mentre si trovavano nell'auto di servizio nella città di Compton in quella che le autorità hanno definito «un'imboscata». Si tratta di una donna 31enne, madre di un bambino di 6 anni, e di un 24enne. Entrambi avevano prestato giuramento solo 14 mesi fa. L'agguato è stato registrato da telecamere di sicurezza: il video, diffuso dal dipartimento di polizia, mostra un uomo che si avvicina all'auto di pattuglia parcheggiata, estrae una pistola e spara più volte verso i sedili anteriori dal lato del passeggero. L'aggressore è tuttora in fuga.  Il presidente Donald Trump ha rilanciato sul suo profilo Twitter il video postato dall'ufficio dello sceriffo commentando: «Animali che devono essere colpiti duramente». L'accaduto è destinato a infiammare ancora di più il clima elettorale, già incandescente, in Usa.

 Vittime di un’imboscata
«Due vice sono caduti in un'imboscata... Sono stati attaccati vigliaccamente», ha detto lo sceriffo della Contea di Los Angeles, Alex Villanueva, nel corso di una conferenza stampa trasmessa su Twitter. L'agguato, ha detto Villanueva, è avvenuto alle 19:00 circa ora locale di sabato (le 4:00 del mattino di oggi in Italia). Da parte sua, il responsabile delle indagini - il capitano Kent Wegener dello stesso Dipartimento - ha spiegato che a sparare è stato «un uomo dalla pelle scura», secondo una prima breve testimonianza di uno dei due feriti che appartengono al Transit Services Bureau (una sorta di polizia ferroviaria americana) e al momento dell'agguato erano in servizio davanti alla stazione di Compton della Blue Line, la linea metropolitana che collega Los Angeles a Long Beach. Entrambi sono ricoverati al Saint Francis Medical Center di Compton. Sono al lavoro sul caso, ha aggiunto Wegener, «14 detective della squadra omicidi, oltre ad analisti criminologi, esperti forensi e agenti della task force specializzata in tecnologia». 

Dimostranti fuori dall’ospedale: “Speriamo muoiano”
Il dipartimento dello sceriffo della contea di Los Angeles ha fatto sapere che dei dimostranti hanno tentato di bloccare gli accessi del pronto soccorso in cui sono stati ricoverati i due agenti feriti a colpi d'arma da fuoco in un presunto agguato. «Ai dimostranti che bloccano ingresso e uscita del pronto soccorso dell'ospedale urlando 'Speriamo muoiano'", si legge sul profilo ufficiale Twitter, "non bloccateli", "le vite delle persone sono a rischio se le ambulanze non possono passare». Immagini sui social media mostrano poche persone fuori dall'ospedale, tenute a distanza da agenti con le armi da fuoco spianate. 

Biden: “Violenza inaudita. Punirli”

«Questa sparatoria a sangue freddo è inconcepibile e l'autore deve essere assicurato alla giustizia. La violenza di qualsiasi tipo è sbagliata; coloro che lo commettono devono essere catturati e puniti»: anche il candidato dem alla presidenza Usa, Joe Biden, interviene sulla vicenda. Nel tweet, l'ex vicepresidente e sua moglie, Jill, augurano «una piena guarigione» ai due agenti. 

 

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
14/09/2020 05:44:42


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Boom di contagi: “Chiudete Madrid”. Il mondo rischia 2 milioni di morti >>>

Massima onorificenza britannica a Magawa >>>

Parigi, attacco vicino alla vecchia sede di Charlie Hebdo: quattro persone accoltellate >>>

Usa, muore per aver mangiato più di un sacchetto di liquirizia al giorno >>>

Helsinki, i cani annusano chi ha il coronavirus >>>

Coronavirus, Kyriakides: “Situazione peggiore di marzo in alcuni Stati dell’Ue” >>>

Navalny dimesso dall'ospedale. I medici: “Possibile un completo recupero” >>>

Francia, si è spenta a 93 anni la cantante Juliette Greco >>>

Coronavirus, incubo Spagna: 241 morti in un giorno. In Francia oltre diecimila positivi >>>

Coronavirus, la grande corsa in Svizzera per comprare l'idrossiclorochina >>>