Notizie dal Mondo Attualità

Settimana della Moda Londra: sostenibilità in passerella

Il mondo della moda si sposta oggi nel cuore della capitale britannica

Print Friendly and PDF

Spente le luci sulle passerelle di New York, si accendono quelle londinesi. Il mondo della moda si sposta nel cuore della capitale britannica fino a martedì 18 febbraio per la London Fashion Week, correndo tra le strade trafficate della città per seguire le 60 sfilate in programma che sveleranno le tendenze del prossimo inverno. E i temi chiave di quest’ultima edizione non potevano che essere sostenibilità ambientale e impegno sociale, in tempi così difficili. Li affronta anche la regina incontrastata della prima giornata , la dama del punk inglese Vivienne Westwood. Da 50 anni sulla scena, è ancora la paladina della trasgressione e dell’estremo. Da sempre in prima fila per i diritti umani e pronta a far battaglia a difesa della ambiente, i suoi show si trasformano spesso in proteste pacifiche capitanate da attivisti alla moda. Questa volta, dame Vivienne apre la Serpentine Gallery di Hyde Park con la presentazione/mostra “True punk”. I modelli e le modelle girano per le sale della galleria indossando completi in tweed, un classico del brand, ma abbinati a lunghi grembiuli dalle fantasie disegnate a mano e coperti di scritte in rosso e in nero. La designer inglese ha scelto di riutilizzare bottoni e pezzi di tessuto avanzato cercando di ridurre al minimo l’impatto ambientale della collezione. Sulle pareti compaiono disegni e annotazioni come “politicians are dickheads” scritte dalla Westwood stessa, presente in sala, tacco vertiginoso viola e spilla con la scritta “I love crap” inglese per “mi piace ciò che non è bello”. Ma iI grande, vero protagonista della mostra, ben al di là dei vestiti e delle tendenze, è però Julian Assange, il cui volto pallido scruta gli invitati da una gigantografia che incombe dall’alto sulle pareti e sulle maschere dei molti attivisti presenti. “Justice” è la parola chiave: per ricordare che Assange, grande amico della designer, è rinchiuso nella prigione di Belmarsh e rischia l’estradizione negli USA per aver diffuso informazioni riservate sui crimini di guerra americani. Usando la sua forza, la moda, Vivienne Westwood invita gli ospiti - compresi i super vip come Courtney Love - a unire le forze e far sentire la propria voce in supporto del giornalista australiano, da lei definito “freedom fighter”, combattente per la libertà. Questo è solo l’inizio, la designer invita i presenti a riunirsi davanti a Parliament Square sabato 22 febbraio per marciare in supporto di Assange: lei sarà in prima fila insieme a Roger Waters dei Pink Floyd. “Long live Dame Vivienne and Julian Assange”, mormorano in tanti, qui tra il pubblico e i vip.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
15/02/2020 15:01:47


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Olanda, autorità consigliano ai single di trovarsi un "compagno di letto" >>>

Europa, il continente è sempre più caldo >>>

Disneyland Shanghai riapre dopo l’epidemia Covid >>>

Greta Thunberg dona 100 mila dollari all’Unicef per proteggere i bimbi dal Covid >>>

Primo lancio della Dragon di Elon Musk con astronauti >>>

L’idea olandese: da Amsterdam a Parigi in 90 minuti con il treno-aereo superveloce >>>

Ursula von der Leyen: “Italia scusa per i ritardi, ma ora l’Europa c’è” >>>

La primatologa Jane Goodall: “La mancanza di rispetto per gli animali ha causato la pandemia” >>>

Coronavirus, Trump: “Subito in aiuto dell’Italia ma senza dimenticare il popolo americano” >>>

La Commissione Ue sospende Iva e dazi su mascherine >>>