Notizie Nazionali Cronaca

Imperia, truffa allo Stato da oltre un milione di euro sulla gestione dei centri di accoglienza

Il pm: "Profughi trattati come bestie". Quattro persone in manette

Print Friendly and PDF

La guardia di finanza ha eseguito quattro misure cautelari personali e di beni a carico di un gruppo criminale che gestiva centri di accoglienza straordinari per migranti nella provincia di Imperia. L'indagine riguarda due centri di accoglienza, entrambi gestiti da una cooperativa piemontese, che ospitano oltre 120 persone. 

I reati contestati sono associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni dello Stato e riciclaggio. Una decina sono invece gli indagati a piede libero. Tra questi c'è anche una ex funzionaria della prefettura di Imperia. Tra gli arrestati invece un noto avvocato torinese.

Il responsabile della cooperativa sociale Caribù, che ha sede nella provincia di Cuneo e che gestiva i due centri, è stato arrestato. In manette anche la compagna e la sorella. Nello specifico il responsabile, la sua compagna e l'avvocato di Torino sono accusati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa mentre la sorella è stata accusata di autoriciclaggio in concorso.

La guardia di finanza ha quantificato in un milione e 300mila euro, su un importo complessivo di un milione e 700mila euro di fondi pubblici erogati, la frode perpetrata dagli indagati. Le indagini, iniziate nel 2017, hanno portato le fiamme gialle ad accertare l'appropriazione dei fondi erogati dalla Prefettura per la gestione quotidiana dei migranti.

La frode si basava sulla comunicazione quotidiana di un numero maggiore di migranti presenti nei centri rispetto a quello reale e alla sovrafatturazione di costisolo parzialmente affrontati per erogare ai migranti i servizi previsti in base all'appalto pubblico.

"Tra i metodi per risparmiare c'era lo sfruttamento del lavoro e un trattamento inaccettabile delle condizioni fisiche e psichiche dei migranti. Il gip nella sua ordinanza scrive che venivano trattati come bestie", ha detto il procuratore aggiunto Grazia Pradella illustrando l'operazione della Gdf. "Abbiamo delle intercettazioni dove si disquisisce sul tipo di cibo da dare e viene deciso di dare polmone e frattaglie per ottimizzare i costi: un tipo di cibo che probabilmente le persone non danno neppure ai loro gatti - ha detto Pradella -. Chi provava a ribellarsi, di questo abbiamo la prova in un'intercettazione, è stato picchiato e umiliato".

Notizia e foto tratte da Tgcom 24
© Riproduzione riservata
17/07/2019 14:19:19


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Autobus fuori strada nel Pescarese, trenta passeggeri feriti >>>

Napoli, 27enne sequestra figlia per 12 ore e violenta lʼex compagna >>>

Bolzano, neonato trovato morto in una scarpata: segni di violenza >>>

Messina, malato di Hiv lo nasconde: contagia la compagna e lei muore >>>

Arrestati i capi ultrà Juventus: ricattavano il club dopo la revoca dei privilegi >>>

Benevento, neonato trovato morto in un dirupo: lʼavrebbe lanciato la madre >>>

Torino, aggredita per strada con un pugno lʼattrice Gloria Cuminetti >>>

Roma, rissa al Municipio V tra "colleghi" del M5s >>>

Roma, bengalese trova portafogli con 2000 euro: lo restituisce e rifiuta la ricompensa >>>

Reggio Emilia, uomo espulso dall'Italia: in Brasile diventa donna e ritorna >>>