Notizie Locali Sanità

Malattie reumatiche, un 10 maggio dedicato alle videocapillaroscopie

Visite al San Donato di Arezzo in occasione dell’H(Open) Day organizzato da Onda

Print Friendly and PDF

Il 10 maggio, come consuetudine quando si avvicina la Festa della Mamma, torna l’iniziativa di Onda (Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e di genere) relativa all’(H)Open Day dedicato alle malattie reumatiche autoimmuni.

Al programma aderisce anche l’ospedale San Donato di Arezzo: la Reumatologia offrirà gratuitamente alcune sedute di videocapillaroscopia con relativa informazione ( 3^ scala, 3° piano dalle 9 alle 14).
Le prenotazioni partiranno lunedì 6 maggio, telefonando al numero 0575 255418. Per accedere, è requisito specifico essere affetti  dal Fenomeno di Raynaud o da malattia reumatica autoimmune: artrite o connettivite.

Obiettivo della giornata sarà quello di promuovere la consapevolezza e la corretta informazione così come la prevenzione, la diagnosi e l’accesso ai percorsi specialistici diagnostico-terapeutici dedicati alle malattie reumatiche.

“Le malattie reumatiche sono circa 150, molto diverse sia per come si manifestano sia per le cause che le determinano – spiega Ferruccio Rosati, direttore della Reumatologia – Sono accomunate da un dolore articolare e rappresentano la seconda causa più frequente di disabilità. Alcuni fattori di rischio sono legati agli stili di vita come fumo e obesità. La diagnosi precoce  permette di iniziare una terapia adeguata, rendendo possibile il blocco dell’evoluzione della patologia”.

Le malattie reumatiche autoimmuni causano disturbi a carico dell'apparato locomotore ed in generale dei tessuti connettivi dell'organismo. Rappresentano un gruppo estremamente eterogeneo di malattie e si presentano con espressione e gravità differenti, colpendo più di 3,5 milioni di italiane. Spesso esordiscono in età giovane.

L’(H)Open Day è promosso da Onda con la collaborazione di AMRER, Associazione Malati Reumatici Emilia Romagna, ANMAR, Associazione Nazionale Malati Reumatici Onlus, APMAR, Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare Onlus, il patrocinio di Istituto Superiore di Sanità e SIR, Società Italiana di Reumatologia.

"Le malattie reumatiche autoimmuni sono patologie tipicamente femminili e che spesso si manifestano tra i 15 e 45 anni, dunque nel periodo più florido e produttivo, condizionando la qualità di vita delle donne - spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda - Onda anche quest'anno conferma il suo impegno con un'iniziativa focalizzata in particolare sulla salute riproduttiva delle donne e sulla pianificazione familiare. La seconda edizione dell'(H)Open day dedicato alle malattie reumatiche vede un aumento della partecipazione degli ospedali e dei centri, ben 95 su tutto il territorio nazionale, con un 50% in più rispetto allo scorso anno, e la preziosa collaborazione delle associazioni di pazienti”.

Per maggiori informazioni visitare il sito www.bollinirosa.it.

Redazione
© Riproduzione riservata
04/05/2019 13:03:47


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Sanità

Lotta alla Sepsi, 2 premi per la Usl Toscana Sud Est >>>

Sansepolcro: prossima al rinnovo la convenzione per l'alta traumatologia dello sport >>>

La salute a scuola, ecco i progetti negli istituti aretini >>>

Cardiologia all’avanguardia per il salvataggio degli arti inferiori dall’amputazione >>>

Cambio medico, Santeramo da domani non sarà più in Valdichiana >>>

Dopo Città di Castello e Pantalla, anche a Perugia un ambulatorio per i pazienti oncologici >>>

Barbato subentra a Moroni, novità per i medici di famiglia in Valtiberina >>>

Pronto Soccorso di Bibbiena in piena attività nella sede provvisoria >>>

Operato a Perugia, nuova vita per un bimbo di 2 anni e mezzo >>>

Trasloca la continuità assistenziale all’interno dell’ospedale >>>