Notizie Locali Comunicati

Tutti i lavori post-alluvione, sette cantieri all'opera nell'aretino

Oltre 400.000 euro per ripristinare le condizioni di sicurezza

Print Friendly and PDF

Oltre 400.000 euro per ripristinare le condizioni di sicurezza sul territorio ferito dall’alluvione. Sono sette i cantieri attivati e prevedono interventi su una ventina di corsi d’acqua del reticolo ricadenti nel comune di Arezzo e nei Comuni di Monte San Savino e Marciano della Chiana.

Il Consorzio 2 Alto Valdarno, in collaborazione con il Genio Civile e le amministrazioni comunali, ha avviato questi interventi per eliminare le conseguenze del drammatico evento che con   violenza inaudita ha messo in ginocchio Arezzo e altre aree del comprensorio.

Tecnici, operai e macchine dal pomeriggio di sabato 27 luglio sono al lavoro.

Il torrente Valtina e Sellina, dopo le cure prestate in modo tempestivo, nell’immediato, per rimediare le rotte arginali e il sovralluvionamento, adesso sono sottoposti a una terapia più articolata per  poter  riconquistare una  sezione adeguata e un buon deflusso delle acque.

Sotto i ferri anche il Rio Grosso, vittima tra l’altro di importanti erosioni spondali, dove è in atto la rimozione dei sedimenti, che si sono depositati nei tratti a monte e a valle della SR71.

Cure necessarie per il rio di Rigutino e quello di Policiano,  il rio dei Pigli e quello di Riolo o Pieve a Quarto e, infine, il rio Lama e quella della Ripa, dove sono in corso interventi di ripulitura e ripristino delle sezioni di deflusso dell’acqua.

Un altro cantiere è in azione tra Marciano della Chiana e Monte San Savino dove, complice l’esondazione di alcuni rii (Basso o Vallesi, di San Giovanni, di Montagnano, Frangione), la località di Cesa è finita sott’acqua. Qui, le squadre al lavoro hanno il compito di eliminare i depositi di detriti, fango e sabbia dagli alvei per garantire il buon funzionamento idraulico del reticolo.

“Un’operazione urgente e impegnativa – spiega la presidente del CB2 Serena Stefani – che  stiamo completando rapidamente  per restituire le necessarie condizioni di sicurezza a tutta l’area colpita dall’alluvione. Grazie alla Regione Toscana che ha adottato ogni misura utile per far partire con urgenza i cantieri e ha trovato le risorse necessarie per fronteggiare l’emergenza, il Consorzio ha potuto avviare rapidamente i cantieri. Sin dalle prime ore dal verificarsi ell’evento calamitoso siamo all’opera per il ripristino degli argini, la risagomatura degli alvei e per la ripulitura dei corsi d’acqua. Il materiale recuperato nel Comune di Arezzo sarà trasportato e ammassato in località Indicatore, in un’area messa a disposizione dallo stesso Comune, così come hanno fatto i Comuni di Monte San Savino e Marciano della Chiana per il materiale che asportato dai fiumi dei rispettivi territori, per essere successivamente analizzato e avviato allo smaltimento o per essere poi recuperato e utilizzato per il rifacimento arginale. Tutto il personale dell’ente si sta impegnando con grande senso di responsabilità ed abnegazione per riuscire a conciliare la risoluzione delle emergenze del post alluvione con l’intenso lavoro di manutenzione ordinaria e straordinaria in atto nell’intero comprensorio che, proprio in questo periodo, si intensifica e si accelera in vista dell’arrivo dell’autunno, la stagione solitamente più piovosa dell’anno. Voglio inoltre ringraziare i Consorzi di Bonifica della Toscana che hanno manifestato vicinanza e solidarietà all’Alto Valdarno e in particolare al Consorzio 6 Toscana Sud che ha messo a disposizione una professionalità qualificata come l’ingegner Claudio Lombardi, direttore dei lavori degli interventi in corso tra i Comuni di Monte San Savino e Marciano della Chiana”.

Questa mattina la Presidente Serena Stefani, con il Direttore Generale Francesco Lisi e l’ingegner Beatrice Lanusini, hanno effettuato la prima ricognizione dei cantieri aperti per fronteggiare la emergenze: ovunque i lavori per risolvere gli elementi di criticità individuati sono a buon punto e saranno conclusi a breve.

Redazione
© Riproduzione riservata
13/08/2019 17:02:22


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

Diga di Montedoglio, raccolta firme e nuovo esposto: "Indagate sul terrapieno" >>>

Sansepolcro, presto la riapertura della strada che collega Montevicchi e Germagnano >>>

Aggressione all'autista in Casentino, “Non basta esprimere solidarietà" >>>

Cammino Firenze - La Verna, il sindaco di Chiusi della Verna eletto capofila del progetto >>>

"Dalla Regione Toscana 625mila euro per i Cammini di Francesco" >>>

La Sinistra di Città di Castello dice no alle reti 5G, "Meglio la fibra ottica" >>>

"Tutelare maggiormente i boschi della Valdichiana dalla selvaggia raccolta di funghi" >>>

Politica, Marco Vinicio Guasticchi: il Pd è la mia casa e lo sarà ancora >>>

Rigutino, iniziati i lavori alla scuola primaria >>>

Città di Castello: Bacchetta fa solo propaganda e descrive una città che non esiste >>>