Notizie Locali Comunicati

Il rinnovamento della flotta di Tiemme fa tappa in Casentino

Taglio del nastro per 6 nuovi autobus, oltre 100 nuovi mezzi nel biennio 2018-19

Print Friendly and PDF

Nuova tappa del percorso di rinnovamento della flotta autobus di Tiemme. Questa volta la suggestiva cornice scelta nel cuore della Toscana è stata quella della Pieve di Romena, nel comune di Pratovecchio, in Casentino, in provincia di Arezzo.

Il taglio del nastro ha interessato 6 nuovi bus extraurbani e si è svolto in presenza dell’assessore regionale ai Trasporti, Vincenzo Ceccarelli, del Presidente di Tiemme, Massimiliano Dindalini, del Direttore Generale, Piero Sassoli, dei rappresentanti del Cda di Tiemme e dello staff aziendale.

Il rinnovamento continua: 108 nuovi bus nel biennio 2018-19

Da agosto 2010, anno di nascita dell’azienda, a dicembre 2018 Tiemme ha investito oltre 44 milioni, di cui 28,8 milioni in autofinanziamento, a favore del rinnovamento dei mezzi.

Entro la fine del 2019 saranno 57 i nuovi autobus che circoleranno, a fronte di un ulteriore investimento di oltre 10 milioni di euro, di cui 6,4 in autofinanziamento. Ad oggi dei 57 previsti, ne sono stati consegnati 29: gli altri arriveranno nelle prossime settimane.

Considerato che nel 2018 Tiemme ha acquistato 51 mezzi (42 extraurbani, 4 urbani e 5 adibiti al trasporto scolastico), nel biennio 2018-19 saranno quindi complessivamente 108 i bus inseriti per rinnovare la flotta, con un investimento di circa 18 milioni di euro.

Ai bus si aggiungono altri investimenti in tecnologie e altre immobilizzazioni che, dalla nascita di Tiemme, ammontano a 18 milioni di euro, di cui 16,5 milioni in autofinanziamento.

 “Continua il nostro impegno a favore dell’innovazione del servizio – commenta il Presidente di Tiemme, Massimiliano Dindalini – attraverso l’inserimento costante di nuovi bus finalizzato a ridurre l’età media dei nostri mezzi, consapevoli delle necessità di rinnovamento. Questi bus saranno in circolazione nella provincia di Arezzo, migliorando la qualità dei servizi erogati a beneficio della nostra utenza che, anche nel periodo estivo, sceglie il mezzo pubblico per muoversi, per motivi di lavoro ma anche turistici”.

“Con questa consegna completiamo il lotto di 30 nuovi bus extraurbani a marchio Otokar con cui abbiamo attivato un’ottima collaborazione – aggiunge il Direttore Generale di Tiemme, Piero Sassoli –. Si tratta di bus extraurbani da 12,2 metri di lunghezza, con motore Euro 6 dai minimi livelli inquinanti e dalle dotazioni di bordo di ultima generazione in termini di sicurezza e comfort. Oltre 100 nuovi bus nel biennio 2018-19 testimoniano l’obiettivo di crescita qualitativa del servizio che ci siamo prefissati ed oltre 18 milioni di euro di investimento certificano l’impegno finanziario che stiamo sostenendo in questa direzione”.

"Prosegue l'azione della Regione Toscana per qualificare il servizio di trasporto pubblico attraverso il rinnovo del parco mezzi; anche in Casentino entreranno in circolazione nuovi autobus, più sicuri, più confortevoli, più ecologici – ha detto l'assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli –. Grazie agli investimenti fatti e all’attuazione del contratto ponte sottoscritto con One scarl, di cui Tiemme fa parte, porteremo l'età media della flotta di bus toscana in linea con quella delle principali realtà europee. Il nostro impegno è quello di garantire anche nelle zone montane, e a favore di utenza debole, dei collegamenti pubblici efficienti con mezzi adeguati e al passo con i tempi”.

Caratteristiche bus

I nuovi bus sono marca OtoKar, hanno una lunghezza di 12,20 metri con motore Euro 6 di ultima generazione, nel pieno rispetto ambientale. Sono dotati di impianto antincendio, doppia porta centrale, porta singola anteriore e sollevatore elettroidraulico per movimentazione passeggero diversamente abile, corredato di segnalazione visiva e acustica. All’interno i bus sono dotati di apposita zona per il trasporto di passeggero in carrozzella e hanno 4 posti per passeggero con ridotta capacità motoria.

Complessivamente i posti a sedere sono 51, più 4 strapuntini nella zona della carrozzella, che sono utilizzabili quando questa è libera. I posti in piedi previsti sono 18.

I sedili dei passeggeri sono corredati di bracciolo e di regolazione schienale, più poggiapiedi. Previsto impianto di aria climatizzata e riscaldamento indipendente, per passeggeri e autista. Ogni singolo posto a sedere è dotato di bocchette climatizzazione e luci. Lungo il corridoio sono presenti maniglioni di sostegno. I bus sono dotati di impianto video per il controllo del porta centrale e di annuncio vocale sia per l'interno del bus che per l'esterno. Ulteriori dotazioni tecnologiche: pannello ripetitore di percorso interno; impianto di video sorveglianza interno; impianto di controllo remoto AVM; tecnologia dedicata al conteggio passeggeri; router Wi-Fi utilizzabile dai passeggeri a bordo del veicolo; impianto di assistenza alla retromarcia con telecamera azionabile automaticamente con l'inserimento; obliteratrice posizionata di fianco al posto guida; innovativa superficie vetrata ad alta rifrazione solare di colore bronzo.

Redazione
© Riproduzione riservata
24/06/2019 14:03:05


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

Da ottobre sarà attivo il collegamento "domestico" da Perugia a Milano Linate >>>

Belloni: “Subito un tavolo di confronto sulla viabilità del centro storico di San Giustino” >>>

L’omaggio di Sansepolcro a Leonardo Da Vinci >>>

Un’opposizione ad Arezzo ‘gas…ata’ dopo un lunghissimo letargo >>>

La questione di Ponte Buriano davanti alla Presidenza del Consiglio dei Ministri >>>

Macrì: Ad oggi non ho ricevuto alcun avviso di garanzia per la vicenda Coingas >>>

Infrastrutture in Altotevere, le novità annunciate dall'onorevole Marchetti >>>

Ultimati a Città di Castello i lavori della prima fase di riqualificazione del loggiato Gildoni >>>

La Regione chiude il punto nascita dell’Ospedale di Pantalla >>>

Il Comune di Castiglion Fiorentino insoddisfatto del servizio di Sei Toscana >>>