Orto & Giardino Giardino

Il faggio americano

Nel giusto habitat cresce abbastanza autonomamente

Print Friendly and PDF

Il Fagus grandifolia è un albero di medie dimensioni originario degli aree orientali del continente nordamericano: per le belle foglie, che assumono diverse colorazioni col passare delle stagioni, e la particolare corteccia, andrebbe preso maggiormente in considerazione come pianta ornamentale, sia come esemplare isolato sia per la creazione di meravigliose siepi. Nel giusto habitat cresce abbastanza autonomamente: seguendo pochi suggerimenti e con un po’ di pazienza avremo un esemplare di buone dimensioni e dalla bellissima silhouette espansa. La sua sagoma renderà unico il nostro giardino e potremo per di più usufruire, in estate, delle ampie aree ombreggiate sotto all’ampia chioma. È molto diffuso negli Stati Uniti e in Canada dove va a formare delle ampie foreste con altre latifoglie. Ha una crescita abbastanza lenta: in coltivazione non supera i 15 metri di altezza, ma in natura non fatica a raggiungere i 35. Di solito ha un portamento espanso e le prime diramazioni avvengono molto in basso. In queste condizioni il suolo sottostante è quasi sempre totalmente privo di vegetazione. Per l’uso ornamentale di solito queste branche vengono eliminate rendendo più fruibile lo spazio. Altro punto di forza è la colorazione del fogliame, alterno e ovato. La lamina superiore, durante l’anno, è verde scura e lucida con piccoli peli argentei. In autunno passa velocemente ad un bel rosso rame e infine ad un vivace giallo. Non sempre vi è la totale defogliazione in l’inverno, soprattutto in mancanza di forti venti e precipitazioni nevose. La corteccia rende interessante il faggio in tutte le stagioni; è grigia e liscia, con riflessi argentei. Alcuni la paragonano alla pelle di un elefante. Altra attrattiva sono i frutti: le faggiole. Aforma di riccio, lunghi 2 cm, racchiudono fino a tre piccole noci. Hanno svariati usi alimentari, ma sono preziosi soprattutto perché diventano un richiamo irrefrenabile per la fauna (scoiattoli e uccellini soprattutto).  La coltivazione non è difficile, ma per ottenere risultati bisogna avere delle giuste condizioni pedoclimatiche. In particolare il faggio americano richiede terreni a reazione acida, molto soffici e dotati di ottimo drenaggio. Al tempo stesso devono essere capaci di mantenersi freschi. Sotto questo aspetto, nel nostro paese, sono ideali tutte le aree montane e le zone nei pressi di boschi di latifoglie, da 600 fino a 1200 metri di altitudine. Il clima migliore è quello alpestre, caratterizzato da estati fresche e precipitazioni frequenti. Queste consentiranno al suolo di mantenere il giusto grado di umidità, specialmente negli strati più superficiali (dove si trova la maggior parte delle radici). Il freddo non rappresenta un problema: il fagus grandifolia resiste anche alle temperature più rigide. Evitiamo questa essenza invece nel Centro-Sud, specialmente nei pressi delle coste: i climi siccitosi non gli si confanno assolutamente.



 


 

Z

Redazione
© Riproduzione riservata
14/12/2017 18:09:28


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Giardino

Diserbo di grandi infestanti >>>

Annaffiare abbondantemente il terreno del nostro giardino >>>

Cura del tappeto erboso o prato >>>

I lavori a maggio nel nostro giardino >>>

I lavori da fare in giardino a marzo >>>

Dicembre: Siamo ancora in tempo per piantare le bulbose a fioritura primaverile >>>

Tanta acqua al nostro giardino >>>

La zinnia: fiori colorati per tutta l'estate >>>

Kerria del Giappone >>>

Arieggiatura del prato >>>