Notizie Nazionali Cronaca

"Sesso, alcool e selfie": le accuse al vescovo del Vaticano

Diffusi i contenuti delle accuse al vescovo Zanchetta

Print Friendly and PDF

Il vescovo Gustavo Zanchetta torna a far parlare di sé. Delle accuse inoltrate al presule argentino ci eravamo già occupati per una ragione in particolare: perché qualcuno aveva ipotizzato come papa Francesco avesse trasferito il presule sudamericano in Vaticano, nello specifico all'Apsa, cioè presso l'ente che si occupa di amministrare il patrimonio della Santa Sede, dopo e nonostante l'emersione delle accuse di abusi.

A questa versione dei fatti la Sala Stampa del Vaticano ha già replicato, spiegando come il contenuto delle incriminazioni sia stato reso noto solo dopo le dimissioni di mons Zanchetta dalla diocesi in cui era incaricato in Argentina e come la motivazione di quel ritiro, stando alle fasi preliminari di questa storia, riguardasse un presunto "autoritarismo" esercitato.

Delle accuse, insomma, non si sapeva ancora nulla ai tempi della "promozione". Accuseche adesso sono state approfondite nel dettaglio dalla procuratrice argentina che si sta occupando del caso giudiziario. Stando a quanto riportato su IlGazzettino, la fattispecie riguarda quelli che per ora rimangono presunti "abusi continui aggravati". Non ai danni di minori, ma di seminaristi. Potrebbero essere circostanze, queste, in cui le violenze sono state perpetrate ai danni di "adulti vulnerabili".

Vale la pena sottolineare come il vescovo Zanchetta, per stretta ammissione di papa Francesco, sia stato sottoposto a un procedimento pure dalla Santa Sede. Poi ci sono i racconti delle vittime, che parlano di come il vescovo Gustavo Zanchetta fosse solito scattare selfie con alcuni consacrati, bere con gli stessi, recarsi di notte nei loro dormitori e così via. "Sesso, alcool e selfie" sembra una tripartizione adatta a sintetizzare il quadro presentato da chi accusa.

Nel corso di questi sei anni e mezzo di pontificato, Jorge Mario Bergoglio ha più volte parlato di "clericalismo" in relazione ai casi di abusi. Un esercizio del potere ecclesiale, insomma, del tutto improprio. Vedremo, rispetto alle vicende sollevate su Zanchetta, quale saranno i responsi della giustizia argentina e di quella vaticana.

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
09/06/2019 19:07:50


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Le mani delle cosche in Emilia Romagna, coinvolto il presidente del consiglio comunale di Piacenza >>>

Caldo africano su tutta Italia con temperature fino a 43 gradi. Non accadeva da 150 anni >>>

Italiani “furbetti” del tamponamento: uno su 6 scappa se non c’è il proprietario del veicolo >>>

Bambino di 2 anni cade in una condotta di aerazione, la madre per salvarlo resta bloccata >>>

Pistoia, va a trovare il figlio ricoverato ma muore in ospedale >>>

Pedofilia, una causa da cinque milioni contro la Curia di Savona >>>

Scossa di terremoto di magnitudo 3,7 a Colonna, vicino Roma. Non si registrano danni o feriti >>>

Gioco finisce in tragedia: 20enne muore folgorato sul tetto di un treno >>>

Muore a 26 anni per entrare al rave abusivo alla Sapienza >>>

Nel Foggiano due donne picchiano in strada un’avvocatessa: “Temevo di non farcela” >>>