Notizie Nazionali Politica

Governo, Di Maio esclude la crisi e apre alla riconciliazione: "Andiamo avanti con le riforme"

Salvini: "Il problema sono i no dei 5 Stelle, così lʼItalia non va avanti"

Print Friendly and PDF

All'indomani di una giornata convulsa tra le due forze politiche di governo, Luigi Di Maio tira le somme, escludendo che ci possa essere una crisi e aprendo alla riconciliazione. "Andiamo avanti: abbiamo importanti riforme da fare", dice il leader M5s. Su Matteo Salvini spiega che "tra persone mature è meglio vedersi, non parlarsi a mezzo stampa". Pronta la replica del leghista: "Ci vedremo sicuramente, ma a colpi di no l'Italia non può andare avanti". 

Salvini: "Inaccettabili i blocchi dei 5 Stelle come Toninelli-Trenta" - "C'è un evidente e totale blocco sulle proposte, iniziative, opere, infrastrutture da parte alcuni ministri 5 Stelle che fa male all'Italia", sottolinea Salvini. "Niente di personale - prosegue - Di Maio è persona corretta e perbene, ma sono inaccettabili i no e i blocchi quotidiani di opere e riforme da parte del M5s Toninelli (con centinaia di cantieri fermi) che blocca la Gronda di Genova, che toglierebbe migliaia di auto e di tir dalle strade genovesi; Trenta che propone di mettere in mare altre navi della Marina, rischiando di attrarre nuove partenze e affari per gli scafisti".

Di Maio: "Abbiamo sempre trovato una soluzione" - "Non è una questione di scuse - afferma dal canto suo Di Maio - altrimenti si alimenta un problema tra me e lui. Perché in questo anno siamo stati noi due a mandare avanti questo governo. Anche nei momenti di massima tensione abbiamo trovato un punto. Qui bisogna mettere al centro i cittadini italiani. Anche io ho delle critiche da fare ad alcuni ministri della Lega, ma non vado in televisione: li chiamo e ci mettiamo d'accordo". "Se avessi sospetti su Salvini - aggiunge Di Maio - non sarei al governo", e ricorda che il leader della Lega ha già detto che "prima del 24 andrà in Parlamento". Il leader M5s annuncia poi una Commissione d'inchiesta sui fondi avuti da tutti i partiti, "incluso il nostro".

Il sottosegretario leghista Durigon: "Il contratto M5s-Lega non basta più" - "Abbiamo messo i punti sulle 'i', se vogliamo continuare a lavorare c'è bisogno di sì che sono importanti per poter passare all'attuazione. Vediamo cosa succede nei prossimi giorni, siamo due forze politiche diverse, ci siamo unite con un contratto ma non basta più un contratto: serve anche una visione di intenti più forte". Così il sottosegretariato leghista al Lavoro, Claudio Durigon, a margine di un'iniziativa presso la Cgil, parlando dei rapporti tra le due forze di governo.

Notizia e foto tratte da Tgcom 24
© Riproduzione riservata
19/07/2019 14:16:04


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Governo, ancora niente sottosegretari: Conte chiede di accelerare sulle nomine >>>

Parte la corsa per i sottosegretari: oltre 130 candidati per 45 posti >>>

Il governo M5s-Pd ha la fiducia del Senato. Conte: "Un nuovo inizio per lʼItalia" >>>

Il Conte 2 ottiene la fiducia alla Camera, ma con le opposizioni è bagarre >>>

Conte: "Oggi inizia una nuova stagione riformatrice" >>>

"Il M5S dà il Ministero della famiglia al 'partito di Bibbiano'?" >>>

Commissario Ue, Conte: comunicato il nome di Paolo Gentiloni >>>

Conte 2, il nuovo governo ha giurato >>>

Sea Watch, Matteo Salvini indagato per diffamazione a Carola Rackete >>>

Un governo inviso agli elettori: gli italiani bocciano il patto Pd-5S >>>