Notizie Nazionali Politica

Conflitto d’interessi, il M5S mira ai ricchi Fi: “E Casaleggio?”

Ineleggibile chi ha patrimoni sopra i 10 milioni, o chi ha dei contratti

Print Friendly and PDF

Conflitto di interessi, lobby, incompatibilità dei parlamentari: ecco la vera reazione del Movimento 5 stelle al decreto sicurezza bis lanciato in questi giorni da Matteo Salvini. Tre proposte che martedì - annuncia Luigi Di Maio - arriveranno sul tavolo della commissione Affari costituzionali della Camera, presieduta dal M5S Giuseppe Brescia, e confluiranno probabilmente in un testo unico per essere poi calendarizzate. I membri del governo, quelli del parlamento nazionale ed europeo e i presidenti delle Authority - scrivono i Cinque stelle - dovranno sottostare a rigide regole di incompatibilità, oltre a essere soggetti al limite dei due mandati che finora solo i Cinque stelle si infliggono. Non sarà eleggibile chi è titolare, anche per interposta persona, di patrimoni che superino i 10 milioni di euro, o che abbiano partecipazioni in imprese con diritti esclusivi, monopoli, radio tv, editoria, internet o imprese di interesse nazionale, anche all’estero o in una onlus, con quote societarie superiori al 2 per cento per i membri del governo, e al 5 per cento per i parlamentari, o che abbiano anche solo dei rapporti contrattuali di «qualsiasi natura» con la pubblica amministrazione. Una stretta anti-ricchi, dunque, che non permetterebbe ai grandi imprenditori di entrare in politica se non privandosi delle loro imprese o cedendole a familiari oltre il quarto grado . I membri del governo sono tenuti - si legge nella bozza della proposta di legge - ad «astenersi dal partecipare a qualsiasi decisione che riguardi gli interessi in conflitto». Pena: sanzioni che vanno da 50 a 500 mila euro e che verranno comminate dall’Antitrust. Per i parlamentari, invece, ci saranno solo 300 giorni per liberarsi dei conflitti di interesse, dopo di che arriverà in automatico la decadenza dalla carica e pesanti sanzioni sia al parlamentare che al partito di appartenenza.

Un affondo che non può non far pensare a Silvio Berlusconi, nei confronti del quale già in mattinata era arrivata una stoccata da Di Maio, irritato per una telefonata tra Salvini e il Cav. «L’ho chiamato solo per augurargli una pronta guarigione, visto il ricovero in ospedale», ha spiegato stizzito Salvini. «La legge si occupi pure di Casaleggio», punge velenosa Forza Italia. Ma Salvini, per ora, gioca sulle sfumature: «Siamo pronti a firmare tutto quello che c’è nel contratto di governo anche se tutte le persone che incontro mi chiedono la riduzione delle tasse».

Di Maio interviene anche sui magistrati, quasi invitandoli a non entrare in politica: «I magistrati, esclusi quelli in servizio presso le giurisdizioni superiori, non sono eleggibili se hanno svolto le loro funzioni nei sei mesi antecedenti alla data di accettazione della candidatura», si legge nelle proposte del M5S, «e non sono in ogni caso eleggibili se, all’atto dell’accettazione della candidatura, non si trovino in aspettativa non retribuita». La stretta più dura, però, arriva sulle conseguenze della candidatura: «Se sono stati candidati e non sono stati eletti, non possono esercitare le loro funzioni per un periodo di ventiquattro mesi, né percepire alcuna retribuzione ad esse relativa». Mentre quelli eletti «non possono esercitare, dopo la cessazione dal mandato, le loro funzioni né percepire alcuna retribuzione ad esse relativa, per un periodo di cinque anni». Anche i «direttori e i vicedirettori di testate giornalistiche nazionali non sono eleggibili se hanno esercitato l’incarico nei sei mesi antecedenti alla candidatura». Salvato quindi il mandato di Primo Di Nicola, eletto senatore tra i M5S dopo aver lasciato l’incarico di direttore del quotidiano locale Il Centro.

Anche i lobbisti finiscono nel mirino dei grillini. Nascerà un Registro pubblico al quale le lobby saranno costrette a iscriversi. Vietato però a chi fa politica e condannati. Per i lobbisti ci sarà poi l’obbligo di produrre un documento annuale in cui segnalare le attività svolte e le risorse economiche stanziate per esercitar pressioni. Chi dovrà sorvegliare sarà l’Autorità anticorruzione e un Comitato di sorveglianza che nascerà in seno a palazzo Chigi. E anche in questo caso, ogni violazione porterà sanzioni da 50 a 250 mila euro.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
12/05/2019 14:42:46


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Governo, Di Maio esclude la crisi e apre alla riconciliazione: "Andiamo avanti con le riforme" >>>

Governo in fibrillazione, i botta e risposta di Salvini e Di Maio mettono a rischio la maggioranza >>>

Fondi russi alla Lega, l'avvocato Meranda non risponde al pm di Milano >>>

Via libera dal Senato, il Codice rosso diventa legge: ecco che cosa prevede >>>

Manovra, ok di Conte all'idea di Di Maio per un workshop con le parti sociali >>>

Fondi russi alla Lega, Salvini: "Savoini al tavolo a Mosca? Non lʼho invitato io" >>>

Bufera Procure, Csm sospende Palamara da funzioni e stipendio >>>

Alessandra Locatelli, il neoministro che disse: "Via le foto di Mattarella dagli uffici pubblici" >>>

Governo, Conte: "Lorenzo Fontana ministro agli Affari europei" >>>

Stop alle botticelle in città, approvato emendamento in commissione >>>