Notizie Locali Cronaca

Caso di legionella nel Cortonese: presto la donna sarà dimessa dall'ospedale

Effettuati nel frattempo i campionamenti su acqua e impianto idrico

Print Friendly and PDF

La Asl Toscana Sud Est comunica che si è verificato un caso di legionellosi in una Rsa della Valdichiana aretina, a carico di una signora 90enne con fragilità dovute alla presenza di importanti patologie. La signora è stata ricoverata presso l’ospedale di Cortona - La Fratta (nella foto), è in condizioni stabili e nei prossimi giorni dovrebbe essere dimessa dall’ospedale. Il servizio di Igiene Pubblica Asl Tse zona Valdichiana Aretina ha effettuato i campionamenti sull’acqua e sull’impianto idrico ed è in attesa dei risultati per i quali occorrono circa 15 giorni. Nel frattempo l’unità funzionale di Igiene ha ordinato una serie di prescrizioni alla Rsa interessata perché provveda alla sanificazione. Successivamente, per verificare l’efficacia della stessa, saranno ripetuti i controlli con ulteriori campionamenti.

LA LEGIONELLA

La Asl TSE ricorda che la  Legionella è ampiamente diffusa in natura, dove si trova principalmente associata alla presenza di acqua (superfici lacustri e fluviali, sorgenti termali, falde idriche e ambienti umidi in genere).
Da queste sorgenti la Legionella può colonizzare gli ambienti idrici artificiali (reti cittadine di distribuzione dell’acqua potabile, impianti idrici dei singoli edifici, impianti di climatizzazione, piscine, fontane) che possono agire come amplificatori e disseminatori del microrganismo, creando una potenziale situazione di rischio per la salute umana, specialmente per le persone portatrici di fattori di rischio (es. abitudine al fumo, presenza di patologie croniche con e senza immunodeficienza associate, tumori, etilismo cronico).
I gestori delle strutture aperte al pubblico sono quindi chiamati ad adottare misure di contenimento del rischio con interventi preventivi che possano ridurre la presenza e la concentrazione di Legionella, ad effettuare controlli periodici della concentrazione del batterio e, al bisogno, eseguire interventi di sanificazione.
Gli interventi di sanificazione, quindi, sono finalizzati ad attuare un sistema coordinato di interventi che fa leva sulla responsabilità di ciascun soggetto coinvolto nella progettazione, realizzazione, gestione e manutenzione degli impianti idrici che possono essere a rischio di colonizzazione (sistemi di distribuzione dell’acqua calda e fredda, torri di raffreddamento e condensatori evaporativi, impianti termali, fontane, umidificatori, attrezzature per la respirazione assistita), al fine di tutelare la salute, in particolare delle persone con condizioni predisponenti alla malattia».

Redazione
© Riproduzione riservata
22/03/2023 14:42:38


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Morta a soli 56 anni la professoressa Simonetta Valdarnini >>>

Schianto nel tratto aretino dell'A1: feriti due giovani, grave un 22enne >>>

Non accetta la fine della relazione e tenta di uccidere la compagna >>>

Incidente mortale nella superstrada E45 >>>

Truffe agli anziani: ancora un sequestro di preziosi e una denuncia in provincia di Arezzo >>>

Crolla il tetto di un'abitazione a San Giovanni Valdarno: famiglie fatte uscire per tempo >>>

E45, auto ribaltata allo svincolo di Città di Castello: ferita 37enne del posto >>>

Pensionato inseguito, picchiato e poi rapinato del borsello: arrestato l'autore >>>

Sansepolcro, motorino rubato poi recuperato dai carabinieri: un denunciato >>>

Cortona, scontro tra due auto: 28enne e 26enne trasferite alla Fratta >>>