Notizie dal Mondo Attualità

Il governo di Londra firma per l’estradizione di Assange negli Usa

L’annuncio del ministro dell’Interno Javid. La decisione finale spetterà al tribunale

Print Friendly and PDF

Il ministro dell’Interno britannico, Sajid Javid, ha rivelato di aver firmato una richiesta di estradizione per Julian Assange avanzata dagli Stati Uniti, precisando comunque che la decisione finale spetta al tribunale. Nel corso di un programma radiofonico della Bbc Javid ha affermato che il fondatore di Wikileaks «è giustamente dietro le sbarre. C’è una richiesta di estradizione dagli Stati Uniti che sarà al vaglio del tribunale domani, ma ieri ho firmato l’ordine di estradizione, l’ho certificato, e sarà in tribunale venerdì». L’atto di Javid ad oggi ha un valore puramente tecnico e preliminare. Venerdì il caso affronterà infatti solo la prima udienza formale in tribunale, alla quale non si sa neppure se Assange potrà essere presente date le precarie condizioni di salute che hanno indotto di recente le autorità a farlo ricoverare nel reparto ospedaliero del carcere inglese di massima sicurezza in cui al momento sta scontando una condanna a 50 settimane: inflittegli per aver violato i termini della cauzione nel 2012, quando si rifugio nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra.

Il caso di fronte alla giustizia britannica sulla richiesta di estradizione Usa è in ogni modo destinato a durare mesi, data l’opposizione già preannunciata dagli avvocati di Assange, che denunciano l’azione di Washington come una persecuzione e un tentativo di vendetta innescato dalla pubblicazione nel 2010 da parte di Wikileaks di una montagna di documenti riservati americani: una parte dei quali uscita del Pentagono e comprovante crimini di guerra commessi in Iraq e Afghanistan. L’effetto più concreto della firma di Javid è comunque al momento quello di confermare la priorità dell’istanza proveniente dagli Usa rispetto a un’ipotetica domanda di estradizione che dovesse arrivare dalla Svezia, dopo la riapertura a Stoccolma di una controversa inchiesta per presunto stupro contro l’attivista australiano. Domanda per ora del resto bloccata, dopo che una corte di Uppsala ha detto no a un nuovo mandato di arresto chiesto dalla procura, ritenendo insufficienti gli attuali indizi d’accusa.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
14/06/2019 05:26:50


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Egitto, riaperte due piramidi a distanza di 54 anni >>>

In Turchia arrivano i primi missili russi, rischio di nuove tensioni con gli Usa >>>

Jeff Bezos, trovato lʼaccordo per il divorzio: 38,3 miliardi di dollari all'ex moglie >>>

Trump trasforma la festa dellʼIndipendenza in una parata militare >>>

Putin a Roma, piazza San Pietro blindata per l'udienza col Papa >>>

Usa, giudice sospende la legge che vieta lʼaborto dopo 6 settimane >>>

Trump stringe la mano a Kim al confine tra le due Coree: “Un onore attraversare questa linea” >>>

Il presidente del Cile alla spianata delle Moschee, Israele protesta >>>

San Francisco mette al bando le sigarette elettroniche >>>

Pedofilia, Papa Francesco nomina un amministratore apostolico a Lione >>>