Sport Locale Ciclismo (Locale)

Torna a Sansepolcro la Granfondo Le Strade del Rinascimento

Appuntamento per domenica 24 settembre: attesi 500 amanti del ciclismo

Print Friendly and PDF

Domenica 24 settembre a Sansepolcro sono attesi 500 amanti del ciclismo da tutto il centro Italia per percorrere e ammirare i paesi che costellano la Valtiberina, a partire da Sansepolcro il centro più importante.

La corsa, infatti, parte e arriva a Sansepolcro, si sviluppa su tre diversi percorsi, ognuno di questi adatto alla voglia di pedalare di chi lo percorre: 95 chilometri il percorso più lungo, 1500 i metri il dislivello, il percorso di medio fondo, 65 i chilometri e 1100 metri il dislivello, infine il percorso corto i chilometri in questo caso sono 60, il dislivello da superare è di soli 600 metri.

Si percorre buona parte delle strade della Valtiberina e difatti lungo il percorso oltre la citata Sansepolcro si incontra Anghiari, si lambisce il suo rinomato centro storico, si attraversa il ponte medioevale di Ponte alla Piera e il borgo, si arriva a Caprese Michelangelo, qui si può intravedere se appena si rallenta e si alza la po la testa,  tra le foglie della vegetazione intorno al borgo antico la casa che ha dato i natali al genio di Michelangelo, proseguendo si percorre tutto il lato nord ovest del bacino di Montedoglio, su questa strada si vive la stessa sensazione quando capita di percorere una strada di lungomare; si arriva infine arrivare a Pieve Santo Stefano, la città dei diari e della conservazione della memoria nel suo museo dedicato ai diari.

Da Pieve prosegue, si sale nella direzione del passo di Viamaggio, qui siamo sulla strada che i romani avevano denominato Ariminensis che collegava Aretium, Arezzo, con Ariminum, Rimini, superato il valico si scende lungo la strada da dove si può ammirare, solo alzando anche qui un po lo sguardo ma stando molto attenti perchè la discesa è veloce, la pianura del Tevere fino a Città di Castello, sullo sfondo a corona Citerna, ancora Anghiari e Monte Santa Maria Tiberina.

“Quale nome migliore, “Le Strade del Rinascimento’’ appunto, poteva essere assegnato alla granfondo quando le strade che oggi percorrono i ciclisti sono state un tempo percorse da San Francesco per arrivare al Santuario della Verna, da Luca Pacioli, il grande matematico, da Piero della Francesca e da Michelangelo.” Queste le dichiarazioni del presidente Massimo Biagioli che prosegue dicendo - Correre sulle ali della storia, sulle ali dei tanti illustri personaggi fornirà, ne siamo sicuri, la spinta in più sui pedali dei ciclisti di domenica.”

“Il resto della spinta gli sarà fornito dai tanti ristori che accompagnano il percorso, ben quattro.” – specifica il segretario Fabrizio Lazzeri – “C'è il ristoro di Caprese Michelangelo, realizzato grazie alla preziosa collaborazione dell'Istituto Fanfani-Camaiti e che sempre tanto impressiona per la cura con cui viene allestito e gestito dagli studenti l'istituto, gli altri ristori i ciclisti li trovano uno a Ponte a Formole, gestito quesro come tutti gli altri direttamente da Ciclistica, quello alla cima di Viamaggio e l'aperitivo finale, a pochi chilometri dall'arrivo in località San Pietro. Il pasto finale è gestito dalla Proloco di Gragnano, che tutti conoscono per la bontà della cucina e la precisione nella gestione del servizio.”

La realizzazione di una prova così significativa non avrebbe successo se non trovasse la convinta collaborazione dei tanti attori coinvolti: in primis le associazioni del territorio, quella dei motociclisti Le frecce del Borgo per il prezioso lavoro di accompagnamento della corsa rendendola sicura, del prezioso impegno della proloco di Gragnano e dell'Istituto Alberghiero Fanfani-Camaiti abbiamo già scritto, il ringraziamento di Ciclistica è rivolto a tutte le Amministrazioni dei Comuni attraversati, a partire da quella che ospita la corsa, Sansepolcro; il ringraziamento anche a tutti gli sponsor di Ciclistica: le loro insegne sono tutto l'anno sulle maglie della squadra è grazie al loro contributo se questa attività può essere realizzata; infine il ringraziamento particolare Ciclistica lo rivolge a tutti i soci: è grazie al loro impegno di un anno intero se la granfondo è una realtà per il nostro territorio.

Redazione
© Riproduzione riservata
20/09/2023 12:38:38


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Ciclismo (Locale)

E-Bike e MTB/ Valnestore, domenica 9 la carica dei “Muli” sulle due ruote >>>

Tre giorni di festa per i dieci anni de La Chianina Ciclostorica >>>

“Percorso Garbato”: sui pedali da Marciano della Chiana a Monte San Savino >>>

Gianni Bugno domenica 23 giugno a Gubbio alla ciclostorica "La Favolosa" >>>

Dopo un anno di stop torna a Nocera Umbra la GF delle Sorgenti >>>

Musica, letteratura e sapori per la decima edizione de La Chianina Ciclostorica >>>

Tutti in sella per la Granfondo Le Strade del Rinascimento a Sansepolcro >>>

“La Chianina dei bambini”: al via il progetto per gli alunni delle scuole >>>

Sabato la 21° Coppa Città di Castiglion Fiorentino elide e under 23 >>>

A Gualdo Tadino continua la favola di Valdrighi >>>