Notizie dal Mondo Attualità

Coronavirus, i ricercatori israeliani: "Siamo vicini al vaccino"

L'Istituto Migal d'Israele rende noto il passo in avanti nella ricerca di un vaccino anti-Covid-19

Print Friendly and PDF

"Siamo vicini alla creazione di un vaccino anti coronavirus". L'annuncio che rincuora e risolleva il morale arriva da Israele.

Sì, perché i ricercatori del Galilee Research institute-Migal hanno reso noto di essere a un passo dall'obiettivo.

L'istituto di ricerca, vera eccellenza sanitaria del Paese e non solo, ha comunicato così i passi in avanti nella ricerca di un "antidoto" al Covid-19, che continua a diffondersi in tutto il mondo. L'ultimo bilancio aggiornato dei contagi e dei morti parla di 110.276 infettati, 62.097 ristabiliti e 3.840 decessi. In Italia abbiamo 7.375 casi confermati dalle istituzioni e autorità sanitarie, 622 soggetti che sono guariti e 366 trapassati. In Israele, invece, sono appena 39 i casi rilevati, con due persone che si sono ristabilite e nessun decesso.

Gli esperti del Migal, come registrato da La Stampa, hanno annunciato di aver ottenuto importanti "risultati scientifici" che possono portare in breve tempo alla "rapida creazione di un vaccino contro il coronavirus".

Gli scienziati scrivono che "questa possibilità è stata identificata come sottoprodotto dello sviluppo di un vaccino contro l'Ibv (virus della bronchite infettiva), una malattia che colpisce il pollame, la cui efficacia è stata dimostrata in studi pre-clinici condotti presso l'Istituto stesso". Il pool di esperti rende anche noto che il "coronavirus del pollame ha un'elevata somiglianza genetica con il Covid-19 umano e che utilizza lo stesso meccanismo di infezione, un fatto che aumenta la probabilità di ottenere un vaccino umano efficace in breve tempo periodo di tempo".

In ultimo, ma non per importanza, i ricercatori del Galilee Research institute fanno sapere che "dopo aver apportato le necessarie modifiche genetiche per adattare il vaccino al Covi-19 (il ceppo umano del coronavirus) sta lavorando per ottenere le approvazioni di sicurezza che consentiranno test in vivo e consentire l'avvio della produzione di un vaccino per contrastare il coronavirus".

Massimo Scaccabarozzi, presidente di Farmindustria – registra TgCom24 – ha dichiarato che il vaccino contro il coronavirus, una volta trovato, costerà quasi un miliardo di euro, 900 milioni per l'esattezza, dal momento di inizio degli studi e delle ricerche in laboratorio al momento in cui il farmaco sarà pronto per il suo utilizzo. Ma ci vorrà tempo, ci vorranno anni: "Mediamente sono necessari uno o due anni per arrivare alla fase finale di sviluppo di un vaccino, ma molto dipende dal momento in cui è disponibile la sequenza virale. Nel caso del SarsCov2 la sequenza del virus è stata subito resa disponibile dalla Cina e, dopo, il nuovo virus è stato anche isolato e sequenziato in Italia, con un'aggiunta di informazioni e conoscenze", dice il numero uno di Farmindustria.

Notizia e Foto tratta da Il Giornale
© Riproduzione riservata
09/03/2020 16:24:30


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Olanda, autorità consigliano ai single di trovarsi un "compagno di letto" >>>

Europa, il continente è sempre più caldo >>>

Disneyland Shanghai riapre dopo l’epidemia Covid >>>

Greta Thunberg dona 100 mila dollari all’Unicef per proteggere i bimbi dal Covid >>>

Primo lancio della Dragon di Elon Musk con astronauti >>>

L’idea olandese: da Amsterdam a Parigi in 90 minuti con il treno-aereo superveloce >>>

Ursula von der Leyen: “Italia scusa per i ritardi, ma ora l’Europa c’è” >>>

La primatologa Jane Goodall: “La mancanza di rispetto per gli animali ha causato la pandemia” >>>

Coronavirus, Trump: “Subito in aiuto dell’Italia ma senza dimenticare il popolo americano” >>>

La Commissione Ue sospende Iva e dazi su mascherine >>>