Opinionisti Francesco Del Teglia

Fiere dell'Agricoltura a Sansepolcro: mai viste cosi brutte

Pochi espositori, pochi animali, insomma un vero flop

Print Friendly and PDF

Non so se l’edizione 2019 da poco conclusa delle Fiere di Mezzaquaresima passerà alla storia. La rassegna ha più o meno ricalcato quelle delle stagioni scorse, anche se vedere diversi vuoti – soprattutto in via XX Settembre – un po’ di tristezza la metteva. Di certo passerà alla storia questa edizione delle Fiere dell’Agricoltura. In negativo però. Mai vista in tanti anni una rassegna tanto miserella e snobbata. “Le Fiere dell’Agricoltura sono la meritata vetrina per i tanti allevatori del nostro territorio, un evento di richiamo per l’intera Valtiberina”. Questo lo slogan che da decenni accompagna la manifestazione, pronunciato dagli amministratori della cosa pubblica – nello specifico Unione dei Comuni, un tempo Comunità Montana – che fungeva da richiamo alla kermesse. Niente di tutto questo quest’anno. Per la prima volta è saltato completamente l’appuntamento conclusivo con la Rassegna Equestre, quella canonica del sabato. Che era anche la più varia e spettacolare, amata soprattutto dai più piccoli. “Problemi organizzativi” hanno liquidato in conferenza stampa – dove per la cronaca non c’era neanche l’attuale presidente dell’Unione – a chi chiedeva lumi sulla vistosa mancanza. Un anno di tempo c’è a disposizione per mettere mano alla cosa e organizzare una giornata che è sempre stata fiore all’occhiello delle Fiere, strano e paradossale che nessuno ci abbia pensato in 365 giorni. Il primo giorno era in programma, come sempre, la Fiera del Bestiame. Questa si è svolta, ma con esiti mortificanti. “Se andiamo avanti così rischia di sparire”, ha commentato a caldo un noto allevatore della zona. Box vuoti, numero ristretto di esemplari in mostra al Foro Boario, neanche tutte le aziende annunciate si sono presentate, calma piatta e umore abbastanza grigio degli operatori. “La Fiera di Sansepolcro è il momento più significativo per farci conoscere al di fuori dei nostri confini, ma ci pare che questa manifestazione sia priva di idee e di contenuti. Non ci si può pensare solo 15 giorni prima”. Parole amare degli allevatori nella terra della Chianina. Organizzazione, promozione, idee innovative, tutte parole – e fatti - assenti in questa triste Fiera dell’Agricoltura 2019. Sarà bene che chi di dovere ci pensi e si dia una mossa per il 2020, giustificando anche la sua esistenza di ente pubblico che altrimenti non si comprende bene a che cosa serva nel concreto se non riesce nemmeno a mettere in piedi in maniera dignitosa una delle pochissime iniziative che si sono sul territorio.

Francesco Del Teglia
© Riproduzione riservata
16/04/2019 17:00:32

Francesco Del Teglia

Giornalista pubblicista di lungo corso, è inviato fisso per Sansepolcro e la Valtiberina Toscana del quotidiano Corriere di Arezzo fin dalla sua nascita, nel 1985, ma vanta esperienze anche a livello televisivo e collaborazioni con periodici vari. Politica e sport i campi di particolare competenza professionale. È stato anche addetto stampa di vari enti.


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Francesco Del Teglia

Emozioni in bianco e nero >>>

Se lo chiedeva pure Montanelli >>>

Troppo caldo, solo calcio >>>

Così la vedono i più piccoli >>>

Un voto fra novità e tradizione in Valtiberina >>>

Elezioni in tono minore >>>

Fiere dell'Agricoltura a Sansepolcro: mai viste cosi brutte >>>

L'amore per l'Inghilterra >>>

L'eterno inganno alle donne >>>

A proposito di Sanremo >>>