Notizie dal Mondo Spettacolo

Oscar, vittoria di "Green Book" per il miglior film

“Roma” miglior film straniero, regia e fotografia. Malek miglior attore

Print Friendly and PDF

Una commedia di amore e amicizia, Green Book ha vinto l’Oscar per il miglior film alla 91esima edizione degli Academy Awards. Non era fra i favoriti ma era in qualche modo in perfetta linea con una serata i cui temi d’inclusione e d’integrazione hanno monopolizzato l’intera cerimonia. La corroborante storia del viaggio del musicista Don Shirley e del suo autista nell’America profonda e razzista degli anni Sessanta, ha vinto tre statuette importanti, oltre a miglior film, anche migliore attore non protagonista, Mahershala Ali e migliore sceneggiatura originale, scritta tra gli altri da Nick Vallelonga, attore e sceneggiatore italoamericano che si è basato sulla reale esperienza del padre, che fu davvero l’autista del musicista jazz in quell’epico viaggio che sfidò la segregazione razziale e l’intolleranza del tempo. Ali non è stato l’unico attore afroamericano a vincere in questa serata di rivincita per le minoranze. Regina King, per Se la strada potesse parlare, è stata la prima della cerimonia a stringere in mano una statuetta: migliore attrice non protagonista. Poi Spike Lee, per BlacKkKlansman, ha ottenuto il premio per la migliore sceneggiatura non originale e ha infiammato la platea degli Oscar con un discorso molto politico: «Le elezioni 2020 sono dietro l’angolo, ricordiamocelo, possiamo fare una scelta di amore e non di odio». Spike Lee ha ringraziato la bisnonna e «che era stata una schiava. Rendo omaggio a lei e ai nostri antenati, grazie al loro sacrificio siamo qui, grazie per aver costruito il Paese e sopportato il genocidio dei nativi». E poi c’è Roma, di Alfonso Cuaron, altro film dalla forte connotazione sociale, grande favorito della vigilia, che racconta la storia della domestica di famiglia nell’infanzia del regista messicano, a Mexico City. Roma, prodotto da Netflix, ha vinto premi importanti: miglior film in lingua straniera, miglior regista, migliore fotografia. «Questo film è dedicato ai 70 milioni di collaboratori domestici che lavorano nelle nostre case e che di solito sono relegate nello sfondo dei nostri film - ha detto il regista messicano - Gli immigrati e le donne proiettano il mondo in avanti».

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
25/02/2019 08:51:28


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Spettacolo

Gran Bretagna, il concerto senza distanziamento e mascherine come test per la ripartenza >>>

I 70 anni di Phil Collins >>>

Gwyneth Paltrow dà l’addio al cinema: “Disamorata e stanca del giudizio del pubblico” >>>

Festival del Cinema di Cannes: Palma d’oro a Parasite, Antonio Banderas migliore attore >>>

Oscar, vittoria di "Green Book" per il miglior film >>>

Festival di Cannes 2018, Palma d’oro a Kore-eda >>>

Joan Baez, al via l'ultimo tour >>>

Incassi Usa, record per Wonder Woman >>>

Cannes: Un Certain Regard, miglior attrice Jasmine Trinca >>>

Eurovision song contest, vince lʼUcraina con il brano anti-Russia >>>