Rubrica Lettere alla Redazione

Nulla di fatto a Porta del Ponte, ribattezzata porta della confusione

Al Borgo é tutto permesso...

Print Friendly and PDF

Giochi rotti, lampioni spenti (non tutti per la verità) cestini rotti bestemmie tutte le sere, urla, urina da tutte le parti e chi più ne ha più ne metta. Vigilanza zero, prese di posizione zero, prevenzione zero, igiene zero, educazione zero, che vuoi di più? Basterebbe che ogni sera per un po’ qualcuno a piedi (in divisa o in borghese) guardasse e vedesse cosa fanno i nostri giovani che hanno i loro cari genitori a casa o per il corso a passeggio mentre i loro figlioli distruggono, rompono, urlano bestemmiano alla faccia di chi in quel giardino potrebbe godere di un po’ di fresco. Senza parlare del giovedì sera di ritorno da un locale non molto distante, allora si che ci sarebbe da divertirsi perché oltre al chiasso ci sono anche i minorenni alterati e non solo. E senza parlare di vespe, motorini e ciclomotori che viaggiano con motori camuffati e rumorosi tutte le sere in gruppi di 10 e anche più e non solo a Porta del Ponte. Ma il problema non esiste per nessuno. Tutto è ammesso anche calpestare la libertà di vivere in pace degli altri. E non gli dire qualcosa rischi anche qualche cazzotto.

Il solito Bruno Tredici

 

Redazione
© Riproduzione riservata
11/07/2019 19:26:21


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Lettere alla Redazione

Roberto Neri: "Assurdo lo slittamento temporale di 3 giorni da parte del governatore Rossi" >>>

I sussidi rivestono un ruolo vitale, ma non devono essere considerati sostitutivi del lavoro >>>

Non ci lasciate soli >>>

Non parlate del Covid-19 ma pubblicate solo notizie positive >>>

Lettera aperta al sindaco di Città di Castello >>>

"Dobbiamo riaprire il prima possibile: non lavoriamo a stretto contatto con il cliente" >>>

Lettera aperta al Sindaco Ghinelli e al suo (prossimo) avversario Ralli >>>

Il dopo Coronavirus rischia di essere devastante per l'Italia >>>

Sarà tutto come prima ma ci vorrà del tempo, secondo me molto tempo ma sarà come prima >>>

Imprenditore umbro scrive al premier Conte: "Ora basta sbagliare" >>>